Textual description of firstImageUrl

Rupert Bunny | Colorist / Symbolist painter



Australian painter Rupert Charles Wulsten Bunny (1864-1947) was one of the most successful expatriate artists of his generation.
No other Australian artist achieved the critical acclaim that he enjoyed in Paris. An erudite painter of ideal themes, and the creator of the most ambitious Salon paintings produced by an Australian, Bunny is an exotic in the history of Australian art.
An exhibition, Rupert Bunny artist in Paris, curated by Deborah Edwards, Senior Curator of Australian Art, will honour the work of this great Australian artist.
The exhibition at the Art Gallery of New South Wales will showcase more than 85 of his most significant paintings, many unseen in Australia, including works from the Musée d’Orsay and Fonds national d’art contemporain in Paris and private lenders including Kerry Stokes, Jeffrey Archer and Dame Elisabeth Murdoch.



As a serious musician, fluent in French and German, and one of seven children of a prosperous Melbourne family, Bunny left Australia in 1884, accompanying his father, Victorian Judge Brice Bunny to Carlsbad. After brief study in London, he settled permanently in Paris.
Whilst he joined Melbourne colleagues such as Bertram Mackennal and Charles Conder as expatriates in Europe, Bunny lived outside the characteristic experience of an Australian in Paris: he associated closely with American and French artists, he married a French woman, (the artist and model Jeanne Morel) and he remained in France for five decades.
He returned to Australia permanently in 1933, nearly 70, recently widowed and in financial difficulty, and spent the remaining years of his life in Melbourne in genteel poverty, painting and pursuing his love of music.
Bunny worked consciously to align his art to the great masters and traditions of European painting. The Italian primitives, Venetian colourists, British Pre-Raphaelites, and tonalists Manet and Velàzquez captivated him.

But he also wished to be a modern painter, and established masters of his own time, from Whistler and John Singer Sargent to Gauguin, Bonnard and Matisse also had great impact.
During his decades in Paris, Bunny accumulated a string of successes: he was the first Australian to gain honourable mention at the Paris Salon (in 1890 with Tritons), gained a bronze medal at the 1900 Paris Exposition Universelle (with Burial of St Catherine of Alexandria c1896), held a string of solo shows, and exhibited throughout Europe.


Bunny was patronised by the French state which had, by the end of his career acquired no less than 13 of his works for the Musée de Luxembourg and regional collections – a first for any Australian artist. His art was acquired by Hungary’s Museum of Fine Arts and National Museum, by the Wilstach Collection in the Philadelphia Museum of Art, and by collectors across Britain, Hungary, the US, Chile, Argentina and Russia.

When Scottish millionaire George McCulloch exhibited his collection at the Royal Academy in 1909, Bunny’s Summer dance c.1894 was the only Australian painting shown amongst major works by Whistler, Millais and others.
In Australia enthusiasm for Bunny’s great mythological Salon paintings, his sumptuous portrayals of Parisian women at leisure, Provence landscapes, and his monotypes have successively gripped collectors and galleries since the 1940s.
Such was his standing in Melbourne after his return that the National Gallery of Victoria mounted its first retrospective on a living artist on Bunny, in 1946.
Yet, despite his formidable successes, Rupert Bunny is not a household name in Australia. Bunny experienced the ongoing fate of the Australian expatriate; largely dismissed from attention once leaving local shores. Bunny however, was offered French citizenship and with it official commissions, but refused.


The details of Bunny’s life and art have been elusive. His secretiveness encouraged speculation, as do his enigmatic self portraits.
In this context one of our most significant finds has been an 1888 diary by Hungarian writer Zsigmond Justh, a close friend of Bunny in Paris.
This journal provides a wealth of new information on the artist’s early life. Bunny, was described by Justh as ‘six foot tall [with] curly blonde hair, pointy blonde beard and moustache in the French style’.

He was a frequent visitor to the theatres, concerts and renowned meeting places of Paris, an attendee at the apartment of Sarah Bernhardt and a regular at prominent literary and artistic salons. Bunny was the focus of consistently favourable attention from notable Parisian critics including scholar Gustave Geffroy (a friend of Monet) who first identified Bunny as a ‘brilliant and spirited artist’ in 1890. Coming to creative maturity in an era when the work of the Post-Impressionists was focused on increasingly powerful colouristic effects, Bunny developed as an exceptional colourist and decorative painter.


