Visualizzazione post con etichetta Metropolitan Museum of Art. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Metropolitan Museum of Art. Mostra tutti i post

03/02/20

Textual description of firstImageUrl

Gaetano Gandolfi (1734-1802) | Drawings


Gaetano Gandolfi🎨 was a painter, draughtsman, sculptor and etcher of the late Baroque and early Neoclassic period, active in Bologna, part of an Italian family of artists.
As a student at the Accademia Clementina he won two medals🎨 for sculpture and four medals for his drawings.
Throughout his life he remained actively involved in the affairs of the Accademia Clementina, where he taught a class in life drawing. He was a gifted draughtsman, and his drawings were highly prized by contemporary collectors.












Gaetano Gandolfi🎨 (San Matteo della Decima 1732 - Bologna 1802) frequentò l'Accademia Clementina di Bologna, ma su di lui l'influenza determinante fu esercitata dal fratello Ubaldo.
Come studente all'Accademia Clementina ha vinto due medaglie🎨 per la scultura e quattro medaglie🎨 per i suoi disegni.
Nel 1760 trascorse un anno a Venezia, dove ebbe modo di studiare le opere del Tiepolo🎨 e di altri pittori veneti.
Viaggiò anche in Inghilterra ma tornato a Bologna realizzò affreschi e tele in varie chiese e conventi di Bologna.
La sua fama, dopo l'esperienza veneta, accrebbe tanto che le sue prestazioni pittoriche vennero richieste in varie città d'Italia.
Le sue opere, a carattere mitologico, storico e religioso, possono essere ammirate presso la Pinacoteca Nazionale di Bologna, ma sono custodite anche nei musei e gallerie d'arte di tutto il mondo, tra cui il Louvre di Parigi e il Metropolitan Museum of Art di New York.
Un suo dipinto di medie dimensioni dal titolo “Diana e Callisto🎨” è stato venduto ad oltre 3 milioni di euro ad un’asta Christie’s di New York.



03/01/20

Textual description of firstImageUrl

Paul Cézanne at The Metropolitan Museum of Art

Paul Cézanne | Madame Cézanne (Hortense Fiquet, 1850-1922) in the Conservatory, 1891

Hortense Fiquet, a former artist’s model, met Cézanne about 1869; they had a son in 1872, fourteen years before they married.
This painting, one of more than two dozen for which Hortense posed, is set in the conservatory of Jas de Bouffan, the Cézanne family estate near Aix.
The unfinished canvas offers a revealing glimpse into Cézanne’s working method.
He placed Madame Cézanne’s carefully modeled head slightly off-center, cradled between a lush tree and a spindly plant, and then proceeded to build up the rest of the pyramidal composition, touch by exacting touch. | © The Metropolitan Museum of Art


















Paul Cézanne | Giocatori di carte, 1890-92

Tra il 1890-1896, Cézanne intraprese un ambizioso progetto di pittura dedicato al tema dei giocatori di carte. Arruolò dei contadini delle terre di famiglia, vicino ad Aix-en-Provence, come modelli.
Basandosi su numerosi studi preparatori, l’artista realizzò cinque composizioni che ampliano, sfidandole, le raffigurazioni tradizionali di questo tema, popolare fin dal Seicento. Pare che questa tela sia stata la prima della serie.
Dopo aver dipinto una successiva versione di grandezza doppia rispetto alla prima che comprendeva una nuova figura, un bambino in piedi, nelle tre versioni seguenti Cézanne eliminò i particolari superflui, raffigurando soltanto due giocatori, che si affrontano a viso duro attraverso il tavolo. | © The Metropolitan Museum of Art

23/12/19

Textual description of firstImageUrl

Giovanni Bellini | Madonna and Child, 1470


Artist: Giovanni Bellini🎨 (Italian High Renaissance painter, ca.1430-1516)
Date:ca. 1470
Medium: Tempera, oil, and gold on wood
Dimensions: 21 1/4 x 15 3/4 in. (54 x 40 cm) (31 x 26 inches framed)
Classification: Paintings
Current location: The Metropolitan Museum of Art.

