Textual description of firstImageUrl

Francisque Duret (1804-1865) | Academic sculptor






Francisque Joseph Duret was a French sculptor🎨, son and pupil of François-Joseph Duret (1732-1816).
Before becoming a sculptor, Francisque Duret had shown interest in pursuing a career in theater.
He studied for a brief time at the Conservatoire and his friend Charles Blanc (1813-1882), in an article which he dedicated in 1866, attested to the quality of observing human behavior which Duret had acquired outside his studies of drama: "His continual studies of the pantomime led him to pin down the language of gesture and the meaning of each disposition".


Finally, it was the work of the sculptor which he decided to pursue.

After his tutelage under his father, who passed when Duret was but twelve years old, he also studied under Bosio, and won the Prix de Rome🎨 in 1823, which he shared with Augustin Dumont for the bas-relief Evandre sur le corps de son fils Pallas.

He remained in Italy until 1928. Upon his return to Paris, he received numerous official commissions which assured him of his prestige alongside his work as professor at l'Ecole des Beaux-Arts, where he had among his students Jean-Baptiste Carpeaux, Jules Dalou as well as Louis-Léon Cugnot.

In 1833 he exhibited his "Neapolitan Fisher Dancing the Tarantella", now in the Louvre, a spirited statue in bronze, which established his reputation.
In the same class is his Neapolitan Improvisatore (1839, Leipzig Museum).
His works executed for public buildings include: France Protecting her Children (1855), a group in the grand style for the Louvre🎨e; two bronze caryatids for the tomb of Napoleon in the Invalides; a colossal Christ in the church of the Madeleine; the statues of Comedy and Tragedy for the Théâtre Français; marble statues of Dunois, Philippe of France, Chateaubriand, and Richelieu at Versailles; and the group for the Fontaine Saint-Michel, representing that saint wrestling with Satan.


One of his works, "Grape-picker Extemporizing", made in 1839, shows a man playing a mandolin.
The sculpture shows the instrument in the period when its popularity had declined outside of Italy.
The instrument had left the concert halls, becoming a folk instrument.

He received the medal of honor in 1855, was an Officer in the Legion of Honor, and was made a member of the Institut de France in 1845.| © Wikipedia











Francisque Joseph Duret è stato uno scultore Francese🎨, figlio ed allievo di François-Joseph Duret (1732-1816).
Prima di diventare uno scultore, Francisque Duret aveva mostrato interesse nel perseguire una carriera nel teatro.
Studiò per un breve periodo al Conservatorio ed il suo amico Charles Blanc (1813-1882), in un articolo da lui dedicato nel 1866, attestò la qualità dell'osservazione del comportamento umano che Duret aveva acquisito al di fuori dei suoi studi di teatro: "Il suo continuo gli studi sulla pantomima lo hanno portato a definire il linguaggio del gesto e il significato di ogni disposizione".
Infine, è stato il lavoro dello scultore che ha deciso di perseguire.

Dopo la sua tutela sotto il padre, che morì quando Duret aveva solo dodici anni, studiò anche con Bosio e vinse il Prix ​​de Rome🎨 nel 1823, che condivise con Augustin Dumont per il bassorilievo Evandre sur le corps de son fils Pallas.
Rimase in Italia fino al 1928.

Al suo ritorno a Parigi, ricevette numerose commissioni ufficiali che gli assicurarono il suo prestigio accanto al suo lavoro di professore presso l' Ecole des Beaux-Arts, dove ebbe tra i suoi studenti Jean-Baptiste Carpeaux, Jules Dalou così come Louis-Léon Cugnot.


Nel 1833 espose il suo "Pescatore Napoletano Ballando la Tarantella", ora al Louvre, una vivace statua in bronzo, che stabilì la sua fama.
Nella stessa classe è il suo "Improvvisatore napoletano" (1839, Museo di Lipsia).
Le sue opere eseguite per edifici pubblici includono: France Protecting her Children (1855), un gruppo in grande stile per il Louvre; due cariatidi in bronzo per la tomba di Napoleone agli Invalides; un colossale Cristo nella chiesa della Madeleine; le statue della Commedia e della Tragedia per il Théâtre Français; statue di marmo di Dunois ,Filippo di Francia, Chateaubriand e Richelieu a Versailles; ed il gruppo per la Fontaine Saint-Michel, che rappresenta il Santo alle prese con Satana.
Una delle sue opere, Estemporanea di vendemmiatore, realizzata nel 1839, mostra un uomo che suona un mandolino.
La scultura mostra lo strumento nel periodo in cui la sua popolarità era diminuita fuori dall'Italia.
Lo strumento aveva lasciato le sale da concerto, diventando uno strumento popolare.

Ha ricevuto la medaglia d'onore nel 1855, è stato ufficiale della Legion d'Onore e nel 1845 è stato nominato membro dell'Institut de France.







Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy