Textual description of firstImageUrl

Percy Bysshe Shelley | Ozymandias, 1818






"Ozymandias" is a famous sonnet written in 1818 by British Romantic poet Percy Bysshe Shelley (1792-1822)🎨, in which he reflects on hubris and the implacable passage of time and on the decline of leaders and their empires.
The poem is widely believed to have been inspired by a broken statue of Ramses II that is now, like many priceless Egyptian artifacts, in the possession of the British Museum.

David Roberts RA (1796-1864)🎨 | Fragments of the Great Colossi, at the Memnonium, 1 March 1847 | The Royal Academy Collection

Ramses II or Ramses the Great is one of the ancient world’s most famous leaders, known to the Greeks as Ozymandias.
He ruled Egypt from 1279-1213 B.C.E. - meaning his statue could be more than 3,000 years old.
He led military expeditions that expanded Egypt’s reach as far east as modern Syria and as far south as modern Sudan.

"I met a traveller from an antique land,
Who said - "Two vast and trunkless legs of stone
Stand in the desert. . . . Near them, on the sand,
Half sunk a shattered visage lies, whose frown,
And wrinkled lip, and sneer of cold command,
Tell that its sculptor well those passions read
Which yet survive, stamped on these lifeless things,
The hand that mocked them, and the heart that fed;
And on the pedestal, these words appear:
My name is Ozymandias, King of Kings;
Look on my Works, ye Mighty, and despair!
Nothing beside remains. Round the decay
Of that colossal Wreck, boundless and bare
The lone and level sands stretch far away".

Alfred Clint (British marine painter, 1807-1883) | Portrait of the poet Percy Bysshe Shelley, 1829

Colossal bust of Ramesses II, the Younger Memnon, 1250 BC | British Museum

"Ozymandias" è un famoso sonetto scritto nel 1818 dal poeta romantico Britannico Percy Bysshe Shelley (1792-1822)🎨, in cui si riflette sull'arroganza e l'implacabile passaggio del tempo e sul declino dei leader e dei loro imperi.
Si ritiene che il sonetto sia stato ispirato dalla statua spezzata di Ramses II, portata a Londra all'inizio del 1800 e che ora è, come molti inestimabili manufatti egiziani, in possesso del British Museum.
Ramses II o Ramses the Great era uno dei leader più famosi del mondo antico.
Governò l'Egitto dal 1279-1213 a.E.V., il che significa che la sua statua potrebbe avere più di 3000 anni.
Guidò spedizioni militari che hanno ampliato la portata dell'Egitto fino all'estremo oriente della moderna Siria e fino al sud del moderno Sudan.

"Ho incontrato un viaggiatore da una terra antica
che diceva: “Due enormi gambe di pietra stroncate
si ergono nel deserto. Al loro fianco nella sabbia,
metà del viso è sprofondato e sfranto, la fronte
e le rugose labbra, e il sogghigno del freddo comando
ci dicono che lo scultore ben conoscesse tali passioni
che ancora sopravvivono, stampate su queste pietre senza vita,
alla mano che le plasmava, e al sentimento che le nutriva.
E sul piedistallo, queste parole impresse:
“Il mio nome è Ozymandias, re dei re:
osservate le miei opere, voi potenti, e disperate!”
Nient’altro rimane. Attorno alle rovine
di quel rudere colossale, spoglie e sterminate,
le sabbie solitarie e piatte si estendono oltre lontano".

Colossal bust of Ramesses II, the Younger Memnon, 1250 BC | British Museum


Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy