27/01/13 Aggiornato il:

Stephanie Clair ~ Cubist Romantic painter





With the matrimony of emotion, cubes and color, Stephanie Clair, American painter, shares her inspiration from happy, dreamy moments in life that we can all relate to, but so easily forget. A first love, a last love, a memory, lovers sipping wine, being enlightened, inspired by sweet music... those moments are ours to remember- but the speed of time can erase the memories we all take for granted.





Clair tries to capture a snapshot of that moment on canvas. Each painting has a feeling; each feeling tells a story. Her eyes in the paintings allow the viewer to reach in and let you connect. She feels they are the windows to ones soul. Clair’s technique is a delicate blend of color, technique, imagination and cubism meant to evoke mystery and emotion. Her goal is to challenge the viewer’s eye and mind, as you get lost in a three-dimensional world of people passion and beauty. Influences in her work include Picasso, Matisse, Chagall, Modigliani and Kandinsky - hence the bright colors, dreamy people, and cubist perspectives.








































































Cresciuta nel nord dello stato di New York, Stephanie Clair te dopo il liceo si trasferisce in Virginia dove ha conseguito un BFA in pittura e disegno alla Old Dominion University. Attualmente risiede nella soleggiata San Diego.
I dipinti della Clair catturano sulla tela i momenti speciali della nostra vita: un primo amore, un amore perduto, un ricordo di amanti sorseggiando vino, l'essere illuminati, ispirati dalla musica... Ogni quadro ha una sensazione, ogni sentimento racconta una storia.
Lo stile della Clair è una miscela di colori, la tecnica è quella del cubismo. Il suo obiettivo è quello di sfidare l'occhio dello spettatore e la sua mente, così che si perda in un mondo tridimensionale di persone, passione e bellezza.
Sono evidenti nelle sue opere le influenze di Picasso, Matisse, Chagall, Modigliani e Kandinsky ed i colori vivaci, le persone sognanti delle prospettive cubiste.