Pubblicato il 01/07/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Jean-Philippe Richard, 1947 | Figurative sculptor



"Each sculpture should constitute an absolute maximum with few elements. Especially for the essential things: for example, to be able to see an expression even in an eyeless face" - Jean-Philippe Richard.
Jean-Philippe Richard was born in Paris in 1947 (France).
Since 1978, lives and works in Mirabel-aux-Baronnies in Provence (France).
Member of the Syndicat National des Sculpteurs et Plasticiens.






Jean-Philippe Richard gives to contemporary figurative sculpture a new simplicity in the representation of women as in ancient statuary.


Classic and contemporary, he is an uncommon but popular artist, even if he has gone against the grain of the contemporary art world: the sculptor directs his work more and more towards timeless concepts of art: harmony, beauty, sensitivity, feelings.







  • 1993 - Awarded first prize for sculpture "Mondial Art", Avignon (France);
  • 1994 - Awarded gold medal "Les seigneurs de l’art", Arles (France);
  • 1995 - Awarded silver medal "Arts, sciences et lettres", Paris (France);
  • 1998 - Awarded first prize for sculpture "A.C.E.A.", Barcelona (Spain);
  • 1998 - Awarded first prize for sculpture "Arts Mediterranéens", Mandelieu (France);
  • de 1999 à 2000 - Receives Audience Award "Arts Mediterranéens", Mandelieu (France);
  • 2003 - Enters the government and the private collection of the president, Noumea (New Caledonia);
  • 2005 - Enters the National Sculpture Museum collection, Shanghai (People's Republic of China);
  • Awarded decoration and classification by the government of the People's Republic of China;
  • 2011 - Awarded the Literary Award trophy "le Roman de l’été de La Messardière", Chateau de La Messardière, Saint-Tropez (France);
  • 2013 - Auction of two sculptures by the auctioneer Francois Curiel of Christie's, during the Swiss Red Cross Ball, Geneva (Switzerland);
  • 2015 - Creates the Trofémina 2015 Trophy together with Daum.



Permanent Public Exhibitions
  • 2002 - Permanent installation of a sculpture in the garden of the public library, Saint-Rémy-de-Provence (France);
  • 2003 - Permanent installation of 12 sculptures in the exotic garden, Eze Village (France);
  • 2009 - Eze Village acquires a monumental sculpture, place de l'église, Eze Village (France);
  • de 2014 à 2016 - Installs a monumental sculpture in Ramatuelle (France);
  • 2015 - Installs two monumental sculptures in Mirabel-aux-Baronnies (France);
  • 2015 - Creates a sculpture garden at the Danube Private University (DPU), Fakultät Medizin/Zahnmedizin, Krems-Stein (Austria).















"Quello che desidero esprimere, ha dichiarato , è un'idea: la rappresentazione e gli atteggiamenti delle sue espressioni preferite in donne ... mi scolpire senza modello che ho funziona solo dai ricordi. Ogni scultura deve tradurre un'espressione con pochi elementi, soprattutto per le cose essenziali: ad esempio, per vedere il look mentre si cancellano gli occhi" - Jean-Philippe Richard.
Jean-Philippe Richard è uno di quegli artisti le cui sculture sono immaginate per giardini, spazi pubblici, lontano dal confinamento di spazi chiusi.
Il cuore del suo lavoro ruota intorno alla modellazione della terra con un soggetto quasi esclusivo: la donna, semplicemente la donna. Apsara moderna, hanno la bellezza, il sorriso e la serenità.
Come le canne agili e flessibili, sembrano scaturire dalla terra. Alcuni, come incompiuti, hanno i loro piedi ancora aggrappati in un blocco di terra cruda.
Libero da ogni movimento artistico, Jean-Philippe Richard crea una famiglia attraverso le sue figure di donne idealizzate la cui personalizzazione spinge a dare loro un nome.
Installati in giardini meravigliosi, il più delle volte raggruppati, sono la vera Eva che avrebbe eliminato definitivamente un Adamo importato.
Ma sono fragili come sembrano? Sotto il loro aspetto elegante, apparentemente indifferente al mondo, emana un forza tranquilla che nulla sembra tremare e non certo il tempo, che non ha alcun controllo su di essi. È anche in questo, che la loro atemporalità risiede.

Jean-Philippe Richard li diffonde in tutto il mondo, da Shanghai a Bastia, ma anche in Belgio, negli Stati Uniti o in Svizzera ... come tracce che lascerebbe dietro di sé. Testimoni dei suoi passaggi, lasciandoli alle sue spalle, le sue sculture gli offrono una forma di ubiquità.

Nel 2004, l'artista li ha radicati nel Jardin d'Eze, dove naturalmente si svolgerà un dialogo tra loro e la natura. Ora indissociabili dal luogo, sono diventati l'anima, la loro presenza si fonde con il paesaggio, partecipano alla scoperta del parco, incoraggiando passeggiate e meditazione.

L'artista installerà tre nuovi ​​giardini e donerà il tutto al comune di Eze, fondato nel 1949 sui resti di bastioni di una fortezza medievale dove il giardino, originariamente dedicato a piante esotiche, è diventato grazie all'installazione di sculture di Jean-Philippe Richard, un giardino per la vita, in cui il visitatore è invitato a rilassarsi, sognare, fuggire.





Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Fai una donazione con con Paypal