30/11/20

Textual description of firstImageUrl

Gulyás László, 1960 | Figurative painter


Gulyás László was born in Budapest, Hungary. He graduated at the Academy of Fine and Applied Arts, where he specialised in graphic design. They he continued his studies as a student of the Academy of Fine Arts between 1983-1987.
He has been member of the National Society of Hungarian Artists since 1987.
The artist developed his individual world of images and acquired the painting techniques of the early masters of painting under the influence of the universal art of Rembrandt. This is what makes him distinct form his contemporaries.



He seems to be charmed by the revival of heritage rather than by demolishing the art of painting or by recording its death struggle. In his works he applies the contrastive effects of the light and the shade with brilliant skills.
Besides the clear colours his sketching appears to be remarkable. A dedicated figurative painter, a portrayer of man.
The principal values of his gift are exhibited in his portraits of his family, which are full of vitality and harmony.

His major works: the full portray of László Ravasz, reform bishop (250x150 cms) found in the principal hall of Budapest Reform College; the altar painting of the baroque church of Érd (250x150cms).

Prizes:

First Prize, Graphic Art Competition, Kalocsa, 1983;
Second Prize, Poster Competition, Budapest, 1985;
Special prize for painting, Spring Exhibition, Gallery '13, Budapest, 1998;
Prize for painting, Gaál Gallery, Budapest, 2000.








Gulyás László è nato a Budapest, in Ungheria. Si è diplomato all'Accademia di Belle Arti e Arti Applicate, dove si è specializzato in graphic design. Ha proseguito i suoi studi come allievo dell'Accademia di Belle Arti tra il 1983-1987.
Dal 1987 è membro della Società Nazionale degli Artisti Ungheresi. L'artista ha sviluppato il suo mondo individuale di immagini e ha acquisito le tecniche pittoriche dei primi maestri della pittura sotto l'influenza dell'arte universale di Rembrandt. Questo è ciò che lo rende distinto dai suoi contemporanei.
Sembra essere affascinato dalla rinascita del patrimonio piuttosto che dalla demolizione dell'arte della pittura o dalla registrazione della sua lotta mortale. Nelle sue opere applica con brillante abilità gli effetti contrastanti della luce e dell'ombra. Oltre ai colori chiari i suoi schizzi sembrano essere notevoli.

Un pittore figurativo dedicato, un ritrattista dell'uomo. I principali valori del suo dono sono esposti nei suoi ritratti della sua famiglia, che sono pieni di vitalità ed armonia.
Le sue opere principali: il ritratto integrale di László Ravasz, vescovo riformatore (250x150 cm) trovato nella sala principale del Budapest Reform College; la pala d'altare della chiesa barocca di Érd (250x150 cm).

Premi:

Primo Premio, Concorso d'Arte Grafica, Kalocsa, 1983;
Secondo Premio, Concorso Poster, Budapest, 1985;
Premio speciale per la pittura, Mostra di primavera, Galleria '13, Budapest, 1998;
Premio per la pittura, Galleria Gaál, Budapest, 2000.