24/09/15 Aggiornato il:

Charles Angrand | Neo-Impressionist painter




Charles Angrand (1854-1926) was a visible presence in the Parisian avant-garde in the late 1880s and early 1890s. Associated with a circle of artists known as the Neo-Impressionists, Angrand emulated the shadowy crayon drawings of Georges Seurat, Neo-Impressionism's standard-bearer. Here Angrand presents himself, not at all as an artist, but as a bourgeois dandy, impeccably dressed and smoking a small cigar.
His dashing figure emerges from a penumbra of black ground. Following Seurat's lead, Angrand deftly manipulates the stark white of the textured paper to illuminate the darkness. Fellow Neo-Impressionist Paul Signac praised Angrand's crayon drawings: "… his drawings are masterpieces. It would be impossible to imagine a better use of white and black …These are the most beautiful drawings, poems of light, of fine composition and execution". | © The Metropolitan Museum of Art
























Charles Théophile Angrand (1854-1926) fu un noto pittore Francese che conquistò pubblico e critica con i suoi dipinti Neo-impressionisti, protagonisti dell’arte d’avanguardia parigina. Angrand nacque a Criquetot-sur-Ouville (Normandia), durante gli anni della formazione artistica frequentò l’Académie de Peinture et de Dessin presso Rouen.
Visitò Parigi per la prima volta nel 1875 recandosi per studio a École des Beaux-Arts, dove ammirò i dipinti di Jean-Baptiste-Camille Corot, tuttavia l’ingresso in questa scuola gli fu negato.
Nonostante gli ostacoli, Angrand, si trasferì nella capitale parigina (1882) dove insegnò matematica presso le Collège Chaptal. Ebbe modo di frequentare molti ambienti artistici e di entrare in contatto con l’arte d’avanguardia parigina, conoscendo artisti come Georges Seurat, Vincent van Gogh, Paul Signac, Maximilien Luce e Henri Edmond Cross.
Nel 1884 fondò con alcuni artisti, Seurat, Signac, Odilon Redon, la Société des Artistes Indépendants. In seguito espose diversi dipinti di matrice impressionista che si evolve poi in una nuova forma della stessa corrente chiamata Neo-impressionismo. Non fu tuttavia l’unica corrente ad ispirare le opere di Andres: dopo un incontro con Van Gogh, Andres iniziò ad elaborare quadri divisionisti, ricordiamo L’incidente (1887) che furono poi esposti al Salon des Indépendants.
Successivamente fu la volta della tecnica en plain air e poi di un accenno di Puntinismo, citiamo il quadro Coppia per strada. Tutti questi stili sono accomunati dal tratto gentile di Angrad, dalla moderazione cromatica e dal perfetto bilanciamento di luci ed ombre, caratteristiche spesso elogiate da Signac.
Angrand espose i suoi dipinti a Parigi e a Rouen, presso l’Indépendants Les, le Galerie Druet, le Galerie Durand-Ruel e le Bernheim-Jeune, in seguito, nel 1890, lasciò la pittura per dedicarsi al disegno.
Nel 1896 andò a vivere a Saint-Laurent-en-Caux e dieci anni dopo ricominciò a dipingere, dedicandosi al divisionismo. Morì a Rouen, dove è sepolto, nel 1926.