14/10/15 Aggiornato il:

Gustave Loiseau | Paris painting




Gustave Loiseau (1865-1935) was a French Post-Impressionist painter, remembered above all for his landscapes and scenes of Paris.
Brought up in Paris and Pontoise by parents who owned a butchers shop, Loiseau served an apprenticeship with a decorator who was a friend of the family. After suffering an attack of typhoid that brought him near to death, he 1880 explained to his parents his aspirations to become an artist. His parents, realizing that their son was unlikely to change his mind, soon sold their business and retired to Pontoise.


In 1887, when a legacy from his grandmother allowed him to concentrate on painting, he enrolled at the École des arts décoratifs where he studied life-drawing. Loiseau established himself in Montmartre in 1887, first in the rue Myrrha, and then at La Maison du Trappeur in the rue Ravignan. Loiseau was one of the first artists to occupy this house, which would later achieve international fame as the Bateau-Lavoir, where Picasso lived and worked in his early career.
However, a year later he left the school after an argument with his teacher. He then invited the landscape painter Fernand Just Quignon (1854-1941) tutor him in painting.
Although Loiseau found Quignon's luminous and airy painting appealing, he was disappointed by both his approach and his methods. He felt that Quignon's process of painting in his studio from sketches produced works that lacked spontaneity, freshness and intensity. Loiseau, with his totally different method of painting en plein air, found it inconceivable that a canvas should not be painted directly from the subject.
On Quignon's advice, Loiseau arrived in Pont-Aven for the first time in May of 1890, taking a room in the cheapest pension in the village, Marie-Jeanne Gloanec's auberge at the end of the town square.
It was at the Pension Gloanec that Loiseau met the artists Maxime Maufra and Henry Moret (1856-1913). He and Maufra, with only a four-year difference in age, had much in common and quickly became friends. Sharing a very similar artistic outlook, Loiseau was from the outset, however, naturally more inclined toward Impressionism than was Maufra. Under the influence of Gauguin's Breton period of Synthetism and Cloisonnism, Maufra turned his back on the theories of Divisionism that Loiseau was following. Loiseau commented that "in many instances the juxtaposition of spots of color in the Divisionist manner gives an accurate and powerful interpretation of the effects of light".

After experimenting with Pointillism, he adopted his own approach to Post-Impressionism, painting landscapes directly from nature. Both Moret and Maufra urged Loiseau to exhibit at the Salon des Indépendants in 1891 and 1892. Also in 1891, Maufra introduced Loiseau to Le Barc de Boutteville, an art dealer in the rue Le Pelletier in Paris who was very supportive of young artists. It was in this gallery that the Rouen collector François Depeaux became the first to discover Loiseau's paintings. Depeaux, who was a famous collector and a close friend of Claude Monet, bought two of Loiseau's canvases.
Upon his return to Paris after spending the summer 1894 in Brittany, Loiseau contacted Paul Durand-Ruel, the prestigious Paris art dealer who represented Claude Monet and was the leading art dealer of the Impressionists.
By 1894, Impressionism had established and was beginning to sell and attract attention in America as well. Durand-Ruel began to handle Loiseau's work in 1894, at which time he terminated his exhibiting at Le Barc de Boutteville. Loiseau's relationship with Durand-Ruel enabled him to travel more extensively and discover the regions and subjects that would inspire him for the remainder of his career.
In the spring of 1895, Loiseau moved to Moret-sur-Loing and began painting the hills and rivers of the region. From that time on, Loiseau was to be one of the most sincere interpreters of the French landscape.
He journeyed through Normandy, Brittany, and the Dordogne in summer, returning to the Île-de-France each winter. From his paintings it is possible to follow his movements.
He painted many works in Pontoise, where he lived every winter. In 1904, he had a fine studio built in his garden there, and many of his canvases are views from his studio. After 1899, he also painted frequently in Saint-Cyr-du-Vaudreuil on the banks of the Eure, where he produced an impressive series of poplars, reminiscent of the works of Monet. He spent time in the river valleys the Eure, the Seine, and the Yonne, and in Normandy he painted in Dieppe, Fécamp, and Etretat.
He also returned faithfully almost every year to Brittany. He visited Saint-Herbot and Le Huelgoat in 1903, Cap Fréhel in 1905 and 1906 and Douarnenez-Tréboul in 1913.
His technique is changing during the 1910s known as "en treillis", "touche croisée" or cross-hatching, which gave his works a special quality, now recognized as his speciality.
Toward the end of his life, while maintaining his studio on the quai du Pothuis in Pontoise, Loiseau took another studio on the quai d'Anjou in Paris, where he painted views of the city from his studio window as he had done in Pont-Aven.
Loiseau died in Paris, in 1935.
Loiseau's paintings, revealing his passion for the seasons from the beginning of spring to the harvests later in the autumn, often depict the same scene as time goes by. Series of this kind, which include many different types of landscapes, are reminiscent of Claude Monet.



































































































