24/12/15 Aggiornato il:

Honoré de Balzac | Quotes / Aforismi



    The heart of a mother is a deep abyss at the bottom of which you will always find forgiveness.
  • A woman knows the face of the man she loves as a sailor knows the open sea.
  • There is no such thing as a great talent without great will power.
  • True love is eternal, infinite, and always like itself. It is equal and pure, without violent demonstrations: it is seen with white hairs and is always young in the heart.
  • There are some women whose pregnancy would make some sly bachelor smile.
  • Love has its own instinct, finding the way to the heart, as the feeblest insect finds the way to its flower, with a will which nothing can dismay nor turn aside.


  • The majority of husbands remind me of an orangutan trying to play the violin.
  • An unfulfilled vocation drains the color from a man's entire existence.
  • Love may be or it may not, but where it is, it ought to reveal itself in its immensity.
  • Equality may perhaps be a right, but no power on earth can ever turn it into a fact.
  • Laws are spider webs through which the big flies pass and the little ones get caught.
  • Nobody loves a woman because she is handsome or ugly, stupid or intelligent. We love because we love.
  • In diving to the bottom of pleasure we bring up more gravel than pearls.
  • A good husband is never the first to go to sleep at night or the last to awake in the morning.
  • If we could but paint with the hand what we see with the eye.
  • Between the daylight gambler and the player at night there is the same difference that lies between a careless husband and the lover swooning under his lady's window.
  • A mother's happiness is like a beacon, lighting up the future but reflected also on the past in the guise of fond memories.
  • It is the mark of a great man that he puts to flight all ordinary calculations. He is at once sublime and touching, childlike and of the race of giants.
  • The smallest flower is a thought, a life answering to some feature of the Great Whole, of whom they have a persistent intuition.
  • Nothing so fortifies a friendship as a belief on the part of one friend that he is superior to the other.
  • It is easy to sit up and take notice, What is difficult is getting up and taking action.
  • It is only in the act of nursing that a woman realizes her motherhood in visible and tangible fashion; it is a joy of every moment.
  • Old maids, having never bent their temper or their lives to other lives and other tempers, as woman's destiny requires, have for the most part a mania for making everything about them bend to them.
  • Power is action; the electoral principle is discussion. No political action is possible when discussion is permanently established.
  • No man should marry until he has studied anatomy and dissected at least one woman.
  • A young bride is like a plucked flower; but a guilty wife is like a flower that had been walked over.
  • The more one judges, the less one loves.
  • The motto of chivalry is also the motto of wisdom; to serve all, but love only one.
  • The art of motherhood involves much silent, unobtrusive self-denial, an hourly devotion which finds no detail too minute.
  • When women love us, they forgive us everything, even our crimes; when they do not love us, they give us credit for nothing, not even our virtues.
  • A flow of words is a sure sign of duplicity.
  • A husband who submits to his wife's yoke is justly held an object of ridicule. A woman's influence ought to be entirely concealed.
  • Love or hatred must constantly increase between two persons who are always together; every moment fresh reasons are found for loving or hating better.
  • The fact is that love is of two kinds, one which commands, and one which obeys. The two are quite distinct, and the passion to which the one gives rise is not the passion of the other.
  • A lover always thinks of his mistress first and himself second; with a husband it runs the other way.
  • Great love affairs start with Champagne and end with tisane.
  • Bureaucracy is a giant mechanism operated by pygmies.
  • Marriage must incessantly contend with a monster that devours everything: familiarity.
  • Our most bitter enemies are our own kith and kin. Kings have no brothers, no sons, no mother!
  • Virtue, perhaps, is nothing more than politeness of soul.
  • Behind every great fortune lies a great crime.
  • Clouds symbolize the veils that shroud God.
  • First love is a kind of vaccination which saves a man from catching the complaint the second time.
  • The man as he converses is the lover; silent, he is the husband.
  • Love is a game in which one always cheats.
  • Power is not revealed by striking hard or often, but by striking true.
