Pubblicato il 30/05/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Fan Ho / 何藩 | Street photographer




Fan Ho (Shanghai, 1931-2016) photographic⏭ career started at the early age of 14 when given his first Kodak Brownie from his father.
Within the first year he won his first award⏭ in 1949 in Shanghai.
At the age of 18, he acquired his twin lens Rolleiflex with which he captured all his famous work after he moved to Hong Kong with his parents and continued to purse his love for photography.



Dubbed the “Cartier-Bresson of the East”, Fan Ho patiently waited for ‘the decisive moment’; very often a collision of the unexpected, framed against a very clever composed background of geometrical construction, patterns and texture.
He often created drama and atmosphere with backlit effects or through the combination of smoke and light. His favorite locations were the streets, alleys and markets around dusk or life on the sea.
What made his work so intensely human is his love for the common Hong Kong people: Coolies, vendors, hawkers selling fruits and vegetables, kids playing in the street or doing their homework, people crossing the street…
He never intended to create a historic record of the city’s buildings and monuments; rather he aimed to capture the soul of Hong Kong, the hardship and resilience of its citizens.



Fan Ho was most prolific in his teens and 20s and created his biggest body of work before he reached the tender age of 28. His work did not go by unnoticed at his time.
He won close to 300 local and international awards⏭ and titles in his day through competing in the salons.


His talent was also spotted by the film industry where he started out as an actor before moving to film directing until retiring at 65.
Fan Ho is a Fellow of the Photographic Society and the Royal Society of Arts in England, and an Honorary Member of the Photographic societies of Singapore, Argentina, Brazil, Germany, France, Italy and Belgium.
He most recently won a "Life-time Achievement Award⏭ the 2nd Global Chinese International Photography Award⏭ China, 2015" by the Chinese Photographic Society (Guangzhou).



During his long career he has taught photography and film making at a dozen universities worldwide.
His work is in many private and public collection of which most notable are: M+ Museum, Hong Kong, Heritage Museum, Hong Kong, Bibliothèque National de France, Paris, France, San Francisco Museum of Modern Art, USA, Santa Barbara Museum of Art, USA and many more. | Source: © fanhophotography.com




Photographic Honors
  • Fellow of the Royal Photographic Society of Great Britain;
  • Fellow of the Photographic Society of America;
  • Fellow of the Pictorial Salon Exhibitor's Association of Hong Kong;
  • 5-Star Exhibitor, Photographic Society of America;
  • Honorary Fellow, Southeast Asia Photographic Society;
  • Honorary Fellow, The Photographic Society of Hong Kong;
  • Honorary Fellow, The Chinese Photographic Association of Hong Kong;
  • Honorary Fellow, The 35mm Photographic Society of Hong Kong;
  • Honorary Fellow, Y.M.C.A. Photo Club, Hong Kong;
  • Honorary Member, Munich Photographic Society, Germany;
  • Honorary Member, Kortrijk Photographic Society, Belgium;
  • Honorary Member, Gaucho Photographic Society, Brazil;
  • Honorary Member, Rosario Photographic Society, Argentina;
  • Associate Member, Wilmington Salon, U.S.A.;
  • Associate Member, Pittsburgh Salon, U.S.A.
























Fan Ho (Shanghai, 8 ottobre 1931 -San Jose, 19 giugno 2016) è stato un fotografo, regista ed attore Cinese⏩.
Con le sue fotografie, dal 1956, ha vinto circa 280 premi⏭ in mostre e competizioni internazionali.
Le sue opere fanno parte di diverse collezioni pubbliche e private tra cui il M+ Museum di Hong Kong, la Bibliothèque nationale de France di Parigi e il San Francisco Museum of Modern Art.
Viene considerato un maestro della cosiddetta street photography.
La sua foto intitolata "Approaching Shadow⏩", forse la più famosa, è stata venduta dalla casa d'asta Bonhams ad Hong Kong nel 2015 per 48.000 USD.


