Textual description of firstImageUrl

Ancient Egypt



The culture and monuments of ancient Egypt🎨 have left a lasting legacy on the world. The cult of the goddess Isis, for example, became popular in the Roman Empire, as obelisks and other relics were transported back to Rome.
The Romans also imported building materials from Egypt to erect Egyptian-style structures. Early historians such as Herodotus, Strabo, and Diodorus Siculus studied and wrote about the land, which Romans came to view as a place of mystery.


During the Middle Ages and the Renaissance, Egyptian pagan culture was in decline after the rise of Christianity and later Islam, but interest in Egyptian antiquity continued in the writings of medieval scholars such as Dhul-Nun al-Misri and al-Maqrizi.
In the seventeenth and eighteenth centuries, European travelers and tourists brought back antiquities and wrote stories of their journeys, leading to a wave of Egyptomania across Europe.
This renewed interest sent collectors to Egypt, who took, purchased, or were given many important antiquities.
Although the European colonial occupation of Egypt destroyed a significant portion of the country's historical legacy, some foreigners left more positive marks.
Napoleon, for example, arranged the first studies in Egyptology when he brought some 150 scientists and artists to study and document Egypt's natural history, which was published in the Description de l'Égypte.


In the 20th century, the Egyptian Government and archaeologists alike recognized the importance of cultural respect and integrity in excavations.
The Supreme Council of Antiquities now approves and oversees all excavations, which are aimed at finding information rather than treasure.
The council also supervises museums and monument reconstruction programs designed to preserve the historical legacy of Egypt. | © Wikipedia

























































La cultura ed i monumenti dell'antico Egitto hanno lasciato un'eredità duratura nel mondo.
Il culto della dea Iside, ad esempio, divenne popolare nell'impero romano, poiché gli obelischi e altre reliquie furono trasportati a Roma.
I romani importarono anche materiali da costruzione dall'Egitto per erigere strutture in stile egiziano. I primi storici come Erodoto, Strabone e Diodoro Siculo studiarono e scrissero della terra, che i romani vennero a considerare un luogo di mistero.
Durante il Medioevo e il Rinascimento, la cultura pagana egiziana era in declino dopo l'ascesa del cristianesimo e successivamente dell'Islam, ma l'interesse per l'antichità egizia continuò negli scritti di studiosi medievali come Dhul-Nun al-Misri e al-Maqrizi.
Nel diciassettesimo e nel diciottesimo secolo, i viaggiatori e i turisti europei riportarono antichità e scrissero storie sui loro viaggi, portando a un'ondata di egittomania in tutta Europa. Questo rinnovato interesse ha inviato collezionisti in Egitto, che hanno preso, acquistato o ricevuto molte importanti antichità.


Sebbene l'occupazione coloniale europea in Egitto abbia distrutto una parte significativa dell'eredità storica del paese, alcuni stranieri hanno lasciato segni più positivi.
Napoleone, per esempio, organizzò i primi studi in egittologia quando portò circa 150 scienziati e artisti a studiare e documentare la storia naturale dell'Egitto, che fu pubblicata nella Descrizione de l'Égypte.
Nel XX secolo, sia il governo egiziano che gli archeologi hanno riconosciuto l'importanza del rispetto e dell'integrità culturali negli scavi.
Il Consiglio Supremo delle Antichità ora approva e sovrintende a tutti gli scavi, che mirano a trovare informazioni piuttosto che tesori. Il consiglio supervisiona anche i musei ed i programmi di ricostruzione dei monumenti progettati per preservare l'eredità storica dell'Egitto.














Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Aiutaci a crescere con una donazione con con Paypal