Over the 1890s and 1900s Bunny focussed almost exclusively on painting women; women at leisure, in gardens, at sea-side resorts and in parks. These highly successful works, like A summer morning, 1908, have been widely seen as epitomising the charm of France’s Belle époque; his subjects were beautiful women, fashionable frills, sun, sensuous music and glamour of an endless summer; soon be swept away by war. At the centre of Bunny’s imaging of women was his enigmatic wife Jeanne Morel who was the constant motif until he moved to a new preoccupation with Fauve-inspired mythologies from 1912.
Progressive artist George Bell described these late works as ‘a glorious riot of colour from the finest imaginative artist Australia has produced’.














Rupert Charles Wulsten Bunny (29 settembre 1864 - 25 maggio 1947) è stato un pittore Australiano.
Nato e cresciuto a Melbourne, Victoria, ha raggiunto il successo e l'acclamazione della critica come espatriato a Parigi fin de siècle.
Ha ottenuto una menzione d'onore al Salon di Parigi del 1890 con il suo dipinto Tritoni e una medaglia di bronzo all'Esposizione Universale di Parigi nel 1900 con la sua Sepoltura di Santa Caterina d'Alessandria.
Lo stato francese ha acquisito 13 delle sue opere per il Musée du Luxembourg e collezioni regionali
Era un "colorista sontuoso ed un pittore splendidamente erudito di temi ideali, e creatore dei dipinti del Salon più ambiziosi prodotti da un australiano".

Formazione

Bunny era il terzo figlio di Brice Frederick Bunny, un giudice della corte di contea vittoriana britannica, e sua madre tedesca, Marie Hedwig Dorothea Wulsten. È nato a St Kilda, Melbourne. Ha avuto un'educazione ricca e privilegiata. Durante la sua infanzia, Bunny fece un lungo viaggio in Europa, che durò due anni. È tornato in Australia trilingue, in inglese, francese e tedesco.
All'inizio del 1881, Bunny fu iscritto all'Università di Melbourne, con l'intenzione di studiare ingegneria civile.
Bunny iniziò invece la sua formazione artistica nel 1881-1883 a Melbourne presso la National Gallery School of Design sotto OR Campbell e George Folingsby. Ha studiato al fianco di artisti come Fred McCubbin, Aby Altson e John Longstaff.
Nel 1884, all'età di 20 anni, si trasferì a Londra per continuare la sua formazione artistica. Ha studiato con Phillip Calderon alla St Johns Wood Art School per 18 mesi.
Dopo aver incontrato il pittore di storia accademico francese Jean-Paul Laurens a Londra, Bunny si iscrisse all'atelier di Laurens a Parigi, dove studiò per 2 anni fino al 1886.
Terminata la sua formazione artistica, studiò sotto Pierre Paul Léon Glaize all'Académie Colarossi nel 1890.
I critici danno la responsabilità alla sua infanzia cosmopolita per la sua capacità di assimilarsi facilmente nella società parigina e nei suoi circoli artistici, a differenza di molti altri espatriati. Era molto rispettato a Parigi, dove rimase fino al 1932.


Carriera

Bunny ha avuto un'educazione tradizionale e accademica nelle arti sotto Calderon e Laurens. Nonostante ciò, la pratica artistica di Bunny è stata fortemente influenzata e imitata dai suoi contemporanei. Sebbene non fosse un avanguardista, Bunny era un artista moderno. I suoi primi lavori, prima della fine del secolo, sono descritti come "stile neoclassico toccato dal preraffaellismo" o simbolista.
La mitologia, sia cristiana che classica, ha fornito i soggetti per questi dipinti, visti nei dipinti Tritons (circa 1890) e The Descent From the Cross (circa 1898). I dipinti mostravano una fusione della sua formazione tradizionale, attraverso il tecnicismo, con lo stile più sperimentale degli europei dell'epoca, visto nella sensibilità.
Incontrando sua moglie, Jeanne Heloise Morel, nel 1895, il suo stile si spostò su una rappresentazione preraffaellita di figure femminili romantiche e indolenti. Morel è stato continuamente raffigurato in questi dipinti, ed è stato indicato come la "musa eterna" di Bunny, come nelle opere Returning from the garden (1906) e Jeanne (1902). Queste raffigurazioni di donne angeliche suggerivano l'influenza dei preraffaelliti britannici John Everett Millais e Dante Gabriel Rossetti.

Nel 1901 lasciò il Salon de la Société des Artistes Français per la Société Nationale des Beaux-Arts. Questo ha visto un cambiamento nello stile di Bunny. Con un crescente successo critico e finanziario, Bunny iniziò a esplorare la modernità nelle sue opere come In the Luxembourg Gardens (circa 1909).
L'ozio e il languore della belle-epoque pervadevano i suoi dipinti, che raffiguravano quasi esclusivamente belle donne. Bunny sposò Morel nel 1902 e, sia per stile che per sensibilità, le sue opere divennero decisamente più francesi.