Gustave Loiseau (Parigi, 3 ottobre 1865 – Parigi, 10 ottobre 1935) è stato un pittore Francese. Appartenne al movimento dei Post-impressionisti.
Nato a Parigi da una famiglia di macellai originaria della Val-d'Oise, Gustave Loiseau visse l'infanzia e l'adolescenza a Pontoise. All'età di quindici anni venne messo come apprendista nella bottega di un salumiere, ma, pochi anni dopo, sentì il bisogno di abbandonare l'ambiente commerciale e di avvicinarsi all'arte. Passò quindi, sempre come apprendista, presso un decoratore amico della famiglia e la fortuna lo assistette. Alla morte della nonna, infatti, ereditò una somma sufficiente a mantenersi nella capitale.
Si trasferì quindi a Parigi, distante solo 25 km, nel quartiere di Montmartre, e si iscrisse alla "Scuola di arti decorative". Dopo solo un anno, però, a causa di una lite con un docente, lasciò la Scuola e iniziò a lavorare come decoratore.
Poi, un altro colpo di fortuna lo spinse più avanti: il pittore paesaggista Fernand Quignon (1854-1941) gli chiese di decorare il suo appartamento e in breve tempo lo accolse nel suo atelier e divenne il suo primo maestro e mentore. Quignon istruì Loiseau con tanta capacità e convinzione che il giovane si appassionò al punto di decidere, nel 1887, di dedicarsi totalmente alla pittura e di intraprendere la carriera dell'artista.
Sempre su suggerimento di Quignon, a partire dal 1890 Loiseau trascorse tutte le estati a Pont-Aven, alloggiando alla Pensione Gloanec con gli amici del "gruppo di Pont-Aven": Maurice Maufra, Émile Bernard, Henry Moret e soprattutto Paul Gauguin che con lui fu sempre prodigo di consigli.
In seguito, nel 1891, si trasferì a Auvers-sur-Oise, per poi tornare, nel 1904, a Pontoise, dove si stabilì e dove rimase per tutta la vita, pur mantenendo un altro atelier a Parigi nel quale si recava regolarmente.
Dal 1894 iniziò ad esporre, partecipando alla 6ª, 7ª e 8ª mostra degli Impressionisti e dei Simbolisti presso il "Barc de Bouteville". I suoi lavori furono notati dal famoso mercante d'arte Paul Durand-Ruel che lo legò a sé con un favorevole contratto. Durand-Ruel amministrò così gran parte della produzione di Loiseau ed espose i suoi quadri anche a New York, nella galleria di cui era proprietario.
Dopo una vita priva di grandi emozioni, ma densa di lavoro e di autentica ispirazione artistica, Loiseau, mentre si trovava nel suo atelier di Parigi affacciato sulla Senna, si spense. Aveva 70 anni.
I suoi resti riposano nel cimitero di Pontoise. E a Pontoise esiste ancora il suo primo atelier.
L'espressione pittorica di Loiseau si mantenne sempre nell'alveo della corrente Post-impressionista e se egli mostrò qualche evidente influenza da parte di altri maestri, non si può che fare il nome di Claude Monet, specie osservando le sue rappresentazioni dei porti, delle falesie e delle chiese, eseguite in piccole serie.
Loiseau dipingeva all'aria aperta, immerso nei paesaggi che lo ispiravano, in Bretagna, in Normandia, o anche nei centri abitati, come Moret-sur-Loing o la stessa Parigi. Realizzò molte tele su Pontoise e sulla sua regione, come del resto fece anche Camille Pissarro, riprendendo il quartiere dell'Hermitage, la cattedrale di Saint Maclou, la banchina di Ponthuis e le sponde dell'Oise. E si portò anche in molti dei centri abitati circostanti, come Auvers, Nesles-la-Vallée, Osny e Saint-Ouen-l'Aumône.
Le opere di Loiseau rivelano anche una passione che egli ebbe in comune con altri artisti impressionisti e post-impressionisti: quella per il variare del paesaggio a seconda delle stagioni. Oltre che fissare sulla tela i caratteri peculiari di una stagione (lo sbocciare della primavera, il biondeggiare delle messi, i tardivi raccolti dell'autunno o le prime gelate nevose dell'inverno), spesso, come altri, ritrasse il medesimo paesaggio naturale (boschi, campi, ma anche frutteti e orti) nei diversi periodi dell'anno.
Questa sensibilità per il paesaggio come genesi e non come prodotto della natura sensibile, ma anche come espressione di una naturalità assai dilatata che coinvolge spazio, tempo e loro mutazioni, si può comprendere non solo dai soggetti rappresentati, quanto piuttosto dalla tecnica di Loiseau che, rifiutando la chiarezza della figuratività immediata, lascia intuire le sensazioni e le stesse realtà solo attraverso quei codici grafici e cromatici che disvelano lo spessore e il significato estetico di un paesaggio nella sua specificità.
Come annota Didier Imbert, la sua arte si espresse a mezza voce, con discrezione e delicatezza, ma soprattutto con grande sincerità.
Se Loiseau è anche conosciuto per le sue pitture murali nelle strade di Parigi (piazza della Bastiglia, l'Etoile, ecc.), in realtà i suoi luoghi e i suoi soggetti prediletti furono le scene campestri e contadine. Si applicò poco ai ritratti, preferendo cogliere personaggi in movimento, operai al lavoro, portuali attorno ai battelli, avventori che affollano i mercati o il traffico di automobili nei grandi boulevard o nelle piazze parigine, viste dall'alto come dall'occhio attento di una rondine che sorvola curiosa le città degli uomini.
Peraltro, sin da giovane amava dipingere anche nature morte, e in età avanzata, fermandosi più a lungo nello studio di Parigi, ne dipinse molte. In questi lavori Loiseau sembra voler abbandonare la pennellata e la tessitura impressionista, per lasciar affiorare quella che Imbert chiama "una risonanza classica ", una staticità che prelude ad un pacato immobilismo.