Pubblicato il 29/04/17e aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Peder Mork Mønsted | Plein air / Genre painter





Peder Mørk Mønsted (10 December 1859 - 20 June 1941) was a Danish realist painter. He is best known for his landscape paintings.
His father was a well-to-do shipbuilder.
At an early age, he began to receive painting lessons at the art school in Aarhus and, from 1875-1879, studied at the Royal Academy of Fine Arts with Niels Simonsen and Julius Exner.
In 1882, he spent some time in Rome and Capri then, the following year, visited Paris, where he worked in the studios of William Adolphe Bouguereau*.











In 1889, he went to Algeria. Three years later, he travelled to Greece, where he was a guest of King George I, who was Danish. While there, he also did portraits of the Royal Family. After that, he visited Egypt and Spain.
His travels produced numerous sketches that became paintings he presented at several international exhibitions. Most of his landscapes were, however, devoted to Scandinavia. He was especially popular in Germany, where he held several shows at the Glaspalast in Munich. During his later years, he spent a great deal of time in Switzerland and travelling throughout the Mediterranean. Most of his works are in private collections. In 1995, a major retrospective, called "Light of the North", was held in Frankfurt am Main.



























































Peder Mørk Mønsted (Balle Mølle, 10 dicembre 1859 - Fredensborg, 20 giugno 1941) è stato un pittore Danese.
Fu uno dei più brillanti rappresentanti del periodo d'oro della pittura danese e uno dei paesaggisti più famosi al mondo del XX secolo.
Mønsted nacque a Balle Mølle a sud di Grenå, nella parte orientale della penisola dello Jutland da un ricco costruttore navale. Da bambino prese lezioni di pittura presso la Scuola d'Arte di Aarhus.
Si trasferì a Copenaghen, dove studiò dal 1875-1879, presso l'Accademia di Copenaghen. Seguì le lezioni di Andries Fritz, Niels Simonsen e Julius Exner. 
Iniziò poi una carriera che lo porterà a viaggiare in tutta Europa, nel Nord Africa e in Medio Oriente. Nel 1882 si trasferì a Roma, e nell'isola di Capri, dove viene conquistato dal sole mediterraneo e dai colori vivaci. In seguito fece per un anno l'apprendista a Parigi nella bottega del celebre pittore Adolf Buzhero.
Nel 1884, visitò il Nord Africa, nel 1889 si trasferisce a Algeria e tre anni dopo in Grecia, dove per un anno è stato ospite della famiglia reale, dove dipinse i ritratti dei reali. Prima del 1900 Mønsted godeva di popolarità in Germania, soprattutto nella città di Monaco di Baviera.&
I primi anni del ventesimo secolo Mønsted fu in Svizzera, nel sud della Francia e in Italia. Durante la prima guerra mondiale viaggiò in Norvegia e Svezia, ma dal 1920-1930 si spostò di nuovo sulle rive del Mediterraneo.
  • Creatività
Mønsted difficilmente può essere collegato alla pittura di paesaggio accademica perché venne molto influenzato dall'Impressionismo francese. L'artista dipinge ciò che vede, spesso i campi, boschi, case rurali e cortili. I suoi paesaggi sono il frutto di una lunga contemplazione.
Nonostante i numerosi viaggi in tutto il mondo, Mønsted ha per lo più raffigurato paesaggi incontaminati del nord Europa con piccole figure umane. Molto spesso nei paesaggi sono raffigurati: laghi e corsi d'acqua, donando un senso ancora maggiore al paesaggio e alla sua atmosfera.
Le opere dell'artista sono esposte nelle collezioni dei musei di Aalborg, Bouts, Randers, e numerose collezioni private.

















Fai una donazione con con Paypal

Archivio

Follow by Email