Adattando continuamente la sua opera per riflettere gli stili mutevoli visti in Europa, in particolare a Parigi all'inizio del XX secolo, lo stile artistico di Bunny è cambiato di nuovo. Come ha affermato il critico d'arte John McDonald: "Non era un pittore di capolavori senza tempo, ma un professionista versatile, sempre attento alle mutevoli correnti della moda artistica".
Particolarmente influenzato da Matisse e Sergei Diaghilev's Ballet Russes, opere di Bunny sviluppato in composizioni con 'colori accresciuti ed astratte, forme ritmiche'. Questo è visto in molte opere tra cui Salomé (circa 1919), Bell Dance (circa 1920) e Fresque (circa 1921). Il suo dipinto The Rape of Persefone (circa 1913) è stato descritto dall'artista e critico George Bell come "un glorioso tripudio di colori dalla più bella fantasia che l'Australia abbia prodotto". Verso gli anni '20, Bunny ha rivisitato la mitologia come soggetto, questa volta in uno stile modernista.
Alla fine degli anni '20, Bunny dipinse molti paesaggi, tra cui Waterfront, Bandol (1929) e Cemetery, South of France (1920).

La musica ha avuto un'influenza significativa sull'arte di Bunny. Sua madre era una pianista "di talento" e l'amica di Clara Schumann e Bunny è stata descritta lui stesso come una pianista "eccezionale".
Nella sua carriera, ha dipinto molti ritratti di musicisti importanti, tra cui Nellie Melba, Percy Grainger ed Ada Crossley.
Ha anche prodotto opere come Nocturne [The Distant Song] (circa 1908), The Sonata (circa 1910) e Moonlight Sonata (circa 1907), con evidenti allusioni alla musica.
L'arte di Bunny parlava continuamente a un pubblico cosmopolita e colto. I suoi soggetti che ritraggono la mitologia, le allusioni musicali e letterarie e la danza moderna sono adatti a "una classe di spettatori rilassati". Questa è stata una scelta meditata, ed è la prova della comprensione di Bunny del mercato che le sue opere si rivolgevano, in particolare le classi medie e alte.
Come molti artisti che vivevano e lavoravano a Parigi all'inizio del XX secolo, Bunny aveva un interesse per l'Oriente. Ha dipinto un ritratto dell'attrice giapponese Madame Sadayakko, intitolato Madame Sada Yakko come Kesa (intorno al 1900), che raffigurava l'attrice nel personaggio di Kesa, un adattamento di un'opera kabuki intitolata Endo Musha. Il ritratto è stato elogiato dal critico de 'Le Figaros' per il suo tono preciso. "Utilizzando un lessico di orientalismo e giapponese, Bunny ha attinto a uno stato d'animo belle époque e senza confini".


La vita

Nel 1895, Bunny incontrò sua moglie Jeanne Morel, una studentessa d'arte, che sposò nel 1902, all'età di 38 anni. Deborah Edwards afferma che Bunny era omosessuale, tuttavia, come lei spiega, "i due uomini omosessuali più famosi di fin de siecle, Oscar Wilde e Marcel Proust, i rapporti dimostrati e l'amore per le donne non escludono l'omosessualità". La felicità del suo rapporto con sua moglie è sconosciuta. "Alcuni dicono che è stato terribile, altri sono molto romantici".
Bunny ha condotto uno stile di vita cosmopolita a Parigi, mescolandosi con artisti e musicisti come Claude Debussy, Auguste Rod, Nellie Melba e Sarah Bernhard. Condividendo il suo studio con Alastair Cary-Elwes, nipote di un baronetto inglese, Bunny era continuamente in rete. Mentre ancora studiava con Laurens, Bunny frequentava continuamente gli studi aperti del suo insegnante, che gli hanno permesso di incontrare molte "figure dell'alta società".
Inoltre, ha frequentato i saloni dell'artista Jacques-Émile Blanc Emmi de Némethy e sua nonna, la contessa Schärffenberg, la moglie del poeta ungherese József Kiss e Madame Ayem, collezionista di Gustave Moreau.
Così, Bunny era ben collegato e supportato a Parigi. Nel 1911, Bunny visitò l'Australia con sua moglie. Per molti anni in seguito, Bunny viaggiò avanti e indietro tra l'Australia e la Francia. Morel morì nel 1933. Dopo quasi 50 anni di vita all'estero, Bunny tornò definitivamente in Australia nel 1933. Viveva in Toorak Road a South Yarra, Victoria. La depressione, le sue difficoltà economiche e la morte di sua moglie furono fattori nel suo trasferimento in Australia.

