14/04/15 Aggiornato il:

Antoni Gaudí | Symbolism/Art Nouveau Architect




Antoni Gaudí, Catalan in full Antoni Gaudí i Cornet, Spanish Antonio Gaudí y Cornet (born June 25, 1852, Reus, Spain-died June 10, 1926, Barcelona), Catalan architect, whose distinctive style is characterized by freedom of form, voluptuous colour and texture, and organic unity. Gaudí worked almost entirely in or near Barcelona. Much of his career was occupied with the construction of the Expiatory Temple of the Holy Family (Sagrada Família), which was unfinished at his death in 1926.






Gaudí was born in provincial Catalonia on the Mediterranean coast of Spain. Of humble origins, he was the son of a coppersmith who was to live with him in later life, together with a niece; Gaudí never married. Showing an early interest in architecture, he went in 1869/70 to study in Barcelona, then the political and intellectual centre of Catalonia as well as Spain’s most modern city. He did not graduate until eight years later, his studies having been interrupted by military service and other intermittent activities.



Gaudí’s style of architecture went through several phases. On emergence from the Provincial School of Architecture in Barcelona in 1878, he practiced a rather florid Victorianism that had been evident in his school projects, but he quickly developed a manner of composing by means of unprecedented juxtapositions of geometric masses, the surfaces of which were highly animated with patterned brick or stone, gay ceramic tiles, and floral or reptilian metalwork. The general effect, although not the details, is Moorish-or Mudéjar, as Spain’s special mixture of Muslim and Christian design is called. Examples of his Mudéjar style are the Casa Vicens (1878-80) and El Capricho (1883-85) and the Güell Estate and Güell Palace of the later 1880s, all but El Capricho located in Barcelona. Next, Gaudí experimented with the dynamic possibilities of historic styles: the Gothic in the Episcopal Palace, Astorga (1887-93), and the Casa de los Botines, León (1892-94); and the Baroque in the Casa Calvet at Barcelona (1898-1904). But after 1902 his designs elude conventional stylistic nomenclature.




Except for certain overt symbols of nature or religion, Gaudí’s buildings became essentially representations of their structure and materials. In his Villa Bell Esguard (1900-02) and the Güell Park (1900-14), in Barcelona, and in the Colonia Güell Church (1898-c. 1915), south of that city, he arrived at a type of structure that has come to be called equilibrated-that is, a structure designed to stand on its own without internal bracing, external buttressing, and the like-or, as Gaudí observed, as a tree stands. Among the primary elements of his system were piers and columns that tilt to transmit diagonal thrusts, and thin-shell, laminated tile vaults that exert very little thrust. Gaudí applied his equilibrated system to two multistoried Barcelona apartment buildings: the Casa Batlló (1904-06), a renovation that incorporated new equilibrated elements, notably the facade; and the Casa Milá (1905-10), the several floors of which are structured like clusters of tile lily pads with steel-beam veins. As was so often his practice, he designed the two buildings, in their shapes and surfaces, as metaphors of the mountainous and maritime character of Catalonia.

As an admired, if eccentric, architect, Gaudí was an important participant in the Renaixensa, an artistic revival of the arts and crafts combined with a political revival in the form of fervent anti-Castilian “Catalanism”. Both movements sought to reinvigorate the way of life in Catalonia that had long been suppressed by the Castilian-dominated and Madrid-centred government in Spain. The religious symbol of the Renaixensa in Barcelona was the church of the Holy Family, a project that was to occupy Gaudí throughout his entire career. He was commissioned to build this church as early as 1883, but he did not live to see it finished. Working on it, he became increasingly pious; after 1910 he abandoned virtually all other work and even secluded himself on its site and resided in its workshop. In his 75th year, while on his way to vespers, he was struck down by a trolley car, and he died from the injuries. After Gaudí’s death, work continued on the Sagrada Família. In 2010 the uncompleted church was consecrated as a basilica by Pope Benedict XVI.



In his drawings and models for the church of the Holy Family (only one transept with one of its four towers was finished at his death), Gaudí equilibrated the cathedral-Gothic style beyond recognition into a complexly symbolic forest of helicoidal piers, hyperboloid vaults and sidewalls, and a hyperbolic paraboloid roof that boggle the mind and outdo the bizarre concrete shells built throughout the world in the 1960s by engineers and architects inspired by Gaudí. Apart from this and a similar, often uncritical, admiration for Gaudí by Surrealist and Abstract Expressionist painters and sculptors, Gaudí’s influence was quite local, represented mainly by a few devotees of his equilibrated structure. He was ignored during the 1920s and ’30s, when the International Style was the dominant architectural mode. By the 1960s, however, he came to be revered by professionals and laymen alike for the boundless and tenacious imagination that he used to attack each design challenge with which he was presented.




