05/07/15 Aggiornato il:

Maurice Denis | Les Nabis Group



Even today Maurice Denis' (1870-1943) place in the history of art remains unspecified. Known as the "Nabi of the beautiful icons", he is celebrated alongside Vuillard and Bonnard as one of the most important Nabi painters, a founder of the movement and its brilliant theoretician.
Everyone remembers his famous dictum of 1890 when he was twenty years old and unknown. "Remember that a painting – before being a battle horse, a nude woman, or an anecdote of some sort is essentially a flat surface covered with colours, put together in a certain order".


This defining statement along with a handful of radical and spectacular works, like Sunlight on the terrace from the Musée d'Orsay, have become associated with him to the point where they have obscured the richness of his Nabi and Symbolist period (1889-1898) and his productive classical revival works of the 1900s. They also cast a shadow over his post-1914 work on the fringes of the Avant-Garde movements. Denis continued to paint until his death, and between the wars he was sought after for decorative projects for both civic and religious buildings.
Hommage to Cezanne, 1900 (Musée d'Orsay)






He always claimed that his constant and sometimes anxious search to accommodate his decorative ambitions gave his work a coherence seen right through from his early symbolism to the later paintings, and even in his numerous writings. For Denis, this coherence was to be found in the systematic and exclusive use of a picture's essential components (plane, colour, composition) alongside the demands of constantly changing subjects, be they linked to his catholic faith, to a description of modern life or to the personal iconography he developed from the 1890s onwards.
This is really what the purpose of the exhibition: to restore Denis to his rightful place of eminence, and to make a serious reassessment of how his work is viewed, by following the strands linking his earliest work with later developments, the small Nabi paintings with the large decorative pieces.
The essentially chronological layout of the exhibition brings together about a hundred paintings made between 1889-1943. The first rooms retrace the beginnings of the Nabi movement, dominated by a rejection of realism and literary symbolism, where mystical and religious inclinations are embodied in the figure of Marthe Meurier, his fiancée, then wife, and his real muse. The young woman’s features can be seen in the girls moving along the highly stylised path of life, in solemn processions. These accomplished, reverential and carefully considered paintings were bought by musicians, artists and collectors of the avant-garde symbolists. These were people like Ernest Chausson, the painter Henry Lerolle and the financier Alfred Stoclet whose name is always linked to the mosaic Klimt made for his private residence in Brussels, designed by Josef Hoffmann.




From the beginning of the 1890s, the Nabis were, according to Verkade, calling for "walls, walls for decoration". Denis painted ceilings and panels, as in April (ceiling for Chausson) or Forest in Spring and Forest in Autumn - in imitation of a tapestry.
Denis frequently used to recount the origins of the Nabi movement, created in the aftermath of the furore provoked by the Talisman (Paris, Musée d'Orsay, former Maurice Denis collection), a small landscape with an emblematic title painted by Sérusier under the guidance of Gauguin. Along with Puvis de Chavanne, Fra Angelico and the Ingrists, Sérusier was a seminal figure for the young Denis. Like his Nabi friends, Denis produced more and more small paintings, each more audacious in its application of the new aesthetic: flat surfaces of bright colour, a radical simplification of shapes, absence of perspective, Japanism and Synthetism. One room brings together about fifteen of these "Nabi icons" painted by Denis in the 1890s. They show a rare freshness and freedom of execution. Some have not been exhibited before.
His symbolist compositions and decorative works benefited from this research, which he used for an art which was becoming increasingly monumental and reasoned. His trip to Rome in 1898 with André Gide confirmed the move towards a classical revival, encouraged by the art of Raphael and Cezanne.
Other equally important features both in Denis' work and in early twentieth century art are the strict rules for composition, a restricted use of colour, the importance of drawing: notable in key works like Hommage to Cezanne (Musée d'Orsay), in the large decorative panels, like A Game of Shuttlecock (Ibid.) or Virginal Printemps (private collection), a major painting never exhibited in a French gallery since 1945, but also seen in the family scenes, inspired by the happiness he found with Marthe. By this time Denis was a well-known, revered and highly sought-after artist. His work was sold by Vollard, Druet and Bernheim and was much favoured by Ivan Morosov and his rival Sergei Shchukin, both eminent Russian collectors of Matisse and Picasso.