Bunny si è integrato facilmente nella scena artistica di Melbourne e ha continuato a mostrare il suo lavoro. Ciò includeva una mostra annuale alla Macquarie Gallery. Rifiutò l'invito di Robert Menzies ad iscriversi all'Australian Academy of Art nel 1939. Invece divenne il vicepresidente della Contemporary Art Society fondata nel 1939 a Melbourne.
Bunny morì in un ospedale privato il 25 maggio 1947, all'età di 82 anni.


Riconoscimenti

Deborah Edwards, curatrice di Rupert Bunny: Artist in Paris, ha detto che Bunny è "senza dubbio l'artista di maggior successo che abbiamo (Australia) a Parigi".
Espose regolarmente opere nei salotti parigini. Incomparabile ad altri espatriati, aveva una profonda intimità e familiarità con la scena artistica parigina. Come ha affermato il critico d'arte australiano John McDonald, "Non è esagerato affermare che Bunny aveva la più grande reputazione internazionale di qualsiasi pittore nato in Australia".
Iniziò a esporre opere al Salon de la Société des Artistes Français nel 1888. Bunny espose anche al New Salon, al Old Salon e al Salon D'Automne.

Fu il primo australiano a ricevere una menzione d'onore nel 1890 al Salon de la Société des Artistes Français per il dipinto Tritons (circa 1890) . Ha anche esposto opere a livello internazionale, anche in Australia, America e Inghilterra.
Sea Idlyll, esposto alla Royal Academy, fu acquistato da Alfred Felton, che lo donò alla National Gallery of Victoria nel 1892. Questo doveva essere il primo dipinto di Bunny che una galleria australiana ottenne.
Nel 1894 Bunny divenne membro della Royal Society of British Artists. Impegnandosi in molte relazioni "transnazionali" con altri espatriati e cosmopoliti, Bunny intrattenne numerosi contatti, in particolare con gli americani, che costituivano la maggioranza degli espatriati a Parigi.
Così, nel 1900, divenne membro dell'American Art Association di Parigi. Frequenta anche l'American Club. Sempre nel 1900, la sua opera Sepoltura di Santa Caterina d'Alessandria è stata premiata con una medaglia di bronzo all'Exposition Universelle di Parigi.
Nel 1901, Bunny espose due dipinti alla Victorian Gold Jubilee Exhibition 1851-1901 a Bendigo, in cui ricevette la medaglia d'oro per il miglior dipinto.
Nel 1904 il governo francese acquistò la sua opera intitolata Aprés le Bain dalla mostra New Salon per il Musee de Luxembourg, Parigi.


È stato il primo artista australiano ad avere opere acquisite dal governo francese. Durante la sua carriera, il governo ha acquisito 13 delle sue opere, la maggior parte acquisita da un artista straniero che vive a Parigi dal governo. Questo includeva Endormies (circa 1904), ora esposto alla National Gallery of Victoria, Summertime (circa 1907) e A Summer Morning (circa 1908), entrambi ora esposti nella Galleria d'arte del New South Wales .

Nel 1905 divenne membro associe della Société Nationale des Beaux-Arts. Nel 1906, il governo francese acquistò il suo secondo dipinto, Endormies.
Nel 1910 fa parte della giuria del Salon d'Automne, che accetta Danse and Musique di Matisse. Il principale critico d'arte Gustave Geffroy era un "prestigioso critico ammiratore" del lavoro di Bunny. Nel 1939 divenne Artist Vice President della Contemporary Art Society di Melbourne.
La National Gallery of Victoria ha tenuto una mostra retrospettiva delle opere di Bunny, curata da Mary Eagle, che è stata la prima mostra a onorare un artista vivente in questo modo.
Dalla sua morte, ci sono state diverse importanti retrospettive del lavoro di Bunny tra cui Rupert Bunny: Artist in Paris, a cura di Deborah Edwards, che ha viaggiato dalla Art Gallery del New South Wales a molte gallerie tra cui la National Gallery of Victoria e la Art Gallery of South Australia nel 2010.
Ha mostrato oltre 100 opere di Bunny, inclusi monotipi, dipinti e disegni. Alcuni dei quali non erano mai stati esposti in Australia prima.
"Rupert Bunny: Last Fine Days, A focus exhibition" è stata curata per completare Rupert Bunny: Artist in Paris nella Newcastle Art Gallery regionale.