06/08/12 Aggiornato il:

Charles Roka



Charles Roka {Róka Károly} 1912-1999 è stato un pittore ungherese residente in Norvegia, il cui nome è legato soprattutto all'eccesso del kitsch artistico. Roka nacque in Ungheria nel 1912. Dopo aver completato gli studi nell'Accademia dell Belle Arti di Budapest, intraprese un viaggio attraverso tutta l'Europa. Nel 1937 si stabilì definitivamente in Norvegia, e visse a Bærum (poco fuori Oslo) fino alla morte. Nel 1939 dipinse la sua prima opera, il mezzo-nudo intitolato Gipsy Girl letteralmente: "Gitana", "Vagabonda", la cui ispirazione prese alcuni anni prima a Marsiglia.
Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait
Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait
Furono le numerose varianti di questa "Gitana" che decretarono il successo economico di Roka, ma la sfortuna come artista (la cui carriera rimase quasi esclusivamente legata a questo dipinto). Roka venne sempre rifiutato dal mondo dell'arte, e non fu mai amato dalla critica. Le opere che raffiguravano altri soggetti, come quelle del folklore ungherese, non vennero mai prese in considerazione dai circoli intellettuali europei.
Roka riuscì a fare alcune mostra a Madrid, Barcellona e Losanna, e divenne molto popolare in Scandinavia. Nel 1982, a causa di una malattia, fu costretto a smettere di dipingere. Nel 2005, Haugar Vestfold Kunstmuseum concepì una mostra estiva intitolata Prince of Kitsch ("Principe del Kitsch"), esibendo circa 80 dei suoi lavori. Fu la prima volta che una galleria d'arte venerabile e riconosciuta appese i lavori di Roka ai propri muri.
Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait

Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait
Il kitsch che ha origini tedesche, rappresenta una forma dell'arte ed era inizialmente usato per descrivere oggetti di cattivo gusto. Il kitsch è spesso associato a tipi di arte sentimentali, svenevoli e patetici; il termine può comunque essere utilizzato per descrivere un oggetto artistico che presenta una qualsiasi mancanza: una delle caratteristiche di questo tipo di arte consiste, infatti, nel tendere ad essere una imitazione sentimentale superficiale e teatrale. Si sottolinea spesso la mancanza, negli oggetti chiamati kitsch, del senso di creatività ed originalità propri dell'autentica arte. Una definizione generica adottata nell'architettura e nel design indica come kitsch qualsiasi oggetto la cui forma non derivi dalla funzione. In realtà l'evoluzione del termine è stata ampia e, sebbene ancora oggi conservi quel significato, connotazioni meno "superficiali" sono state attribuite ad esso. Ne deriva che artisti o artigiani possono deliberatamente ricorrere al kitsch come forma di espressione. Prodotti contemporanei caratterizzati nelle intenzioni o negli esiti da risultati esteticamente ambigui vengono spesso definiti trash.
Charles Roka 1912-1999 | Hungarian-born Norwegian painter | Vintage portrait