Textual description of firstImageUrl

Gustave Caillebotte | A Balcony in Paris


Those boulevards, don’t forget, were still pretty new in 1877.
In the mid-19th Century, Napoléon III had ordered a massive redevelopment of the unruly French capital - led by Georges-Eugène Haussmann, the prefect of the Seine, who boldly (you might say pitilessly) cleared out Paris’s dense, politically restless faubourgs.
In their place arose standardised blocks of housing, fronting new extended axes that showcased landmarks like so many imperial baubles.


The extended Rue de Rivoli provided a straight shot from the Bastille, where the revolution got underway, to the Place de la Concorde, where Louis XVI lost his head.
The Avenue de l’Opéra connected the Louvre to Napoléon III’s hideous new opera house, intentionally stranded on a six-sided traffic island.
By the time Gustave Caillebotte (French Impressionist painter, 1848-1894) started painting, the Second Empire was over. But the Franco-Prussian War had left numerous neighborhoods in ruins, necessitating further radical neighbourhood reconstruction.
Caillebotte looked at Haussmann’s new Paris with a detached, almost forensic gaze.
Young Man at the Window🎨, from 1876, shows his brother René from behind, gazing from a new building onto the Rue de Lisbonne, which a woman in petticoats is crossing.
Multiple paintings of the Pont de l’Europe, a hulking iron bridge with diagonal struts, turn Paris into a modern but alienated space, in which life hurtles forward but people seem lost. | © BBC







Quando Caillebotte iniziò a dipingere, il Secondo Impero era finito.
Ma la guerra franco-prussiana aveva lasciato in rovina numerosi quartieri, rendendo necessaria un'ulteriore ricostruzione radicale del quartiere.
Caillebotte guardò la nuova Parigi di Haussmann con uno sguardo distaccato, quasi forense.
Young Man at the Window🎨, del 1876, mostra suo fratello René da dietro, guardando da un nuovo edificio sulla Rue de Lisbonne, che una donna in sottogonne sta attraversando.
Molteplici dipinti del Pont de l'Europe, un enorme ponte di ferro con montanti diagonali, trasformano Parigi in uno spazio moderno ma alienato, in cui la vita precipita in avanti ma le persone sembrano perse.
Ciò che Caillebotte ci mostra, mentre traduceva le tradizioni della pittura paesaggistica e di genere nei viali della nuova città di Haussmann, è che il progresso sconvolge sempre.
Anche sui viali rigorosamente disposti a nord-ovest di Parigi, a volte potresti non avere idea di dove ti trovi.
Questo, più che qualsiasi innovazione formale, potrebbe essere la sua più grande eredità - e il suo più grande richiamo per gli spettatori contemporanei.
Vale la pena ricordare mentre camminiamo per le strade oggi, con il collo piegato e gli occhi sui nostri smartphone, che sentirsi isolati e disconnessi in mezzo a milioni di persone non è un fenomeno nuovo. Ha pervaso la vita degli abitanti delle città sin dai primi giorni della modernità: un'emozione umana costante e inevitabile, costante come la pioggia di Parigi. | © BBC



Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Aiutaci a crescere con una donazione con con Paypal