14/02/15 Aggiornato il:

Vittorio Gussoni ~ Figurative/Portrait painter




Vittorio Gussoni (1893-1968) nacque a Milano il 18 dicembre del 1893. Discendente da una famiglia d'artisti, apprese le prime basi del disegno dal padre. Successivamente si iscrisse all'Accademia di Brera dove fu allievo di Cesare Tallone prima della guerra e di Ambrogio Alciati dopo.
Nel 1922 espose per la prima volta alla Biennale di Brera e fu subito nominato socio onorario dell'Accademia.









Svolse la sua attività tra Milano e Sanremo esponendo con mostre personali in tutta Italia.
Ha eseguito molti ritratti su ordinazione sia in Italia che all'estero, specie negli Stati Uniti d'America e in Sudafrica.
Coltivò diverse amicizie sia nel mondo dell'arte che della cultura (Giuseppe di Stefano, Giovanni Barrella, Carlo Dapporto, Carlo Carrà, Aligi Sassu, Orio Vergani).
Alla fine degli anni '50 si ritirò a Sanremo dove si spense il 31 /12/1968 e fu seppellito nella tomba di famiglia.





La sua pittura continua le tradizioni più nobili, artista completo, non rifugge dal trattare con facilità paesaggi, animali, nature morte, ma è da ritenere più specialmente pittore di figura.
Le figure femminili , sempre sinuose, suadenti, talvolta provocanti, hanno richiami spagnoleggianti; fra di esse una, la sua modella preferita lo accompagno negli anni.
Fu profondo conoscitore della tecnica nella sua gamma più vasta e sottile esaltandone con gioia i valori cromatici.
Molti ritratti ed altri quadri sono in collezioni e gallerie private, un suo autoritratto è esposto alla Galleria degli Uffizi a Firenze.
Nonostante la numericamente scarsa produzione e quindi con poche opere sul mercato, le più famose Case d'asta mondiali trattano i suoi quadri con quotazioni sempre al rialzo.