  • Solitude is fine, but you need someone to tell you that solitude is fine.
  • Nature makes only dumb animals. We owe the fools to society.
  • To those who have exhausted politics, nothing remains but abstract thought.
  • But reason always cuts a poor figure beside sentiment; the one being essentially restricted, like everything that is positive, while the other is infinite.
  • One should believe in marriage as in the immortality of the soul.
  • Love is the poetry of the senses.
  • We exaggerate misfortune and happiness alike. We are never as bad off or as happy as we say we are.
  • I do not regard a broker as a member of the human race.
  • There is something great and terrible about suicide.
  • Nothing is a greater impediment to being on good terms with others than being ill at ease with yourself.
  • It is easier to be a lover than a husband for the simple reason that it is more difficult to be witty every day than to say pretty things from time to time.
  • Many men are deeply moved by the mere semblance of suffering in a woman; they take the look of pain for a sign of constancy or of love.
  • Finance, like time, devours its own children.
  • Chance, my dear, is the sovereign deity in child-bearing.
  • Towns find it as hard as houses of business to rise again from ruin.
  • Modesty is the conscience of the body.
  • A mother who is really a mother is never free.
  • Unintelligent persons are like weeds that thrive in good ground; they love to be amused in proportion to the degree in which they weary themselves.
  • Courtesy is only a thin veneer on the general selfishness.
  • The most virtuous women have something within them, something that is never chaste.
  • It is as absurd to say that a man can't love one woman all the time as it is to say that a violinist needs several violins to play the same piece of music.
  • Women are tenacious, and all of them should be tenacious of respect; without esteem they cannot exist; esteem is the first demand that they make of love.
  • If those who are the enemies of innocent amusements had the direction of the world, they would take away the spring, and youth, the former from the year, the latter from human life.
  • Passion is universal humanity. Without it religion, history, romance and art would be useless.
  • A mother's life, you see, is one long succession of dramas, now soft and tender, now terrible. Not an hour but has its joys and fears.
  • A man is a poor creature compared to a woman.
  • The duration of passion is proportionate with the original resistance of the woman.
  • Vocations which we wanted to pursue, but didn't, bleed, like colors, on the whole of our existence.
  • Manners are the hypocrisy of a nation.
  • All humanity is passion; without passion, religion, history, novels, art would be ineffectual.
  • At fifteen, beauty and talent do not exist; there can only be promise of the coming woman.
  • Wisdom is that apprehension of heavenly things to which the spirit rises through love.
  • When law becomes despotic, morals are relaxed, and vice versa.
  • Suicide, moreover, was at the time in vogue in Paris: what more suitable key to the mystery of life for a skeptical society?
  • Excess of joy is harder to bear than any amount of sorrow.
  • Men die in despair, while spirits die in ecstasy.
  • To kill a relative of whom you are tired is something. But to inherit his property afterwards, that is genuine pleasure.
  • Children, dear and loving children, can alone console a woman for the loss of her beauty.
  • For passion, be it observed, brings insight with it; it can give a sort of intelligence to simpletons, fools, and idiots, especially during youth.
  • When Religion and Royalty are swept away, the people will attack the great, and after the great, they will fall upon the rich.
  • Death unites as well as separates; it silences all paltry feeling.
  • A grocer is attracted to his business by a magnetic force as great as the repulsion which renders it odious to artists.
  • Political liberty, the peace of a nation, and science itself are gifts for which Fate demands a heavy tax in blood!
  • Ideas devour the ages as men are devoured by their passions. When man is cured, human nature will cure itself perhaps.
  • The country is provincial; it becomes ridiculous when it tries to ape Paris.
  • What is a child, monsieur, but the image of two beings, the fruit of two sentiments spontaneously blended?
  • Lovers have a way of using this word, nothing, which implies exactly the opposite.
  • Society bristles with enigmas which look hard to solve. It is a perfect maze of intrigue.
  • Those who spend too fast never grow rich.
  • Conscience is our unerring judge until we finally stifle it.
