22/02/17 Aggiornato il:

Enrique Serra y Auque | Romantic Landscape painter









Enrique Serra y Auque (1859-1918) was born in Barcelona where he later attended art school. Due to a scholarship, he was able to move to Rome in 1879 where he studied at the Accademia di San Luca. Soon, Serra established himself as a painter in Rome, recorded first sales success and received several commissions for the Vatican.



In 1895 he opened a studio in Paris, which became a meeting point for young Spanish artists*.
As an illustrator for the Spanish magazine "Ilustración Española y Americana" he gained further recognition.
In 1888 he was honored with the Gold Medal* of the Universal Exhibition in Barcelona, his works were shown at numerous exhibitions, including in the prestigious Sala Parés gallery in Barcelona.



























Enrique Serra-y-Auque (Barcellona 1859 - Roma 1918) nasce in Spagna a Barcellona nel 1859, arriva in Italia a Napoli nel 1877 e poi a Roma dove si dedica dapprima alla pittura di storia e poi a quella di paesaggio, soprattutto ai tramonti della Campagna Romana.
In questo periodo prende contatto con i simbolisti romani e internazionali. Diventa nel 1883 membro dell’Accademia di San Luca e dell’Accademia dell’Arcadia e dipinge il quadro della Vergine di Monserrato, acquistato dal pontefice per la sua collezione privata.
Dal 1896-1906 una serie di esposizioni, prima a Firenze, poi a Roma nel 1901 partecipò alla mostra In Arte Libertas con Giornata Piovosa e poi a Milano con il dipinto La Città Morta.
Espose in tante altre manifestazioni italiane e anche alle Biennali veneziane.
Sala predilesse come tecnica l’acquerello, tanto da essere soprannominato il principe dell’acquerello.
Nel 1908, vinse il premio* Principe Umberto con il dipinto Trasparenze. Per qualche anno soggiornò a Parigi, sottoscrivendo un accordo con la Casa Goupil. Goupil è stato uno dei più importanti mercanti ed editore d’arte francese del XIX secolo.
Sposò un inglese e nel 1913 acquistò una villa a Mergozzo sul lago Maggiore. Da qui uscirono molti dei suoi dipinti.












Archivio