Pubblicato il 12/02/17 ed Aggiornato il

History of Valentine's Day, 14th February






St. Valentine - Stained glass window at Basilica in Terni, Italy

Saint Valentine, officially known as Saint Valentine of Rome, is a third-century Roman saint widely celebrated on February 14 and commonly associated with "courtly love".
At least three different Saint Valentines, all of them martyrs, are mentioned in the early martyrologies under date of 14 February. One is described as a priest at Rome, another as bishop of Interamna (modern Terni), and these two seem both to have suffered in the second half of the third century and to have been buried on the Flaminian Way, but at different distances from the city.



Bartholomeus Zeitblom (1455/60 - 1518/22)St. Valentin cures the epileptic and refuses the idol service
Bartholomeus Zeitblom (1455/60 - 1518/22)St. Valentin cures the epileptic and refuses the idol service


In William of Malmesbury's time what was known to the ancients as the Flaminian Gate of Rome and is now the Porta del Popolo, was called the Gate of St. Valentine.
The name seems to have been taken from a small church dedicated to the saint which was in the immediate neighborhood.
Of both these St. Valentines some sort of Acta are preserved but they are of relatively late date and of no historical value. Of the third Saint Valentine, who suffered in Africa with a number of companions, nothing further is known.

Cristo fra San Zenone e San Valentino, IX secolo Basilica di Santa Prassede, Roma. Cappella di San Zenone
Jacopo Bassano (1510-1592) St Valentine Baptizing St Lucilla, 1575
Jacopo Bassano (1510-1592) St Valentine Baptizing St Lucilla, 1575
Leonhard Beck (1480-1542) San Valentino Di Terni, Museo Nazionale della Fortezza di Coburgo
Leonhard Beck (1480-1542) San Valentino Di Terni, Museo Nazionale della Fortezza di Coburgo
Reliquie di San Valentino nella Basilica di Terni
San Valentino benedice una mucca

  • Saint Valentine's Day

The popular customs associated with Saint Valentine's Day undoubtedly had their origin in a conventional belief generally received in England and France during the Middle Ages, that on 14 February, i.e. half way through the second month of the year, the birds began to pair. 

Thus in Chaucer's Parliament of Foules we read:
"For this was sent on Seynt Valentyne's day
Whan every foul cometh ther to choose his mate"
.
For this reason the day was looked upon as specially consecrated to lovers and as a proper occasion for writing love letters and sending lovers' tokens. 
Both the French and English literatures of the fourteenth and fifteenth centuries contain allusions to the practice. Perhaps the earliest to be found is in the 34th and 35th Ballades of the bilingual poet, John Gower, written in French; but Lydgate and Clauvowe supply other examples. 
Those who chose each other under these circumstances seem to have been called by each other their Valentines. 

In the Paston Letters, Dame Elizabeth Brews writes thus about a match she hopes to make for her daughter (we modernize the spelling), addressing the favoured suitor:
"And, cousin mine, upon Monday is Saint Valentine's Day and every bird chooses himself a mate, and if it like you to come on Thursday night, and make provision that you may abide till then, I trust to God that ye shall speak to my husband and I shall pray that we may bring the matter to a conclusion".
| The Catholic Encyclopedia





St. Valentine - Stained glass window at basilica in Terni, Italy
The Skull of St. Valentine - Basilica of Santa Maria in Cosmedin, Rome


San Valentino, (ca.176 - 14 febbraio 273), fu un vescovo e un martire cristiano.
Venerato come santo dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e successivamente dalla Chiesa anglicana, è considerato patrono degli innamorati.

La più antica notizia di S.Valentino è in un documento ufficiale della Chiesa dei secc.V-VI, dove compare il suo anniversario di morte.
Ancora nel sec. VIII un altro documento ci narra alcuni particolari del martirio: la tortura, la decapitazione notturna, la sepoltura ad opera dei discepoli Proculo, Efebo e Apollonio, successivo martirio di questi e loro sepoltura.


I miracoli del Santo

Sono molte le storie entrate a far parte della cultura popolare, su episodi riguardanti la vita di San Valentino:
  • Una storia narra che Valentino, graziato ed "affidato" ad una nobile famiglia, compie il miracolo di ridare la vista alla figlia cieca del suo "carceriere", Asterius: Valentino, quando stava per essere decapitato, teneramente legato alla giovane, la salutò con un messaggio d'addio che si chiudeva con le parole: dal tuo Valentino....
  • Un'altra narra come un giorno il vescovo, passeggiando, vide due giovani che stavano litigando ed andò loro incontro porgendo una rosa e invitandoli a tenerla unita nelle loro mani: i giovani si allontanarono riconciliati.
  • Un'altra versione di questa storia narra che il santo sia riuscito ad ispirare amore ai due giovani facendo volare intorno a loro numerose coppie di piccioni che si scambiavano dolci effusioni di affetto; da questo episodio si crede possa derivare anche la diffusione dell'espressione piccioncini.
  • Secondo un altro racconto, Valentino, già vescovo di Terni, unì in matrimonio la giovane cristiana Serapia, gravemente malata, e il centurione romano Sabino; l'unione era ostacolata dai genitori di lei ma, chiamato dal centurione al capezzale della giovane morente, Valentino battezzò dapprima il giovane soldato e quindi lo unì in matrimonio alla sua amata, prima che entrambi cadessero in un sonno profondo.


La festività venne istituita nel 496 da Papa Gelasio I, andando a sostituirsi alla precedente festa pagana delle lupercalia. La pratica moderna di celebrazione della festa, centrata sullo scambio di messaggi d'amore e regali fra innamorati, risale probabilmente all'alto medioevo, e potrebbe essere in particolare riconducibile al circolo di Geoffrey Chaucer in cui prese forma la tradizione dell'amor cortese.
Soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, il tratto più caratteristico della festa di San Valentino è lo scambio di valentine, bigliettini d'amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell'amore romantico.



A partire dal XIX secolo, questa tradizione ha alimentato la produzione industriale e commercializzazione su vasta scala di biglietti d'auguri dedicati a questa ricorrenza.
La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno vengano spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d'auguri, numero che colloca questa ricorrenza al secondo posto, come numero di biglietti acquistati e spediti, dopo Natale.




Archivio