  • Thought is a key to all treasures; the miser's gains are ours without his cares. Thus I have soared above this world, where my enjoyment have been intellectual joys.
  • The life of a man who deliberately runs through his fortune often becomes a business speculation; his friends, his pleasures, patrons, and acquaintances are his capital.
  • It would be curious to know what leads a man to become a stationer rather than a baker, when he is no longer compelled, as among the Egyptians, to succeed to his father's craft.
  • The man whose action habitually bears the stamp of his mind is a genius, but the greatest genius is not always equal to himself, or he would cease to be human.
  • Small natures require despotism to exercise their sinews, as great souls thirst for equality to give play to their heart.
  • What is art? Nature concentrated.
  • The habits of life form the soul, and the soul forms the countenance.
  • Study lends a kind of enchantment to all our surroundings.

[Ultime parole] Otto giorni di febbre! Avrei avuto il tempo di scrivere ancora un libro.
  • Bisogna che una donna ami sempre un uomo che le sia superiore o che sia talmente ingannata nel giudicarlo tale, che allora il risultato sia identico...
  • E così voi credete nella realtà!… Mi affascinate, davvero. Non vi avrei mai supposto ingenuo a tal segno. La realtà! Avanti, parlatemene, di questa realtà! Sottraetevi a queste candide fantasie. Suvvia! Siamo noi che la creiamo, la realtà.
  • [George Sand] Essa è un maschio, è artista, è grande, generosa, devota, casta; ha l'aspetto maschile: ergo, non è donna...
  • I buoni matrimoni sono come la crema; basta un nonnulla a farli andare a male. 
  • L'abbigliamento è l'espressione della società. 
  • La chiave di tutte le scienze è senza dubbio il punto di domanda. 
  • L'astrologia è una scienza immensa che ha regnato sulle più grandi intelligenze. 
  • La burocrazia è un gigantesco meccanismo azionato da pigmei.
  • La malattia del nostro tempo è la superiorità. Ci sono più santi che nicchie. 
  • La volontà può e deve essere motivo d'orgoglio più dell'ingegno.
  • Le meno astute delle donne hanno un'infinità di trappole; la più sciocca trionfa grazie alla poca diffidenza che ispira.
  • Molière, ragazzi miei, ha avuto l'onestà e il patriottismo a base del suo genio.
  • Nessuna donna viene abbandonata senza ragione. È un assioma scritto in fondo al cuore di ogni donna; di qui il furore delle abbandonate. 
  • Nessuno osa dire addio all'abitudine. Molti suicidi si sono fermati sulla soglia della morte per il ricordo del caffè dove vanno tutte le sere a giocare la loro partita a domino.
  • Non vi è che l'ultimo amore di una donna capace di soddisfare il primo di un uomo.
  • Huit jours avec de la fièvre! J'aurais encore eu le temps d'écrire un livre.
  • Una notte d'amore è un libro letto in meno.
  • Una società di atei inventerebbe subito una religione.
  • L'adulazione non viene mai dalle anime grandi, è appannaggio degli spiriti piccini, che riescono a rimpicciolirsi ancor più per meglio entrare nella sfera vitale delle persone intorno a cui gravitano.
  • Lo sguardo d'un uomo abituato a trarre dai suoi capitali un interesse straordinario, contrae fatalmente, come quello del voluttuoso, del giocatore, o del cortigiano, certe abitudini indefinibili, certi moti furtivi, avidi, che possono sfuggire a quelli che provano le identiche inclinazioni; e questo segreto linguaggio forma in certo qual modo la framassoneria delle passioni.
  • Se la luce è il primo amore della vita, l'amore non è forse la luce del cuore?
  • La burla fa appassire il cuore e dissipa ogni sentimento...
