Textual description of firstImageUrl

Guercino (1591-1666) Baroque Era painter

Giovanni Francesco Barbieri was called Guercino in reference to his pronounced squint.
He was the leading Bolognese painter after the death of Guido Reni🎨. His earlier pictures typically combine the chiaroscuro effects of Caravaggio🎨 with a charm and softness not usually found in followers of this artist.
Guercino was born at Cento, near Bologna. He was largely self-taught but influenced by the Carracci🎨 and particularly by Ludovico Carracci.
An early commission in Bologna was the altarpiece of the 'Investiture of Saint William' (1620, Bologna, Pinacoteca).
In 1621 Guercino was invited to Rome to work for Pope Gregory XV.
His ceiling fresco, Aurora, was painted for the Pope's nephew (Rome, Villa Ludovisi).





On the death of the Pope, Guercino returned to Cento; he settled in Bologna, probably in 1644, after the death of Reni🎨.


His later work is more academic, closer to the manner of Reni, and lacks the bravura handling and chiaroscuro effects of his earlier paintings. | © The National Gallery, London























































Guercino, Giovanni Francesco Barbieri detto il - Pittore (Cento 1591 - Bologna 1666).
Ritenuto uno degli artisti più rappresentativi della fase matura del barocco🎨, la sua abilità tecnica e l'originalità del tocco ebbero notevole influsso sull'evoluzione delle decorazioni nel 17° secolo.
La produzione del Guercino del tutto scevra dalle pesantezze e opacità che intralciano alcuni artisti coevi, è caratterizzata da forti contrasti di luce e da ombreggiature ariose che, pur non divenendo mezzo per ottenere valori costruttivi come nel Caravaggio🎨, creano una freschezza e una trasparenza caratteristiche.
Tra le sue opere più significative si ricordano:






Vita ed Opere
Studiò con B. Bertozzi e poi con B. Gennari il Vecchio; più tardi, attraverso G. B. Cremonini, entrò in contatto con l'ambiente artistico dei Carracci🎨, e fu specialmente attratto dal pittoricismo di Ludovico.
A Ferrara, nel 1616, attraverso lo Scarsellino ebbe un primo contatto con i modi pittorici veneziani, che ebbe poi occasione di sviluppare durante il suo soggiorno a Venezia (1618), con lo studio dei grandi maestri veneziani del 16º sec.
Opere
Le opere del primo periodo (1615-20), ma specialmente quelle posteriori al soggiorno veneziano (Susanna: museo del Prado; il summenzionato S. Guglielmo d'Aquitania) hanno un colorito caldo e intenso, effetti di luce e ombra, e rappresentano indubbiamente la miglior parte della sua opera.


Chiamato a Roma da Gregorio XV (1621), vi dipinse, tra l'altro, la Maria Maddalena della Pinac. Vaticana, la Sepoltura di s. Petronilla della Gall. Capitolina, la mirabile decorazione, con l'Aurora, nel Casino Ludovisi.
Questa, con la libertà della composizione e l'efficacia cromatica e luministica, in netto contrasto con la serrata quadratura del Tassi, si pone come un fatto totalmente nuovo nell'ambiente romano e più precisamente in netta contrapposizione con la classica realizzazione dello stesso soggetto di Guido Reni🎨 al Palazzo Rospigliosi.
Tornò a Cento nel 1623 e vi rimase, lavorando intensamente fino al 1642, quando si stabilì a Bologna.
Del 1626 è la decorazione della cupola del duomo di Piacenza; del 1630 il già citato Cristo che appare alla Maddalena, opera celebratissima, ma che già tradisce la prossima crisi dell'artista.
L'influenza di G. Reni si fa sempre più netta e, con essa, l'arte del G. si volge a modi accademici, sia nella composizione, sia nel colorito, sia nella fattura, sia infine nei temi e nei motivi. Inesistente o almeno assai debole fu l'influenza del Caravaggio sul primo stile del Guercino.
La trasformazione subita dalla pittura del G. è la prova più patente della crisi della cultura artistica che avvenne verso il 1630 e che portò al trionfo del cosiddetto "classicismo barocco". | © Treccani



Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Aiutaci a crescere con una donazione con con Paypal