Textual description of firstImageUrl

Francois Bard / Martin Luther King






I Have a Dream
delivered 28 August 1963, at the Lincoln Memorial, Washington D.C.


.. And when we allow freedom ring, when we let it ring from every village and every hamlet, from every state and every city, we will be able to speed up that day when all of God's children, black men and white men, Jews and Gentiles, Protestants and Catholics, will be able to join hands and sing in the words of the old Negro spiritual:
Free at last! Free at last!
Thank God Almighty, we are free at last!"


... E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, cattolici e protestanti, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual:
Liberi finalmente, liberi finalmente!
Grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente!"




" ...Let us not wallow in the valley of despair, I say to you today, my friends.
And so even though we face the difficulties of today and tomorrow, I still have a dream. It is a dream deeply rooted in the American dream.
I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: "We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal".
I have a dream that one day on the red hills of Georgia, the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at the table of brotherhood".


"I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.
I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.
I have a dream today!
I have a dream that one day, down in Alabama, with its vicious racists, with its governor having his lips dripping with the words of "interposition" and "nullification" -- one day right there in Alabama little black boys and black girls will be able to join hands with little white boys and white girls as sisters and brothers.
I have a dream today!
I have a dream that one day every valley shall be exalted, and every hill and mountain shall be made low, the rough places will be made plain, and the crooked places will be made straight; "and the glory of the Lord shall be revealed and all flesh shall see it together".
This is our hope, and this is the faith that I go back to the South with.
With this faith, we will be able to hew out of the mountain of despair a stone of hope. With this faith, we will be able to transform the jangling discords of our nation into a beautiful symphony of brotherhood. With this faith, we will be able to work together, to pray together, to struggle together, to go to jail together, to stand up for freedom together, knowing that we will be free one day.
And this will be the day -- this will be the day when all of God's children will be able to sing with new meaning:
My country 'tis of thee, sweet land of liberty, of thee I sing. Land where my fathers died, land of the Pilgrim's pride, From every mountainside, let freedom ring!
And if America is to be a great nation, this must become true".



"... E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho un sogno.
E' un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.
Io ho un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.
Io ho un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell'arroganza dell'ingiustizia, colmo dell'arroganza dell'oppressione, si trasformerà in un'oasi di libertà e giustizia.
Io ho un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. Ho un sogno, oggi!.
Io ho un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno. E' questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.
Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.
Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi.
Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi:
Paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà!
E se l'America vuole essere una grande nazione possa questo accadere!"













Born in 1959 in Lille, France, François Bard🎨 studied at the  École nationale supérieure des Beaux-Arts in Paris and graduated in 1980. At the time, painting was being rediscovered in France and Europe, with artistic movements such as the French Figuration Libre and the Italian Transavantgarde, and artists such as Georg Baselitz and Jörg Immendorff.
François Bard continued his research as a resident of the Casa Velázquez, Madrid, from 1988-1990.
Since then, he has pursued an international career with numerous solo and group exhibitions and participated in contemporary art fairs in Paris, London, Bordeaux, New York, Houston, and Miami. He has been represented by the Galerie Olivier Waltman since 2011.
He lives and works in Paris and in the South of France.


Nato nel 1959 a Lille, in Francia, François Bard🎨 ha studiato all'École nationale supérieure des Beaux-Arts di Parigi e si è laureato nel 1980.
All'epoca, la pittura veniva riscoperta in Francia ed in Europa, con movimenti artistici come la Figuration Libre francese e la Transavanguardia italiana, ed artisti come Georg Baselitz e Jörg Immendorff.
François Bard ha continuato le sue ricerche come residente presso la Casa Velázquez, a Madrid, dal 1988-1990.
Da allora ha intrapreso una carriera internazionale con numerose mostre personali e collettive ed ha partecipato a fiere d'arte contemporanea a Parigi, Londra, Bordeaux, New York, Houston e Miami.
È rappresentato dalla Galerie Olivier Waltman dal 2011.
Vive e lavora a Parigi e nel sud della Francia.


Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy