Textual description of firstImageUrl

Franz Xaver Winterhalter (1805-1873) Academic painter






Born in the Grand-Duchy of Baden in 1805, of peasant stock, Franz Xaver Winterhalter received early training in Freiburg as a graphic artist.
In 1824 he enrolled at the Munich Academy for further study in painting, while continuing to earn a living with lithographic work.


Moving to Karlsruhe in 1828, he found employment as drawing master to the margravine of Baden and thus entered the world of aristocratic patronage.
A travel stipend in 1833-1834 took him to Italy, where he composed romantic genre scenes in the manner of Léopold Robert (1794-1835).
Though appointed court painter to the grand-ducal court on his return to Karlsruhe, he shortly moved to Paris, where he soon attracted notice with Italian genre scenes🎨 exhibited at the Salons🎨 from 1836-1838.


King Louis-Philippe commissioned him to paint portraits of the entire royal family and of leading members of the court.
Their success earned Winterhalter the reputation of a specialist in dynastic and aristocratic portraiture, skilled in combining likeness with flattery and enlivening official pomp with modern fashion.
As the "Painter of Princes" he was thereafter in constant demand by the courts of Britain (from 1841), Spain, Belgium, Russia, the Germanies, and France after the accession of Napoleon III.
To deal with the pressure of portrait commissions, many of them calling for multiple replicas, he made extensive use of assistants. He died in Frankfurt in 1873. | © National Gallery of Art, Washington, DC

























Nato nel Granducato di Baden nel 1805, di provenienza contadina, Franz Xaver Winterhalter ricevette una formazione iniziale a Friburgo come artista grafico.
Nel 1824 si iscrisse all'Accademia di Monaco per ulteriori studi di pittura, continuando a guadagnarsi da vivere con il lavoro litografico.
Trasferitosi a Karlsruhe nel 1828, trovò lavoro come maestro di disegno per la Margravia di Baden ed entrò così nel mondo del patronato aristocratico.
Uno stipendio di viaggio nel 1833-1834 lo portò in Italia, dove compose scene di genere romantico alla maniera di Léopold Robert (1794-1835).


Sebbene nominato pittore di corte alla corte granducale al suo ritorno a Karlsruhe, si trasferì presto a Parigi, dove presto attirò l'attenzione con scene di genere italiane esposte al Salon🎨 dal 1836-1838.
Il re Luigi Filippo gli commissionò di dipingere ritratti di l'intera famiglia reale e dei principali membri della corte.
Il loro successo fece guadagnare a Winterhalter la reputazione di specialista nella ritrattistica dinastica e aristocratica, abile nel combinare la somiglianza con l'adulazione e ravvivare la pompa ufficiale con la moda moderna.
Come "Pittore dei Principi", fu in seguito costantemente richiesto dai tribunali di Gran Bretagna (dal 1841), Spagna, Belgio, Russia, Germania e Francia dopo l'adesione di Napoleone III.
Per far fronte alla pressione delle commissioni per i ritratti, molti dei quali richiedevano repliche multiple, fece ampio ricorso agli assistenti. Muore a Francoforte nel 1873.



Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy