27/11/13 Aggiornato il:

Mariana Palova, 1990



La pittrice Mexicana - Mariana Palova è una giovane artista autodidatta. Quando era bambina cattura nei suoi disegni visioni e semplici fatti della sua vita, esagerati dalla sua immaginazione. Una volta cresciuta le sue abilità non sono state sufficienti per esprimere con chiarezza la sua esperienza artistica, perciò decise di rimandare per due anni nella speranza di trovare un'altra vocazione.

A 16 anni comincia a sentire un forte interesse per la fotografia digitale. Ha sperimentato con la manipolazione digitale, con l'obiettivo di creare modificazioni corporali a se stessa. Inizia a cercare il modo per la sua personalità artistica, trovando nella metamorfosi positiva, vivace e colorata la sua cosmogonia.
A Mariana piace giocare con la trasformazione e l'influenza di esperienza, ottenendo immagini circondate da una certa aura e provando particolare devozione per gli elementi della natura e per l'ambiente astrologico, dando vita ad un nuovo stadio del suo lavoro artistico. Il suo lavoro l'ha rapidamente coinvolta con importanti corporazioni d'arte, generando sia il rifiuto che la lode, evocando un lavoro delicato, traboccante di passione e con la filosofia di una vita basata sulla bellezza della metamorfosi dell'essere umano, i valori e il fascino della fantasia, amando ogni fase di l'umano stato.