This early work by the Venetian painter, Giovanni Bellini, reveals the profound influence of his brother-in-law, the Paduan master Andrea Mantegna🎨, both in the figure types and the inclusion of the garland.


The treatment of the landscape and the use of the oil medium, with which Giovanni may have been experimenting since the 1460s, were likely inspired by Netherlandish painting.
Bellini creates a dramatic connection between the worshipper and subject through the Virgin’s left hand, extending across the parapet, and her fingertip, which reaches into the viewer’s space.
The gourds in the garland and at the left of the parapet symbolize the Resurrection; the fruit at right might be a cherry, signifying the Eucharist, or an apple, evoking the Fall. | © The Metropolitan Museum of Art




Questa prima opera del pittore veneziano Giovanni Bellini🎨, rivela la profonda influenza di suo cognato, il maestro padovano Andrea Mantegna🎨, sia nelle forme che nell'inclusione della ghirlanda.
Il trattamento del paesaggio e l'uso del mezzo oleoso, con cui Giovanni avrebbe potuto sperimentare sin dal 1460, furono probabilmente ispirati dalla pittura olandese.
Bellini crea una drammatica connessione tra l'adoratore e il soggetto attraverso la mano sinistra della Vergine, che si estende attraverso il parapetto e la punta del dito, che raggiunge lo spazio dello spettatore.
Le zucche nella ghirlanda e alla sinistra del parapetto simboleggiano la risurrezione; il frutto a destra potrebbe essere una ciliegia, a significare l'Eucaristia, o una mela, che evoca la caduta. | © The Metropolitan Museum of Art


Giovanni Bellini | Madonna and Child with St. John the Baptist and a Saint
Giovanni Bellini | Madonna and Child, 1509 | Detroit Institute of Arts
Giovanni Bellini | Madonna and Child | Pinacoteca di Brera

18/12/19

Textual description of firstImageUrl

Guido Cagnacci | The Death of Cleopatra, 1645-55


Artist: Guido Cagnacci (Italian, Santarcangelo di Romagna 1601-1663 Vienna)
Date: ca. 1645-55
Medium: Oil on canvas
Dimensions: 37 3/8 × 29 1/2 in. (95 × 75 cm)
Current location: The Metropolitan Museum of Art, Fifth Avenue in Gallery 637

The subject, from Plutarch's Lives (1st century A.D.), is Cleopatra's suicide by an asp bite following the defeat of her beloved Mark Antony at the battle of Actium.
It provided Guido Cagnacci (Italian Baroque Era painter, 1601-1663) with an erotically charged and emotionally engaging action that appealed to the Baroque🎨 imagination, whether in poetry, theater or painting.


Although Cagnacci’s picture is indebted to the example of Guido Reni🎨, its flagrant sensuality is utterly singular.
Cagnacci made a trip to Rome in the company of Guercino🎨, where Caravaggio’s🎨 example of painting directly from the model proved transformative. The model here may be the artist’s mistress. | © The Metropolitan Museum of Art



Il soggetto, tratto da Plutarch's Lives (I secolo d.C.), è il suicidio di Cleopatra per un morso di un serpente velenoso a seguito della sconfitta del suo amato Marco Antonio nella battaglia di Actium.
Ha fornito a Guido Cagnacci (Pittore Italiano dell'epoca barocca, 1601-1663) un'azione eroticamente carica ed emotivamente coinvolgente che ha attirato l'immaginazione barocca, sia nella poesia, nel teatro o nella pittura.
Sebbene l'immagine di Cagnacci sia in debito con l'esempio di Guido Reni🎨, la sua flagrante sensualità è assolutamente singolare.
Cagnacci fece un viaggio a Roma in compagnia di Guercino🎨, dove l'esempio di Caravaggio di dipingere direttamente dal modello si rivelò trasformativo.
Il modello qui potrebbe essere l'amante dell'artista. | © The Metropolitan Museum of Art