Textual description of firstImageUrl

Valeria Corvino, 1953


Corvino si forma attraverso lo studio della mirabolante ricchezza artistica della sua città natale, Napoli. La scultura romana, il barocco capriccioso, la familiarità quotidiana con i frammenti dell'antichità, i palinsesti architettonici del suo territorio sono i suoi primi 'maestri', insieme a una passione tutta mediterranea per i segreti dell'anatomia e la bellezza del corpo umano.
Dopo gli studi all'Accademia di Belle Arti, approfondisce la problematica della composizione lavorando sulla fotografia, e dunque sui tagli, l'immagine zoomata, il gioco delle luci e delle ombre. Coniugando la formazione pittorica, la passione per i volumi scultorei, i segreti delle inquadrature fotografiche, giunge a perfezionare la sua innata propensione verso l'equilibrio e l'armonia. Elabora così un suo personale e riconoscibile alfabeto stilistico che si dimostra sempre fedele ad alcuni rigorosi principi formali ed estetici. I suoi lavori, costruiti su un sapiente utilizzo di luce e colore e sull'armoniosa alternanza tra linee e volumi, appaiono accomunati dalla costante ricerca di un canone di 'grazia' e di un equilibrio antichi. Attraverso un atto di riconciliazione tra gli stilemi dell'eredità storica e le allusioni dell'estetica moderna, l'artista opera un personale elogio alla Proporzione e all'Armonia.