Textual description of firstImageUrl

Rabindranath Tagore | Metaphorical painter | Page.¹


Born in Calcutta into a wealthy Brahmo family, Rabindranath Tagore went on to become one of the most revered poet-philosophers of his time.
In 1913, he was awarded the Nobel Prize🎨 for Literature, the first non-Westerner to be honored with the award🎨.
A poet, author, playwright and artist, Tagore's creative output was immense.
What began as doodling on his working manuscripts became an obsession after 1930 and continued throughout the last ten years of his life.



The human face is a noticeable constant in Tagore’s output. As a writer par excellence, he connected human appearance with emotions and essence, something which transcended to his art as well.

Tagore’s faces reveal a myriad of moods: melancholic, mysterious, menacing, melodramatic, and romantic.
Tagore’s work in general is imbued with sadness.
His mother passed away when he was a boy, and his life was marked by continued personal tragedy.
He was plagued with grief after the suicide of his childhood playmate, sister-in-law and literary companion, Kadambari Devi, and the years between 1902-1907, saw the deaths of his wife, daughter and youngest son.


Tagore’s emotional state, solitude and longing for companionship are articulated in his literary works such as Mahua and Purabi.
The latter includes poems dedicated to another companion, the Argentinian writer and intellectual, Victoria Ocampo, the woman instrumental in organising his 1930 exhibition in Paris. Their idyllic encounter was short lived and it is said that this separation too was hard on him.



Of his ‘heads’, Tagore’s female figures are especially well-known. Mulk Raj Anand, in a 1961 Marg essay, elaborated:
Their gentle eyes and melancholy faces are half opaque… The pain has ceased but the pathos lingers.


The pain lingered so much that this oval faced woman came back again and again with her head cloth flowing in mellow colors transmitting dream into reality on an absolute pain’.

The appreciation for his paintings and drawings grew in leaps and bounds with time and there has been a tremendous shift in the market for Tagore’s works.
In 1976, the Government of India declared his work a national treasure with regard to his ‘artistic and aesthetic value’ and prohibited the exportation of his works outside the country.
The provenance of Tagore’s work has also played a significant role in their ‘value’.
Given his stature as a noble laureate and national hero, Tagore was associated with many world luminaries who bought or were gifted his work.
One such family were the Elmhirsts of Dartington Hall, England. | © Sotheby's









































Nato a Calcutta in una ricca famiglia Brahmo, Rabindranath Tagore🎨 è stato uno dei poeti-filosofi più venerati del suo tempo.
Nel 1913, gli fu conferito il Premio Nobel per la letteratura, il primo non occidentale ad essere insignito del premio.
Poeta, autore, drammaturgo ed artista, la produzione creativa di Tagore è stata immensa.
Ciò che era iniziato come scarabocchiare sui suoi manoscritti funzionanti divenne un'ossessione dopo il 1930 e continuò negli ultimi dieci anni della sua vita.
Il volto umano è una costante notevole nell'output di Tagore. Come scrittore per eccellenza, collegava l'apparenza umana con le emozioni e l'essenza, qualcosa che trascendeva anche la sua arte.
I volti di Tagore rivelano una miriade di umori: malinconici, misteriosi, minacciosi, melodrammatici e romantici.
Il lavoro di Tagore in generale è intriso di tristezza. Sua madre morì quando era un ragazzo, e la sua vita fu segnata da continue tragiche personali.
Fu tormentato dal dolore dopo il suicidio della sua compagna di giochi, cognata e compagna letteraria, Kadambari Devi, e gli anni tra il 1902-1907 videro la morte di sua moglie, sua figlia ed il figlio più giovane.



Lo stato emotivo di Tagore, la solitudine ed il desiderio di compagnia si articolano nelle sue opere letterarie come Mahua e Purabi.
Quest'ultimo include poesie dedicate a un altro compagno, lo scrittore e intellettuale argentino, Victoria Ocampo, la donna strumentale nell'organizzazione della sua mostra del 1930 a Parigi.
Il loro incontro idilliaco fu di breve durata e si dice che anche questa separazione fosse dura per lui. Delle sue "teste", le figure femminili di Tagore sono particolarmente conosciute.
Mulk Raj Anand, in un saggio del 1961, scrive:
"I loro occhi gentili e le facce malinconiche sono per metà opache ... Il dolore è cessato, ma il pathos persiste.
Il dolore si attardò così tanto che questa donna dalla faccia ovale tornò ancora e ancora con il suo copricapo che scorreva in dolci colori che trasmettono il sogno nella realtà su un dolore assoluto".

L'apprezzamento per i suoi dipinti e disegni è cresciuto a grandi passi nel tempo e c'è stato un enorme cambiamento nel mercato delle opere di Tagore.
Nel 1976, il governo indiano dichiarò la sua opera un tesoro nazionale per quanto riguarda il suo "valore artistico ed estetico" e proibì l'esportazione delle sue opere fuori dal paese.
Anche la provenienza del lavoro di Tagore ha avuto un ruolo significativo nel loro "valore".
Data la sua statura come vincitore nobile e eroe nazionale, Tagore fu associato a molti luminari mondiali che comprarono o ricevettero il suo lavoro.
Una di queste famiglie erano gli Elmhirsts di Dartington Hall, in Inghilterra. | © Sotheby's





Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy