Textual description of firstImageUrl

John Constable RA | Romantic painter


Art Styles and Categories: , , , ,
Author ✍️ at 3/23/2019 09:51:00 PM
John Constable (1776-1837) is famous for his landscapes, which are mostly of the Suffolk countryside, where he was born and lived.
He made many open-air sketches, using these as a basis for his large exhibition paintings, which were worked up in the studio.
His pictures are extremely popular today, but they were not particularly well received in England during his lifetime.
He did, however, have considerable success in Paris.
Constable was born in East Bergholt, Suffolk.
He was largely self-taught, and developed slowly.
In 1799 he was a probationer, and in 1800 a student at the Royal Academy schools.




He exhibited from 1802 at the Royal Academy in London, and later at the Paris Salon.


He influenced the Barbizon School🎨 and the French Romantic movement.
Like Thomas Gainsborough, Constable was influenced by Dutch artists such as Jacob van Ruisdael.
The works of Peter Paul Rubens and Claude also proved to be useful colouristic and compositional models.


However, the realism and vitality of Constable's work make it highly original. | © The National Gallery, London







































Constable, John - Paesista, nato a East Bergholt l'11 giugno 1776, morto a Londra il 31 marzo 1837.
Il paesaggio della terra natia fece una grande impressione sul ragazzo e gl'ispirò i primi tentativi nel disegno e nella pittura. Il suo primo modello fu il Gainsborough. Nonostante il suo entusiasmo, codesti saggi non furono promettenti e solamente nel 1799 poté lasciare le sue occupazioni nel podere paterno per divenire studente dell'Accademia reale. Si esercitò a lungo sui vecchi maestri e se ne vide il frutto in un quadro dipinto per la chiesa di Nayland nel 1809, quando la sua esperienza tecnica si era già formata copiando le opere del Reynolds.
Ma l'influenza decisiva sul suo stile l'ebbero gli acquerelli del Girtin. Tentò il ritratto, ma soprattutto continuò a esercitarsi nel paesaggio dal vero, e in breve vi acquistò tale padronanza, che nel 1814 decise di non fare altro.
Dipinse paesaggi pieni di movimento, nuvole in moto, alberi incurvati dal vento, bagliori momentanei della luce solare, rinforzando le pennellate con tratti di colore applicato col coltello per ottenere la freschezza, lo splendore e la vivacità delle nature.
La Costruzione d'un battello, del 1815 (Londra, Victoria and Albert Museum), col Mulino di Flatford (Londra, National Gallery) e laCasa in un campo di grano, del 1817 (Londra, Victoria and Albert Museum), sono ottimi saggi di questo periodo della sua arte.
Il gran quadro Carro di fieno (Londra, National Gallery), esposto nel 1821, mostra quanto rapidamente progredisse nello studio dell'aria, della luce e del movimento, ciò chie si rende più manifesto se si esamina l'ampio studio fatto per quel quadro (Londra, Victoria and Albert Museum).


I suoi studi della natura sono stati sempre più brillanti nel tono e nel colore e trattati con maggiore franchezza che i quadri rifiniti contemporanei.
Così questo studio per il Carro di fieno mostra assai meglio tale franchezza e ha servito ad ispirare più d'uno dei noti pittori moderni.
Comperato nel 1824 da un certo Arrowsmith di Parigi, il Carro di fieno fu esposto nel Salon di quell'anno, destando una forte impressione nel mondo artistico francese, meritando all'autore la medaglia d'oro.
Specialmente il Delacroix ne fu talmente colpito, che nei tre giorni precedenti l'apertura dell'esposizione ridipinse il suo Massacro di Scio.
La stessa onorificenza ottenne a Lilla nel 1825 per un altro quadro, mentre esponeva all'Accademia reale il Cavallo al salto, uno dei suoi lavori più belli, che ora si trova nella Diploma Gallery a Burlington House. A questa pittura fece seguire nel 1826 il Campo di grano (Londra, National Gallery).
Fino al 1825 l'arte del Constable andò acquistando sempre maggior vigore, ma da quell'anno i suoi successi furono intermittenti.



La morte della moglie, avvenuta nel 1828, fu per lui un colpo da cui non si riebbe mai più: soffriva spesso per la salute e le condizioni fisiche si ripercuotevano sul suo lavoro.
In quegli anni produsse parecchi quadri poderosi e originali, come: Il Castello di Stadleigh (1831),  La cattedrale di Salisbury vista dai prati (1831), L'apertura del ponte di Waterloo (1832), i due ultimi ora in America, Il podere nella valle del 1835 (Londra, National Gallery) ed Cenotafio del 1836 (ibid.); ma il suo senso del disegno e in generale la sua attività artistica divenivano sempre più agitati e ineguali.
Anche l'influenza tradizionale da lui esercitata sull'arte francese fu forse esagerata. Certamente nel 1825 mostrò agli artisti francesi come il paesaggio dev'essere disinvolto, vivace, luminoso, ma ciò non produsse un rivolgimento immediato; la sua influenza fu indiretta, e quando più tardi gli impressionisti si misero a studiare l'arte inglese, rivolsero lo sguardo piuttosto verso il Turner che verso il Constable.
Questi fece anche un tentativo di volgarizzazione della sua opera mediante l'incisione, e tra il 1829-1833 pubblicò a sue spese una serie di mezzetinte incise da David Lucas sui suoi disegni. Queste piccole tavole magnifiche ebbero allora un insuccesso completo, e servirono per parecchi anni come repertorio di disegno per i numerosi falsificatori delle opere del Constable.



Il suo genio si manifesta principalmente ed essenzialmente nei suoi schizzi ad olio. La raccolta principali di tali schizzi si conserva al Victoria and Albert Museum.
I suoi quadri più grandi avevano per fondamento il contrasto tra la luce e l'ombra, e rivelano la formula del Rubens e del Gainsborough, modificata dall'esperienza acquistata da Constable copiando il Reynolds.
Al loro fondo uniformemente bruno egli aggiunse cautamente il colore fresco e la maniera libera che aveva imparati dipingendo direttamente dalla natura.
Ogni passo innanzi nella scioltezza dell'esecuzione, che si scorge negli schizzi, compare nei quadri dopo un certo tempo, spesso molti e molti anni più tardi.
Per esempio lo stile che già presentano gli schizzi del 1811 non si mostra nei quadri se non nel 1825.
In realtà le pitture importanti del Constable sono altrettanti compromessi tra l'arte e la natura, eseguiti con magnifica tecnica e grande finezza.
Ma se si vuole avere una piena comprensione del suo genio, bisogna rivolgersi ai suoi schizzi. | Charles J. Holmes © Treccani, Enciclopedia Italiana









Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy