Pubblicato il 08/01/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Hindu Art | Ancient Origins




Hinduism, one of the great religions of the world, has a long and rich history of depicting the divine in art. Originating in India in remote antiquity, it is a polytheistic system with a myriad of gods and goddesses.
The challenge for artists was not a shortage of subject matter, but rather how to give form to beings that by their very natures are formless. Relying mainly on sacred religious texts wherein the exploits of the gods and goddesses are told and retold, certain tales and episodes became favorites for illustration, and standard iconographies were established for specific deities.









These iconographies include certain attributes, body postures, hand gestures, hair styles, colors, animal associations, and the like. Most of these elements are imbued with deep religious symbolism. A visual vocabulary was thus built up, and once established, became solidified. This visual library has since remained fairly unchanged with the passage of time.


From its beginnings Hindu art was created primarily to aid devotees in focusing their worship. Monumental stone statues or relief sculptures were positioned in or on temples, and large bronze cult statues were set up for public worship. Innumerable smaller figurines have been made for installation in household shrines so that devotees may offer personal devotion. Paintings, tapestries, ritual objects, theatrical masks, and other items bearing images of  deities have been created in various media, all forming part of a dense pictorial encyclopedia used to illustrate divine subject matter. This rich corpus of imagery provides instruction, support, and inspiration for millions of devout Hindu believers.







The exhibition features some of the most important deities of the Hindu pantheon. Vishnu and his ten avatars, especially Krishna, figure prominently. Shiva, another male god of prime importance, is featured, as is his son, the much  loved elephant-headed Ganesha. The well-known goddesses Lakshmi, Parvati, Durga, Kali, and Sarasvati are represented.
Together with these major gods and goddesses, a selection of lesser-known male and female deities is also  included. The artworks span the ages, from the eighth or ninth century to the present. Most were made in India, though a few originate in neighboring countries of south or southeast Asia.
Artworks created in time-honored classic styles, honed through centuries of standardization, are displayed alongside items that exhibit regional stylizations, charming folk-style characteristics, or even modern artistic license. Taken as a whole, the exhibition offers viewers an introduction to the incredibly fertile and varied visual landscape of Hindu divinity. | © The University of Missouri





























L'Induismo, una delle grandi religioni del mondo, ha una lunga e ricca storia di rappresentazione del divino nell'arte.
Originario dell'India nell'antichità remota, è un sistema politeistico con una miriade di dei e dee. La sfida per gli artisti non era una carenza di argomenti, ma piuttosto come dare forma agli esseri che per loro stessa natura sono senza forma.
Basandosi principalmente su sacri testi religiosi in cui le imprese degli dei e dee sono raccontate e raccontate, certi racconti ed episodi sono diventati favoriti per l'illustrazione, e sono state stabilite iconografie standard per divinità specifiche. Queste iconografie includono alcuni attributi, posizioni corporee, gesti delle mani, acconciature, colori, associazioni di animali e simili. Molti di questi elementi sono intrisi di un profondo simbolismo religioso. È stato così costruito un vocabolario visivo, e una volta stabilito, si è solidificato. Questa biblioteca visiva da allora è rimasta abbastanza invariata con il passare del tempo.

Fin dai suoi inizi l'arte indù fu creata principalmente per aiutare i devoti a focalizzare la loro adorazione. Statue di pietra monumentali o sculture di rilievo sono state posizionate nei o sui templi e grandi statue di culto in bronzo sono state allestite per il culto pubblico. Innumerevoli figurine più piccole sono state create per l'installazione nei santuari domestici in modo che i devoti possano offrire devozione personale.
Dipinti, arazzi, oggetti rituali, maschere teatrali e altri oggetti con immagini di divinità sono stati creati in vari media, tutti facenti parte di una fitta enciclopedia pittorica usata per illustrare i soggetti divini. Questo ricco corpus di immagini fornisce istruzione, supporto e ispirazione per milioni di devoti credenti indù.

La mostra presenta alcune delle più importanti divinità del pantheon indù. Vishnu e i suoi dieci avatar, in particolare Krishna, hanno un ruolo prominente. Shiva, un altro dio maschio di primaria importanza, è rappresentato, come suo figlio, il tanto amato Ganesha dalla testa di elefante. Sono rappresentate le famose dee Lakshmi, Parvati, Durga, Kali e Sarasvati. Insieme a questi dei e dee maggiori, è inclusa anche una selezione di divinità maschili e femminili meno conosciute. Le opere d'arte abbracciano i secoli, dall'ottavo al nono secolo ad oggi.
La maggior parte è stata fabbricata in India, sebbene alcuni abbiano origine nei paesi limitrofi del sud o sud-est asiatico.
Le opere d'arte create in stili classici consacrati da secoli, affinate attraverso secoli di standardizzazione, sono esposte accanto a oggetti che mostrano stilizzazione regionale, caratteristiche affascinanti dello stile popolare, o anche la licenza artistica moderna. Nel complesso, la mostra offre agli spettatori un'introduzione al panorama visivo incredibilmente fertile e vario della divinità indù. | © The University of Missouri




Fai una donazione con con Paypal

Archivio

Follow by Email