  • Vi son donne che non tollerano l'abbandono e che, pur di strappare l'amante alla rivale, lo uccidono e fuggono in capo al mondo, sul patibolo o nella tomba, vinte da un impeto sublime di passione superiore ad ogni giustizia umana; ma ve ne sono altre che piegano il capo e soffrono in silenzio; esse vanno morenti e rassegnate, pregando e perdonando, pregando e ricordando fino all'ultimo respiro. Ed è questo l'amor vero, l'amore degli angeli, l'amor dignitoso che vive della propria angoscia e ne muore.
  • Nelle circostanze solenni della vita, l'anima resta legata ai luoghi ove piaceri e dolori ci colpiscono [...].
  • Il denaro senza l'onore è una malattia.
  • Quasi sempre gli errori di una donna derivano dalla sua fede nel bene o nel vero.
  • Nella vita, la donna ha più cagioni di sofferenza dell'uomo e soffre, in realtà, più di lui.
  • Il Consiglio dei ministri è una specie d'albergo dove l'opinione pubblica ci invia di sovente strani viaggiatori, ma infine sapremo sempre dove mettere i nostri fedeli seguaci.
  • Una nobiltà senza privilegi [...] è come un utensile senza manico.
  • L'ammirazione prolungata è sempre una fatica per il genere umano.
  • Quelli che piacciono a tutti [...] non piacciono a nessuno e il peggiore dei difetti è quello di non averne.
  • Le leggi penali son state fatte da gente che non ha conosciuto la sventura.
  • La rassegnazione della vigilia ha sempre preparato quella dell'indomani.
  • I dolori, le meditazioni, le disperazioni, le melancolie passate e non dimenticate sono altrettanti legami con i quali l'anima si allaccia all'anima confidente.
  • Lo schiavo ha la propria vanità, non vuole obbedire che al più grande dei despoti;
  • Il rispetto è una barriera che protegge egualmente il grande e il piccolo, ciascuno dal suo lato può guardarsi in faccia.
  • L'amore ha in orrore tutto ciò che non è esso stesso.
  • Le passioni vere sembrano essere dei bei fiori che più dànno piacere al vederli quanto più è ingrato il terreno ove fioriscono.
  • Vi sono nella natura effetti i cui significati sono senza contorni, e che si elevano all'altezza delle più grandi concezioni morali.
  • L'astinenza ha dei mortali mancamenti che alcune briciole, cadute a una a una da quel cielo che da Dan al Sahara dà la manna al viandante, prevengono.
  • Le anime dolci e pacifiche in cui la collera è impossibile, che vogliono far regnare attorno a sé la loro profonda pace interiore, sanno esse sole quanta forza sia necessaria per tali lotte, quali abbondanti fiotti di sangue affluiscono al cuore prima di intraprendere il combattimento, quale stanchezza si impadronisca dell'essere loro quando dopo aver lottato, nulla è raggiunto.
  • I sentimenti corrono sempre vivi in questi ruscelli scavati che trattengono le acque, li purificano, rinfrescano incessantemente il cuore e fertilizzano la vita con gli abbondanti tesori di una fede nascosta, divina sorgente ove si moltiplica l'unico pensiero di un unico amore.
  • I godimenti che la passione dà, sono orribilmente tempestosi, pagati con snervanti inquietudini che spezzano le corde dell'anima.
  • Nessuna donna, per quanto gran moralista può essere, può essere eguale a un uomo.
  • La lingua di una inglese spiritosa assomiglia a quella di una tigre che strazia la carne fino all'osso volendo giocare.
  • Il pericolo estremo ha sull'anima una potenza così terribile quanto quella dei più potenti reattivi sul corpo. È una pila di Volta morale. Forse non è lontano il giorno in cui si scoprirà che il sentimento si condensa chimicamente in un fluido, quasi simile a quello dell'elettricità.
  • Il potere non prova la propria forza a sé stesso che collo strano abuso d'incoronare con le palme della vittoria qualche assurdità, insultando il genio, sola forza che il potere assoluto non possa toccare. La promozione del cavallo di Caligola, questa farsa imperiale ha avuto e avrà sempre un gran numero di rappresentazioni.
  • Il ricatto è uno dei più vili assassini. E ai miei occhi un delitto d'una scellerataggine più profonda dell'omicidio.
