Pubblicato il 01/06/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Charles Garabed Atamian | Plein Air painter




Charles Garabed Atamian was considered as the artist of life and light, master of landscape, and marine scenes. He was an acute observer of human moods and gesture. The majority of his works are oil paintings and he often depicted beach scenes, especially children playing in the sand.
Charles Garabed Atamian (September 18, 1872 - July 30, 1947) was born to an Armenian family. As a young artist Charles Atamian joined the French Lycée Saint- Benoît in Istanbul in 1880. He then carried on high-school studies in Venice, where he qualified in the teaching of drawing, painting and calligraphy.



In 1892, he entered the Venice Fine Arts Academy.
Two years later, he decided to go back to Constantinople and became the official painter of Sultan Abdul Hamid II.
In 1897, he settled definitely in Paris, in a studio in the Villa des Arts.
After 1910, he started painting portraits of renowned people and, from 1913-1942, he exhibited regularly at the Salon des Beaux-Arts and, from 1938-1945, at the Salon des Indépendants.







In 1923, he discovered the seashore of Vendée. Seduced and inspired by the seascape he would produce about 200 paintings, mainly children on the beach.


In 1992, he was named Honour citizen of the city of Saint-Gilles-Croix de Vie, in Vendée, with a street bearing his name.
In 1995, his grand-daughter donated 42 paintings to the same town.


















Charles Garabed Atamian (1872-1947) nacque a Costantinopoli. Quando aveva 13 anni, fu mandato a Venezia per studiare in un liceo armeno gestito dai sacerdoti mechitaristi del monastero di San Lazzaro.
Mostrò grande interesse per la pittura, così gli amministratori scolastici lo fecero arruolare nello studio gestito dai maestri Paoletti⏩ e Tagliapietra, con cui studiò fino al 1894. 
Di nuovo a Costantinopoli, Atamian fu assunto come designer in uno studio di ceramica appartenente al corte del sultano Abd-ul-Hamid, che lasciò due anni dopo a causa della persecuzione del suo popolo (gli armeni) ordinata dal sultano. Con grande difficoltà, riuscì finalmente a fuggire a Parigi nel 1897 - dove stabilì la sua residenza permanente.
All'inizio, ha guadagnato la maggior parte della sua vita dalle sue illustrazioni. Ha anche creato scenografie per il teatro.
Più tardi nella sua carriera, si è dedicato esclusivamente alla pittura. La prima volta che Atamian entrò in una mostra fu nel 1903 al Salon d'autunno.
Partecipò poi ai successivi 40 anni nei Saloni della Società Nazionale di Belle Arti di cui era membro; nei successivi 12 anni, in quelli tenuti dalla Society of Independent Artists; nel salone di Meudon nel 1945; nelle mostre dell'Associazione degli artisti armeni ("ANI"), ecc.
Organizzò anche spettacoli privati: ad Allard's nel 1921; Georges Petit's nel 1923 e nel 1927; Simonson's nel 1928; Schusterman's nel 1934; Rosenthal's nel 1936; ecc..
Ha inoltre esposto frequentemente in spettacoli nel resto della Francia e all'estero a Bruxelles, Buenos Aires, Giappone, Canada, Venezuela, ecc.
Il Museo del Lussemburgo, il Petit Palais e il Museo dell'Esercito a Parigi, così come i musei di Calais, Troyes, la Svizzera e il Belgio possiedono le sue opere, tra gli altri. | Fonte: Peintres et Sculpteurs Armenien di Onnig Avedissian, pubblicato in Egitto nel 1959






Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Fai una donazione con con Paypal

Archivio

Follow by Email