02/03/13 Aggiornato il:

Alexei Antonov, 1957 | Surrealist /Portrait / Still life painter





Aлексей Антонов: "I was born in Russia in 1957, and I've been trying both hands (I'm ambidextrous) at art ever since. I can remember my self from the age of two, and when I was three, I was the terror of my mother's make-up kit, as I loved to draw murals on the wallpaper with her lipstick.
All through my childhood I continued drawing, and in high school, though I left much to be desired in my other classes, I excelled in art and singing.
I think that I was not a good student in other areas, because I prefer to teach than to be taught. Eventually though, I learned to learn.
In 1972 I entered the State Art College in Baku, where impressionistic, realistic and abstract painting were taught...but no classical.











I joined other students in minor revolts against communism by growing my hair out, looked for hot chicks, and even studied quite a bit. In 1976 I graduated, and went to work at the Reseach Institute of Design in Moscow. From 1986-1990 I lived in Moscow and worked as a graphic artist and illustrator for magazines published by the main Russian Press Agency, "Novosti" (News).

I also designed posters for leading pop singers and rock groups during this period of time, but my most important work was the active and attentive study of the technique of the old masters such as Rubens, Van Dyke and Snyders. This is when I met Nikolai Shurigin, a successful artist and Russian patriot, who, though younger than me, had already discovered much about this technique and was powerful both in his painting and in his personality.

I learned much from and with him. I left Russia for the first time in 1988, when I visited Italy to study the paintings in the museums and exhibit some of my own. In 1989 I opened Rubens Gallery in Moscow, under the sponsorship of the central youth newspaper, "Komsomolskaya Pravda". I also took part in numerous exhibitions in Moscow, which were covered by the Russian Press.

I have been living and working in the USA since 1990, and it's a good thing, because if I were still in Russia, I never would have made this beautiful web page for you to enjoy. This unique classical technique is practiced by very few artists at this time and is no longer taught in art schools. My works are in private collections in many countries around the world.


























img border="0" height="480" src="https://4.bp.blogspot.com/-ub0v21RQrA8/Tplhtc7YJBI/AAAAAAAAWSQ/CeJPZZ2KcP0/s640/Alexei+ANTONOV+-+Tutt%2527Art%2540+-+%252860%2529.jpg" width="640" />

























Alexei Antonov è nato in Russia nel 1957. La passione per l'arte nasce da quando era bambino. Ricorda infatti di essere stato attratto dal kit di make-up della madre e di disegnare murales sulla carta da parati con il suo rossetto.
Per tutta la sua infanzia ha continuato disegnare, ed al liceo eccelleva nell'arte e nel canto. Le sue opere sono classificabili nel realismo classico.

- "Ho studiato arte in Russia, Azerbaijan e Italia, ed ho vissuto negli Stati Uniti dal 1990. Sono ambidestro.
I miei ricordi risalgono ai miei 3 anni, quando ero già il terrore del make-up di mia madre! Amavo disegnare murales sulla carta da parati con il suo rossetto.
Durante tutta la mia infanzia ho continuato disegno e al liceo, anche se ho lasciato molto a desiderare nelle mie altre materie, eccellevo nell'arte e nel canto.
Penso che non ero un bravo studente negli altri settori perché preferivo insegnare piuttosto che imparare.
Alla fine, però, ho imparato a imparare.
Nel 1972 sono entrato nel liceo artistico di Stato a Baku, dove mi è stata insegnata la pittura impressionista, realistica e astratta, ma non la classica.
Nel 1976 mi sono laureato e sono andato a lavorare presso l'Istituto Reseach di Design di Mosca.
Dal 1986-1990 ho vissuto a Mosca e ho lavorato come grafico e illustratore per le riviste pubblicate dalla principale agenzia di stampa russa, "Novosti" (News).
Ho anche disegnato manifesti per i principali cantanti pop e gruppi rock durante questo periodo di tempo, ma il mio lavoro più importante è stato lo studio attivo e attento della tecnica degli antichi maestri come Rubens, Van Dyke e Snyders.
Nel frattempo ho incontrato Nikolai Shurigin, un artista e patriota russo di successo, che, pur essendo più giovane di me, aveva già scoperto molto su questa tecnica ed era potente sia nella sua pittura che e come personalità.
Ho imparato molto da e con lui. Ho lasciato la Russia per la prima volta nel 1988, quando ho visitato l'Italia per studiare i quadri nei musei e presentare alcune delle mie opere.
Nel 1989 ho aperto la Rubens Gallery di Mosca, sotto il patrocinio del giornale centrale dei giovani Komsomolskaya Pravda.
Ho anche preso parte a numerose mostre a Mosca, che sono state censurate dalla stampa russa.
Ho vissuto e lavorato negli Stati Uniti dal 1990, ed è una buona cosa, perché se fossi ancora in Russia, non avrei mai fatto questa bella pagina web per il tuo divertimento.
Questa particolare tecnica classica che io utilizzo è praticata da pochissimi artisti in questo momento e non è più insegnata nelle scuole d'arte.
Le mie opere sono in collezioni private in molti paesi di tutto il mondo".






Support Tutt'Art@
Donate