  • La vendetta che sopravvive alla morte dell'essere odiato, che non è mai sazia, causa un tetro spavento.
  • Quando la legge è soddisfatta, la società non lo è, essa conserva le sue differenze, e fa di tutto per giustificarle a sé stessa; essa rende il forzato liberato un essere impossibile; essa deve rendergli tutti i suoi diritti, ma gli interdice di vivere in una certa zona.
  • Sono i paesi atei o filosofi che fanno pagar cara la vita umana a quelli che la turbano, ed hanno ragione, poiché essi non credono che alla materia, presentemente!
  • L'archeologia sta alla natura sociale così come l'anatomia comparata sta alla natura organizzata. 
  • Un mosaico rivela tutta una società, come uno scheletro di ittiosauro sottintende una creazione. 
  • La causa fa intuire un effetto, come ogni effetto consente di risalire a una causa. 
  • La materialità più squisita si ritrova in tutte le abitudini fiamminghe. Il comfort inglese presenta tinte secche, toni duri; mentre in Fiandra i vecchi interni delle case rallegrano lo sguardo con morbidi colori e con una schietta bonomia; suggeriscono un lavoro senza fatica, e il piacere della pipa rivela una felice applicazione del far niente napoletano; [...]
  • Troppo spesso il vizio e il genio producono effetti simili, che ingannano l'uomo comune. Il genio non è forse un eccesso costante che divora tempo, denaro, corpo, e conduce all'ospedale ancor più rapidamente delle cattive passioni? 
  • Sembra che gli uomini abbiano addirittura più rispetto per i vizi che per il genio, giacché rifiutano di dargli credito.
  • Una donna bella può tranquillamente esser se stessa, il mondo ne tollera sempre una sciocchezza o una goffaggine; mentre invece un solo sguardo spegne anche la più meravigliosa delle espressioni sulle labbra di una donna brutta, le intimidisce gli occhi, aumenta la malagrazia dei suoi gesti, imbarazza il suo compagno.
  • L'amore che si basa sul denaro e sulla vanità genera la più ostinata delle passioni [...].
  • Il segreto delle grandi fortune senza causa apparente è un delitto dimenticato, perché fu fatto a puntino.
  • Tra i diciotto commensali si trovava, come nei collegi, come dappertutto, una povera creatura abbandonata, una vittima su cui fioccavano gli scherzi. Al principio del secondo anno, questa figura divenne per Eugenio de Rastignac la più saliente fra tutte quelle in mezzo a cui era condannato a vivere ancora per due anni. Questo Patirai era l'antico vermicellaio, papà Goriot, sul quale un pittore, lo storico, avrebbe fatto cadere tutta la luce del quadro.
  • Il nostro cuore è un tesoro, vuotatelo di colpo, siete rovinati. Noi non perdoniamo ad un sentimento d'essersi manifestato nella sua interezza più di quanto non perdoniamo ad un uomo di non possedere un soldo di suo.
  • Quando non si vuol essere ingannato dal giuoco delle marionette, bisogna entrare senz'altro nella baracca, e non contentarsi di guardare attraverso i buchi della tenda.
  • Chiedete alle donne quali uomini preferiscono: gli ambiziosi. Gli ambiziosi hanno le reni più resistenti, il sangue più ricco di ferro, il cuore più caldo, degli altri uomini. E la donna è così felice e così bella nelle ore in cui è forte, che preferisce a tutti gli uomini quello che ha una forza enorme, a costo d'essere spezzata da lui. 
  • È noioso desiderare sempre e non soddisfarsi mai.
  • Di corruzione ce n'è tanta, il talento è raro. Perciò, la corruzione è l'arma della mediocrità che abbonda, e voi ne sentirete ovunque la punta.
  • La virtù è inscindibile: o è o non è. Si dice che basta far penitenza dei propri peccati. Un altro bel sistema, in virtù del quale si è assolti da un delitto con un atto di contrizione!