The architectural work of Gaudí is remarkable for its range of forms, textures, and polychromy and for the free, expressive way in which these elements of his art seem to be composed. The complex geometries of a Gaudí building so coincide with its architectural structure that the whole, including its surface, gives the appearance of being a natural object in complete conformity with nature’s laws. Such a sense of total unity also informed the life of Gaudí; his personal and professional lives were one, and his collected comments about the art of building are essentially aphorisms about the art of living. He was totally dedicated to architecture, which for him was a totality of many arts. | by George R. Collins, ©2015 Encyclopædia Britannica, Inc.










































































Antoni Gaudí y Cornet (Reus, 25 giugno 1852 - Barcellona, 10 giugno 1926) è stato un architetto spagnolo. Fu il massimo esponente del modernismo catalano, pur essendo la personalità meno organica a tale movimento artistico di cui comunque condivideva i presupposti ideologici e tematici, completandoli però con una ispirazione personale basata principalmente su forme naturali, che giunse a degli esiti anticipatori dell'espressionismo e di altre avanguardie, compreso il surrealismo. Egli è stato definito da Le Corbusier come il "plasmatore della pietra, del laterizio e del ferro".
Sette delle sue opere, situate a Barcellona, sono state inserite nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1984.
Gaudí nasce il 25 giugno 1852, nella provincia di Tarragona, nella Catalogna meridionale. I documenti ufficiali stabiliscono come luogo della sua nascita la cittadina di Reus, mentre alcuni la collocano a Riudoms, un piccolo villaggio a 3 km di distanza; certo è che fu battezzato a Reus il giorno dopo la nascita. Figlio degli artigiani calderai Francesc Gaudí y Serra (1813-1906) e Antònia Cornet Bertran (1819-1876), era il più giovane di cinque figli dei quali poi solo tre raggiunsero l'età adulta: Rosa (1844-1879), Francesc (1851-1876) e Antoni.
Dal 1869 studiò a Barcellona, una città che stava crescendo e cambiando tumultuosamente e dove stavano maturando i fermenti culturali del modernismo catalano e della Renaixença, il movimento culturale e politico del recupero della lingua e della cultura catalana e delle rivendicazioni nazionalistiche contrapposte al centralismo castigliano. Gaudí condivise per tutta la vita tali aspirazioni autonomistiche, contribuendo attivamente all'atmosfera di rinnovamento culturale che caratterizzava allora Barcellona.
Si diplomò nel febbraio del 1878 alla Scuola Superiore di Architettura, ma già prima di diplomarsi riuscì a lavorare con i migliori architetti del tempo. La sua formazione fu ampia, studiò i testi di John Ruskin, Eugène Viollet-le-Duc e Otto Wagner, ma anche la tecnica dei nuovi materiali da costruzione come il cemento. Nel 1882 a Parigi, durante l'Esposizione universale, avvenne l'incontro fondamentale, quello con l'industriale catalano Eusebi Güell, che divenne il suo principale mecenate e che gli avrebbe commissionato alcune di quelle che poi sarebbero diventate le sue più famose opere. In questo periodo Gaudí parteciperà alla vivace vita sociale della città, mentre negli anni successivi sarà noto per il particolare carattere schivo e solitario.
Dopo aver collaborato con Joan Martorell, nel 1883 a soli 31 anni, venne nominato architetto capo della costruzione in città del tempio Espiatorio della Sagrada Família, cominciando a costruire la cripta (1884-1887) e poi l'abside (1891-1893). Si trattava di una costruzione monumentale e complessa, tuttora in corso, che assorbì le sue energie fino alla morte, esemplificando l'associazione tra arte, architettura e vita che caratterizza l'intensa opera di Gaudí. Nello stesso 1883 cominciò a costruire la Casa Vicens, in cui rifiutava il rigore geometrico della tradizione e reinterpretava lo stile mudejar accostando mattone e azulejo.
Nel 1887 il conte Güell gli affida la costruzione della sua residenza di città, il Palazzo Güell, nella cui creazione Gaudí usa per la prima volta gli archi di catenaria che saranno un elemento costante del suo linguaggio architettonico.
Negli anni 1898-1900 fu costruita la Casa Calvet, un edificio in pietra che ottenne il premio assegnato dal Comune di Barcellona per il miglior edificio realizzato in città, confermando il successo professionale di Gaudí. A partire dal 1900 nascono i suoi maggiori capolavori, quasi tutti a Barcellona: il parco Güell in cui natura, scultura ed architettura si confondono in una grande maestria artigianale nell'uso dei materiali; la particolare Casa Batlló (1904-1906), che appare come modellata da mani gigantesche con la facciata rivestita da un mosaico di pietre vitree colorate, mentre i suoi balconi in ghisa ricordano delle ossa (nome con il quale venne ribattezzata l'abitazione) e lo strano tetto ondeggiante si presenta simile alle squame di un rettile primitivo; la chiesa della Colònia Güell a Santa Coloma de Cervelló, di cui fu costruita la sola cripta.
La Casa Milà (1906-12) dalla movimentata e plastica facciata in pietra, fu l'ultima opera civile dell'architetto, che dal 1914 si dedicò esclusivamente ai lavori della Sagrada Família, accentuando la tendenza alla solitudine, tanto da vivere in una stanzetta nel cantiere.
Il 7 giugno del 1926 fu investito da un tram (singolare il fatto che fosse stato il primo tram messo in circolazione nella città). Il suo miserevole aspetto ingannò i soccorritori, i quali lo credettero un povero vagabondo e lo trasportarono all'ospedale della Santa Croce, un ospizio per i mendicanti fondato dai ricchi borghesi della Catalogna. Fu riconosciuto soltanto il giorno successivo dal cappellano della Sagrada Família e morì il 10 giugno. Nonostante questa fine quasi miserabile, al suo funerale parteciparono migliaia di persone. I barcellonesi lo soprannominarono da quel momento "l'architetto di Dio". È sepolto nella cripta della Sagrada Família.
L'opera architettonica

