Cerca / Search

Textual description of firstImageUrl

Walter Molino (1915-1997)

Walter Molino was an Italian comics artist and illustrator.
Born in Reggio Emilia, Molino made his professional debut as illustrator and caricaturist in 1935, collaborating with the newspaper Il Popolo d'Italia and the children's magazines Il Monello and L'Intrepido.
In 1936 he started working for the satirical magazine Bertoldo, and in 1938 he debuted as a comic artist with the series Virus, il mago della Foresta Morta, with texts of Federico Pedrocchi.

Walter Molino | La Singoletta, 1962


Still with Pedrocchi he created the comics series Capitan l'Audace for the magazine L'Audace, Maschera Bianca and a number of other characters.
Since 1941 Molino became the official cover-illustrator of La Domenica del Corriere, succeeding to Achille Beltrame.
He also collaborated with the women's magazine Grand Hotel, as cover-illustrator and artist of "cineromanzi", i.e. comic stories, generally of romantic or melodramatic genre, whose comic characters resembled famous film actors.

In 2020, his illustration of a speculative "Singoletta" vehicle from a December 1962 article in La Domenica del Corriere went viral due to it being seen as a solution for social distancing.
Erroneously, it's frequently cited as a depiction of the year 2022 when the original illustration gives no exact date. | Source: © Wikipedia

Walter Molino | Yves Montand e Marilyn Monroe

Walter Molino | Salvador Dalì

Walter Molino | Kirk Douglas

Walter Molino | Festival di Sanremo

Walter Molino | Gino Cervi

Walter Molino | La maledizione dei Kennedy



Walter Molino | Sean Connery




Walter Molino | Clark Gable, 1960


Walter Molino | Sophia Loren



Walter Molino (Reggio nell'Emilia, 1915 - Milano, 1997) è stato uno dei maggiori illustratori Italiani.
Esordisce giovanissimo pubblicando vignette su quotidiani e settimanali: negli anni trenta collabora a «Il Monello», «L’Intrepido», «Giovinetto», editi dalla Casa Editrice Universo dei fratelli Del Duca. Suoi contributi appaiono negli anni sui principali giornali satirici: «Marc’Aurelio», «Bertoldo», e il «Candido» di Giovannino Guareschi.
L’anno di svolta è il 1941, quando sostituisce Achille Beltrame nell’esecuzione delle copertine della «Domenica del Corriere»: il trentennale rapporto con il rotocalco gli garantisce infatti una vasta popolarità.

Walter Molino | Sophia Loren, 1960

Nel secondo dopoguerra collabora con «Grand’Hotel»: suo il logo della testata, le copertine e alcuni romanzi sentimentali a fumetti.
Apprezzato pittore, prolifico caricaturista e copertinista, Molino «trasforma la realtà in poesia, rispettandola» - Marcello Marchesi.
Costituito da materiali di diversa tipologia prodotti e raccolti da Molino nello svolgimento della sua attività personale e professionale, l’archivio è stato acquisito da Fondazione Mondadori alla fine del 2013.


Ha una consistenza stimata in circa 100ml, con estremi cronologici 1915-1997, ma con antecedenti e con documentazione successiva alla scomparsa del soggetto produttore, raccolta dagli eredi.
Il corposo nucleo di materiali iconografici è costituito dalle opere originali di Molino: oltre 500 tra disegni, caricature, acqueforti, schizzi.
Tra le altre si segnalano: le tavole realizzate per la «Domenica del Corriere»; le caricature per «L’Intrepido»; i disegni giovanili; le tavole per «Bertoldo».


Una doverosa segnalazione va fatta per quello che può essere definito lo «schedario di lavoro»: si tratta di circa 80ml di cartelline che contengono schede sulle quali erano sistematicamente incollati ritagli stampa, organizzate per «oggetto» in ordine alfabetico.
Il fondo comprende anche corrispondenza ed altra documentazione personale, fotografie, materiali stampa. | Fonte: © Fondazione Mondadori


Nel 2020, la sua illustrazione di un veicolo speculativo "Singoletta" da un articolo del dicembre 1962 su La Domenica del Corriere divenne virale perché vista come una soluzione per il distanziamento sociale.
Erroneamente, viene spesso citato come una rappresentazione dell'anno 2022 mentre l'illustrazione originale non fornisce una data esatta | Fonte: © Wikipedia