The turning towards classicism becomes clear in the dazzling paintings of beaches where the atmosphere is close to that in his photographs, taken at the same time. There is an exhibition room dedicated to these. It opens with the first work in the series painted at Perros-Guirec in 1898, Women bathers, Perros currently at the MOMA in New York.
Denis' beaches are also meant as a critical reply to Matisse. Denis tries to define a community art, which maintains balance, sensuality and order, between the constraints of the subject, the feeling for nature and decorative imagination. He strives to achieve this both in his easel paintings and in his murals.
At the end of this chronological sequence, there is a display of landscapes painted between 1898-1943. They manage to show how a taste for simplicity and synthesis transform the reproduction of nature. On display for the first time is one of his last paintings, a Vue du Reposoir (private collection) painted in pure Nabi spirit a few weeks before his death.
The last rooms show three decorative cycles. The first, L'Amour et la vie d'une femme (provincial Maurice Denis gallery and private collection), was part of a decorative frieze for the great Art Nouveau dealer, Siegfried Bing. It was started in 1896 by the artist for his own room and was modified whenever they moved house until 1922.
Denis magnificently lays out the path of the life of a woman, from betrothal to the consecration of motherhood, punctuated by mysterious views of a heavenly garden.
Following this is The legend of Saint Hubert (musée départemental Maurice Denis), created in 1897-1898 for Baron Henry Cochin. This symbolic hunt marks a turning point in the work of the painter, who, for the first time, is confronted by such huge formats. The success of this project won him the admiration of Ivan Morosov, who then commissioned him to do what was to be one of his most spectacular private decorative works: The Story of Psyche.
Presented in part in 1908 and in Paris in 1909, before been installed in Moscow, the complete work has never since been seen in France. For this decorative work, Denis had asked Maillol to whom he was very close at that time, to do four bronzes, similar to the first sculptures, to go with Denis' exceptional panels, now in the National Museum of the Hermitage in Saint Petersburg. | © Musée d'Orsay










































































































Maurice Denis (1870-1943) occupa a tutt'oggi una posizione ambigua nel panorama artistico. Colui che fu ribattezzato il "nabi dalle belle immagini" è celebrato assieme a Vuillard e Bonnard come uno dei più importanti pittori Nabis, nonché come uno dei fondatori e brillante teorico di tale movimento.
Tutti certamente rammentano la celebre massima pronunciata nel 1890 dal pittore all’epoca ventenne e sconosciuto: "Tenere presente che un quadro – prima di diventare un cavallo nella battaglia, una donna nuda, o la raffigurazione di un qualsiasi aneddoto – è prima di tutto una superficie piana coperta di colori assemblati in base ad un determinato criterio". Questa formula, allo stesso modo di una manciata di opere dal carattere radicale e spettacolare, come Macchie di sole sulla terrazza, quadro conservato al museo d'Orsay, vengono molto spesso associate alla produzione artistica di questo pittore al punto di aver occultato la grande ricchezza del suo periodo Simbolista e Nabi (1889-1898), la prolificità del rinnovamento classico dei primi anni del XX secolo ed hanno altresì contribuito a gettare nel discredito un'intera produzione realizzata dopo il 1914 a margine delle avanguardie. Denis, infatti, durante la sua vita, non ha mai smesso di dipingere ed è stato, nel periodo compreso tra la prima e la seconda guerra mondiale, uno degli artisti maggiormente richiesti per la decorazione degli edifici civili e religiosi.