Allo scoppio della guerra nel 1941, i genitori di Ho furono bloccati a Macao per alcuni anni e Fan Ho fu lasciato alle cure di un domestico a Canton. Con la sua famiglia emigrò a Hong Kong nel 1949.
Colonia britannica, Hong Kong nel giro di pochi anni vide quadruplicare la sua popolazione in fuga dalle guerre, dapprima a causa della guerra mondiale e dell'invasione della Cina da parte dei giapponesi ed in seguito dalla guerra civile tra i comunisti di Mao Zedong e il Kuomintang.
Appena arrivato in città, il padre, un commerciante benestante, aprì una tipografia.
Ha iniziato a fotografare molto giovane con una vecchia Kodak Brownie del padre, in seguito con una biottica Rolleiflex che a 14 anni suo padre gli regalò. Le sue immagini mostrano un fascino per la vita urbana, i vicoli, i bassifondi, i mercati, le strade.
Gran parte del suo lavoro consistette nel fotografare venditori ambulanti, ragazze e bambini.
Per sviluppare i suoi rullini fotografici aveva usato la vasca da bagno di famiglia, ben presto accumulò un significativo numero di fotografie bianconero, con cui aveva raccontato Hong Kong negli anni '50 e '60, anni in cui la città si stava trasformando e si apprestata a divenire un grande centro metropolitano.
Quella Rolleiflex K4A, Ho la usò per tutta la sua carriera.



Ho è stato membro della Photographic Society of America, della Royal Photographic Society e della Royal Society of Arts in Inghilterra e membro onorario delle società fotografiche di Singapore, Argentina, Brasile, Germania, Francia, Italia e Belgio. È stato nominato uno dei "dieci migliori fotografi del mondo" dalla Photographic Society of America tra il 1958-1965.

Dal 1961 al 1994, Ho è stato anche un affermato regista e attore, girando una vasto numero di film. In principio ha lavorato con Shaw Brothers fino al 1969, principalmente come attore, per poi diventare regista lavorando con varie compagnie cinematografiche tra Hong Kong e Taiwan.
Tre dei suoi film hanno fatto parte della "Selezione Ufficiale" dei festival Internazionali, come Cannes, Berlino e San Francisco; e cinque dei suoi film sono stati selezionati nella "Collezione permanente" del Taiwan Film Institute e del National Film Archive di Hong Kong.
È stato attivo anche nel settore del cinema erotico con film come come Dalla Cina con amore... in Danimarca con furore (Adventure in Denmark, 1973), Girl with the Long Hair (1975) e Temptation Summary (1990) di grande successo in Oriente.

La moglie e i figli di Ho emigrarono a San Jose, in California, nel 1979 per permettere loro di seguire un'istruzione universitaria, cui seguì anche lui nel 1996, dopo essersi ritirato dal cinema.
La figlia, Claudia, afferma che quando si ritirò dal cinema e venne in America si sentì sempre più scontento e scoraggiato per quello che considerava un fallimento nel perseguire l'arte e anche la sua salute cominciò a declinare. I familiari gli consigliarono di riprendere la sua attività fotografica, perciò riprese in mano i suoi vecchi negativi e iniziò a mostrare le sue fotografie in varie gallerie.

Un incontro casuale con Mark Pinsukanjana della Galleria Modernbook di Palo Alto gli offrirà la possibilità di esporre nel 2000 la sua prima mostra personale dagli anni '60.


La Modernbook ha continuato a proporre le sue foto e nel 2006 sono state esposte a New York, nello stesso anno è uscito il catalogo Honk Kong Yesterday che in copertina riportava la famosa immagine Approaching Shadow⏩ (scattata nel 1954). Molte delle foto che ha ristampato in questo periodo sono state pubblicate per la prima volta nella sua monografia A Hong Kong Memoir nel 2014, dopo averle esposte ancora alla Galleria Modernbook nel 2011 e nel 2014.

Fan Ho è morto a San Jose il 19 giugno 2016 a causa di una polmonite.
32 fotografie scattate nel 1950 a Hong Kong ed oggetti personali, tra cui la sua Rolleiflex e il primo libro pubblicato, Thoughts on Street Photography, sono state esposte nella galleria Sotheby's di Hong Kong nel giugno 2017.
Una nuova monografia, Portrait of Hong Kong, è stata pubblicata nello stesso mese in concomitanza con la mostra. Portrait of Hong Kong contiene 153 nuove fotografie di strada che sono state selezionate tra 500 negativi scelti da Ho prima di morire nel 2016. Dopo la sua morte, i familiari hanno impiegato un anno per completare il progetto. | © Wikipedia




1 commento:

Info sulla Privacy

Fai una donazione con con Paypal

Follow by Email

Archivio