Textual description of firstImageUrl

Yves Thos (1935-2020) | La Dolce Vita



Yves Thos was a French painter, leader of a poster artist trend and author of masterpieces now listed in the Cinema World Heritage.
Since the 1980’s, his paintings have created a new pictural generation which naturally originated from posters and figurative contemporary art.

Born in Paris suburbs, Yves Thos joined the School of Graphic Arts at age 16 and painted his first movie posters when he was 19.
Yves Thos began his painting career as a cinema poster artist at the age of nineteen, never to leave it again. He painted his first posters for the firm Pathé-Cinéma.



He was immediately acknowledged and noticed by the biggest movie companies.

He created the visual catchphrase of "La Dolce Vita" by Federico Fellini, as well as the poster for the film "La Femme et le Pantin", which became must-see movies during the poster golden age (from 1950-1980)...
Both are now registered to the Cinema World Heritage.

He is also the author of posters for films as diverse as "Cartouche" (film) "Don Camillo Monseigneur", "Le Capitan" or "Goldfinger".
He also flourished by working on magazine covers, book covers and advertising campaigns like those of Uncle Ben's, Coca Cola or Oasis.
In 1965, at the Pilote newspaper, he was the cover designer for Bob Morane, Barbe Rouge and "Les Aventures de Tanguy et Laverdure", with Albert Uderzo and René Goscinny.
Illustrator of Dinky Toys boxes, catalogs and posters from 1967-1969, he was entrusted with the creation of a collection of works by the writer Stephen King.
Yves Thos mainly paints characters.
Whether African or Asian, a peasant or a dancer, known or unknown, woman has been his favorite model. A great vivid colors and light magician, he is fond of contrasts, duality, gradation from darkness to overexposure.
His paintings, both dream and contemplation invite you to meditate.
Along 40 years of creation, Yves Thos has asserted himself as an exemplary international artist, and many of his pieces belong to international private collections.
Yves Thos died in Saint-Chaptes on 13 October 2020 at the age of 84.
















Yves Thos (29 ottobre 1935 - 13 ottobre 2020) è stato un pittore Francese, leader di una tendenza di cartellonistica ed autore di capolavori ora elencati nel patrimonio mondiale del cinema.
Dagli anni '80, i suoi dipinti hanno creato una nuova generazione pittorica che ha avuto origine naturalmente dai manifesti e dall'arte figurativa contemporanea.
Yves Thos ha iniziato la sua carriera pittorica come cartellonista cinematografico all'età di diciannove anni, per non lasciarla mai più.
Dipinge i suoi primi poster per la ditta Pathé-Cinéma. È stato subito riconosciuto e notato dalle più grandi compagnie cinematografiche.

Ha creato lo slogan visivo de "La Dolce Vita" di Federico Fellini, così come il poster del film "La Femme et le Pantin", diventato film imperdibile durante l'età d'oro dei poster (dal 1950-1980)...
Entrambi sono ora iscritti al Patrimonio Mondiale del Cinema.

È anche autore di poster per film diversi come "Cartouche" (film) "Don Camillo Monseigneur", "Le Capitan" o "Goldfinger".


Ha anche prosperato lavorando su copertine di riviste, copertine di libri e campagne pubblicitarie come quelle di Uncle Ben, Coca Cola od Oasis.
Nel 1965, al quotidiano Pilote, è stato il disegnatore di copertine per Bob Morane, Barbe Rouge e "Les Aventures de Tanguy et Laverdure", con Albert Uderzo e René Goscinny. Illustratore di scatole, cataloghi e poster "Dinky Toys" dal 1967-1969, gli viene affidata la creazione di una raccolta di opere dello scrittore Stephen King.
Yves Thos dipingeva principalmente personaggi. Africana od asiatica, contadina o ballerina, conosciuta o sconosciuta, la donna è stata la sua modella preferita.
Un grande mago dei colori vividi e della luce, amava i contrasti, la dualità, la gradazione dall'oscurità alla sovraesposizione.
I suoi dipinti, sia il sogno che la contemplazione, ti invitano a meditare.
In 40 anni di creazione, Yves Thos si è affermato come un artista internazionale esemplare e molti dei suoi pezzi appartengono a collezioni private internazionali.
Yves Thos è morto a Saint-Chaptes il 13 ottobre 2020 all'età di 84 anni.