Quasi tutta l'opera del maestro è legata al capoluogo catalano, città in cui, a cavallo tra XIX e XX secolo, si manifestò un principio di sviluppo industriale ed importanti fermenti culturali, che dettero vita al movimento artistico del modernismo catalano, di cui Gaudí stesso fu il principale esponente. La sua carriera di architetto è caratterizzata dall'elaborazione di forme straordinarie, imprevedibili e oniriche, realizzate utilizzando i più diversi materiali (mattone, pietra, ceramica, vetro, ferro), da cui Gaudí seppe trarre le massime possibilità espressive con una profonda attenzione per le lavorazioni artigianali.
La profonda fede cattolica di Gaudí, la sua spiritualità ed il suo peculiare misticismo permeano tutte le sue opere, costellate di motivi simbolici complessi, ricorrenti e spesso non immediatamente evidenti. La sua architettura è una complessità architettonica, la ricerca della sintesi fra statica e plastica. Il suo assioma è che l'architettura crea un organismo, il quale, come tale, deve sottostare alle leggi della natura. Viene qui ripreso il concetto Liberty che la natura non va copiata, ma capita nel suo processo (fitomorfismo).
Le opere di Gaudí inserite nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO:

Parco Güell (1900-1914, Barcellona);
Palazzo Güell (1886-1888, Barcellona);
Sagrada Família (1883-ancora in costruzione);
Casa Batlló (1904-1907, Barcellona);
Casa Milà (detta La Pedrera) (1906-1912, Barcellona);
Casa Vicens (1883-1888, Barcellona);
Cripta della Colonia Güell (1898-1915, Santa Coloma de Cervelló).
Tra le altre opere più importanti di Gaudí:
Il Capriccio (1883-1885, Comillas);
Padiglioni Güell (1884-1887, Barcellona);
Collegio Teresiano (1888-1890, Barcellona);
Palazzo episcopale (1889-1893, Astorga);
Casa Botines (1892, León);
Cantine Güell (1895-1901, Garraf);
Casa Calvet (1898-1900, Barcellona);
Bellesguard (1900, Barcellona);
Colonia Güell a Santa Coloma de Cervelló; Rinnovo della Cattedrale di Santa Maria di Palma di Maiorca (1904-1914, Palma di Maiorca).