Ciononostante, Denis rivendicò sempre, anche nei suoi numerosi scritti, la coerenza di un percorso che, dal simbolismo ai quadri tardivi, ha tentato con perseveranza e a volte con inquietudine, di conciliare l’ambizione decorativa che per l’artista significava il ricorso sistematico ed esclusivo alle componenti essenziali del quadro (pianezza, colore, composizione) con l’esigenza di un contenuto sempre nuovo e legato a tematiche differenti quali la sua fede cattolica, la descrizione della vita moderna o un’iconografia tutta personale che il pittore elabora a partire dagli anni novanta del XIX secolo.
In fondo, la sfida che si propone tale mostra è proprio questa: ridare a Denis il centro della scena, rendendolo di nuovo uno dei protagonisti dell'attività pittorica e rinnovare in modo significativo l'attenzione sulla intera sua opera, riallacciando i fili che collegano gli esordi e gli sviluppi della sua carriera, i piccoli formati nabis e i grandi cicli decorativi.
Il percorso essenzialmente cronologico, riunisce un centinaio di quadri dipinti tra il 1889 ed il 1943. Le prime sale ripercorrono le fasi degli esordi nabis dominati dal rifiuto del realismo e del simbolismo letterario, l'inclinazione mistica e quella religiosa provano ad incarnarsi nella figura di Marthe Meurier, fidanzata prima, sposa poi ma sempre vera e propria musa del pittore. La giovane donna presta i suoi tratti alle ragazze che avanzano su sentieri ampiamente stilizzati e formano solenni processioni.
Gli acquirenti di questi quadri perfettamente riusciti, dal carattere raccolto e meditativo sono per lo più musicisti, artisti e collezionisti dell'avanguardia simbolista, tra i quali possiamo citare Ernest Chausson, il pittore Henry Lerolle e perfino il finanziere Alfred Stoclet, il cui nome resta legato al mosaico di Klimt per la sua residenza privata di Bruxelles ideata da Josef Hoffmann. Dagli inizi degli anni novanta del XIX secolo, i Nabis, stando alla testimonianza di Verkade, reclamano "pareti e ancora pareti da decorare".
Denis dipinge soffitti e pannelli, come Aprile (soffitto per Chausson) o La Primavera e L'Autunno [Imitazione di arazzo].
Denis ha esaurientemente narrato le origini del movimento nabi, nato dallo sconcerto creato da Il Talismano conservato a Parigi, presso il museo d'Orsay, e facente parte della vecchia collezione Maurice Denis. Si tratta di un piccolo quadro raffigurante un paesaggio e dal titolo emblematico dipinto da Sérusier sotto l'impulso di Gauguin. Questi, unitamente a Puvis de Chavanne, Fra Angelico e i seguaci di Ingres, è una figura tutelare per il giovane Denis che, alla stregua dei suoi amici Nabis, realizza un gran numero di quadri di piccolo formato in cui ognuno di questi artisti dà prova di audacia applicando l'estetica raccomandata dalla nuova scuola: omogeneità di colori brillanti, semplificazione radicale delle forme, abbandono della prospettiva, Giapponismo e Cloisonnisme. In una sala sono riunite una quindicina di queste "immagini nabis" dipinte da Denis negli anni novanta del XIX secolo.
Esse rivelano una freschezza ed una libertà di esecuzione rare. Alcune di queste immagini sono inedite. Le composizioni simboliste e le decorazioni del pittore traggono vantaggio da queste ricerche che l'artista mette a servizio di un'arte sempre più monumentale e studiata. Il viaggio a Roma effettuato nel 1898 con André Gide conferma la strada di un rinnovamento classico che trae nutrimento dall'arte di Raffaello e da quella di Cézanne.
Rigore nella composizione, uso limitato dei colori della tavolozza, importanza del disegno: i manifesti come Omaggio a Cézanne conservato presso il museo d'Orsay, i grandi pannelli decorativi, come Partita al volano opera anche questa esposta ad Orsay, Virginea Primavera quadro maggiore facente parte di una collezione privata e finora mai esposto in un museo francese dal 1945, ma anche scene familiari che traggono ispirazione dai momenti felici e spensierati vissuti con l'amata Marthe, sono tutti dipinti fondamentali per Denis e l'arte agli inizi del XX secolo. Denis è all'epoca un pittore famoso, quotato e ricercato. Le sue opere vengono acquistate dai principali mercanti d'arte del periodo tra i quali Vollard, Druet o Bernheim, i suoi estimatori sono personalità del calibro di Ivan Morosov mentre il suo antagonista è Serguei Chtchoukine. Queste due ultime figure sono due eminenti collezionisti russi di quadri di Matisse e di Picasso.
La svolta classica si delinea meglio attraverso quadri luminosi raffiguranti spiagge la cui atmosfera è simile a quella delle fotografie che l'artista scatta nello stesso momento e che sono esposte in una apposita sala. La mostra è inaugurata con la prima opera della serie dipinta nel villaggio bretone di Perros-Guirec nel 1898 e intitolata Bagnanti a Perros, attualmente conservata al MOMA di New York.
Le spiagge di Denis vogliono essere una risposta critica a Matisse. Denis, infatti, cerca di definire un'arte collettiva che mantenga l'equilibrio la sensualità e l'ordine, tra l'imperativo del soggetto, il senso della natura e l'immaginazione decorativa. Questo impegno si riscontra sia nelle sue pitture da cavalletto sia nelle sue opere murali. Al termine del percorso cronologico, una sala riunisce i paesaggi dipinti tra il 1898-1943. Tali opere dimostrano chiaramente come il gusto della semplificazione e della sintesi trasfigurino la restituzione della natura: in questa occasione verrà per la prima volta esposto al pubblico uno degli ultimi quadri di Denis, una Veduta del Repositorio, appartenente ad una collezione privata eseguita in puro spirito nabi qualche settimana prima della sua morte.
Le ultime sale del percorso mettono in scena tre cicli decorativi. Il primo, L'Amore e la vita di una donna, conservato in parte presso il museo dipartimentale Maurice Denis e in parte presso una collezione privata, tratto da una decorazione per il famoso mercante e collezionista di Art Nouveau, Siegfried Bing, è stato dipinto a partire dal 1896 dall'artista per la sua camera da letto ed è stata modificato in base ai traslochi ed alle successive nuove installazioni fino al 1922.
Denis vi illustra in maniera eccezionale il racconto della vita di una donna, dal momento del suo fidanzamento fino alla definitiva consacrazione della maternità. L'esposizione delle vicende è accompagnata da misteriose vedute di un giardino edenico. Segue poi la ricostruzione della Leggenda di Sant'Uberto conservato presso il museo dipartimentale Maurice Denis, realizzata nel 1897-1898 per il barone Henry Cochin: questa caccia simbolica segna una svolta nell'opera del pittore che, per la prima volta, si cimenta in formati molto grandi. Il successo di questo progetto viene riconosciuto da Ivan Morosov che gli esprime tutta la sua ammirazione e gli commissiona uno dei più spettacolari insiemi decorativi privati mai realizzati dall'artista: il ciclo di Psiche.
Presentato in parte nel 1908 e nel 1909 a Parigi prima di essere installato a Mosca, questo insieme, da allora, non era stato più esposto in Francia. Per la realizzazione di quest'opera, Denis aveva sollecitato la collaborazione di Maillol al quale era allora molto legato: quattro bronzi paragonabili alle sculture iniziali accompagnano la presentazione eccezionale dei pannelli di Denis, conservati al museo nazionale dell'Ermitage di San Pietroburgo. | © Musée d'Orsay