  • Che cosa c'è di più bello del contemplare la propria vita e trovarla pura come un giglio? Io e la vita siamo come un giovane e la sua fidanzata.
  • La beneficenza, che unisce due esseri in uno solo, è una passione celeste, tanto incompresa, tanto rara quanto il vero amore. L'una e l'altro sono la prodigalità delle anime belle.
  • È proprio nella natura femminile provare l'impossibile col possibile e distruggere i fatti con presentimenti. 
  • L'insuccesso ci fa sentire sempre il potere delle nostre pretese.
  • Ricchi o poveri, non hanno mai denaro per le necessità della vita, mentre ne trovano sempre per i loro capricci.
  • Le donne sono sempre sincere, anche nelle loro più grandi falsità, perché cedono a qualche sentimento naturale.
  • Un sentimento non è forse il mondo in un pensiero?
  • L'amore è una religione, e il culto deve costar più caro che quello d'ogni altra religione; esso passa rapidamente, e passa come un monello che vuol lasciar traccia del suo passaggio con le devastazioni. Il lusso del sentimento è la poesia delle soffitte; senza tale ricchezza, che diverrebbe l'amore?
  • Rastignac, come la maggior parte dei giovani i quali, in anticipo, hanno assaporato il gusto del grandioso, voleva presentarsi completamente armato nella lizza del mondo, ne aveva contratto la febbre e sentiva forse di avere il potere di dominarlo, ma senza ancora conoscere né i mezzi né il fine di quella ambizione. Quando manca l'amore puro e sacro, che riempie una vita, questa sete del potere può divenire un nobile sentimento; basta abbandonare ogni interesse personale e proporsi qual meta la grandezza del proprio paese.
  • Sacramento!, signori – disse il ripetitore – lasciate stare papà Goriot, e non ce ne fate fare un'indigestione; è da un'ora che ci è servito in tutte le salse! Uno dei privilegi della brava città di Parigi è quello di poter nascere, vivere, morire senza che nessuno vi faccia attenzione. Approfittiamo perciò dei vantaggi della civiltà. Oggi sono morte sessanta persone; vi volete proprio impietosire delle ecatombi parigine? Se papà Goriot è crepato, tanto meglio per lui! Se lo adoravate, andate a vegliarlo, e a noi lasciateci mangiare in pace. - Oh!, sì – disse la vedova – meglio per lui che sia morto! Pare che il pover'uomo abbia avuto parecchi dispiaceri, durante la sua vita.
  • Provò quei bei rimorsi intimi e nobili – il cui merito raramente è apprezzato dagli uomini quando giudicano i propri simili – che fanno sovente assolvere dagli angeli del cielo il criminale condannato dai giuristi della terra.
  • La gioventù non osa guardarsi allo specchio della coscienza quando precipita dalla parte dell'ingiustizia, mentre l'età matura vi si è già specchiata: qui sta tutta la differenza fra queste due fasi della vita.
  • In questo assomigliava a molta gente che non si fida dei parenti e si abbandona al primo venuto. Fatto di costume curioso, ma vero, di cui è facile trovare radice nel cuore umano. Forse alcuni non hanno più nulla da guadagnare vicino alle persone con cui vivono; anzi dopo aver mostrato loro il vuoto della propria anima si sentono intimamente giudicate da quelle con una severità meritata; e così, provando un bisogno invincibile di adulazioni che non ricevono mai, oppure rosi dalla voglia di apparire possessori di qualità che non hanno, sperano di sorprendere la stima o il cuore degli estranei, a rischio, un giorno o l'altro, di abbassarsi.
  • Come tutte le menti ristrette, Mme Vauquer aveva l'abitudine di non uscire dalla cerchia degli eventi e di non giudicarne le cause. Preferiva incolpare gli altri dei propri errori.
  • Ecco com'è la vita. È un po' come la cucina, puzza altrettanto e bisogna sporcarsi le mani se si vuol far da mangiare; sappia soltanto sbrogliarsela con eleganza. È tutta qui la morale della nostra epoca.