Textual description of firstImageUrl

Boris Kustodiev (1878-1927)


Boris Mikhaylovich Kustodiev / Бори́с Миха́йлович Кусто́диев (7 March 1878 - 28 May 1927) was a Russian painter🎨 and stage designer.
  • Early life
Boris Kustodiev was born in Astrakhan into the family of a professor of philosophy, history of literature, and logic at the local theological seminary. His father died young, and all financial and material burdens fell on his mother's shoulders. The Kustodiev family rented a small wing in a rich merchant's house. It was there that the boy's first impressions were formed of the way of life of the provincial merchant class.
The artist later wrote, "The whole tenor of the rich and plentiful merchant way of life was there right under my nose... It was like something out of an Ostrovsky play". The artist retained these childhood observations for years, recreating them later in oils and water-colours.



Art studies
Between 1893-1896, Kustodiev studied in theological seminary and took private art lessons in Astrakhan from Pavel Vlasov, a pupil of Vasily Perov.


Subsequently, from 1896-1903, he attended Ilya Repin’s🎨 studio at the Imperial Academy of Arts in St. Petersburg. Concurrently, he took classes in sculpture under Dmitry Stelletsky and in etching under Vasiliy Mate.
He first exhibited in 1896.


"I have great hopes for Kustodiev", wrote Repin🎨. "He is a talented artist and a thoughtful and serious man with a deep love of art; he is making a careful study of nature..."
When Repin was commissioned to paint a large-scale canvas to commemorate the 100th anniversary of the State Council, he invited Kustodiev to be his assistant. The painting was extremely complex and involved a great deal of hard work. Together with his teacher, the young artist made portrait studies for the painting, and then executed the right-hand side of the final work.


Борис Михайлович Кустодиев 1878-1927

Boris Kustodiev 1878-1927 | Russian painter Boris Kustodiev 1878-1927 | Russian painter

Борис Михайлович Кустодиев 1878-1927

Also at this time, Kustodiev made a series of portraits of contemporaries whom he felt to be his spiritual comrades. These included the artist Ivan Bilibin (1901, Russian Museum), Moldovtsev (1901, Krasnodar Regional Art Museum), and the engraver Mate (1902, Russian Museum). Working on these portraits considerably helped the artist, forcing him to make a close study of his model and to penetrate the complex world of the human soul.
In 1903, he married Julia Proshinskaya (1880–1942).
He visited France and Spain on a grant from the Imperial Academy of Arts in 1904. Also in 1904, he attended the private studio of René Ménard in Paris.
After that he traveled to Spain, then, in 1907, to Italy, and in 1909 he visited Austria and Germany, and again France and Italy.
During these years he painted many portraits and genre pieces. However, no matter where Kustodiev happened to be – in sunny Seville or in the park at Versailles – he felt the irresistible pull of his motherland.
After five months in France he returned to Russia, writing with evident joy to his friend Mate that he was back once more "in our blessed Russian land".



  • Career
The Russian Revolution of 1905, which shook the foundations of society, evoked a vivid response in the artist's soul. He contributed to the satirical journals Zhupel (Bugbear) and Adskaya Pochta (Hell’s Mail). At that time, he first met the artists of Mir Iskusstva (World of Art), the group of innovative Russian artists. He joined their association in 1910 and subsequently took part in all their exhibitions.
In 1905, Kustodiev first turned to book illustrating, a genre in which he worked throughout his entire life. He illustrated many works of classical Russian literature, including Nikolai Gogol's Dead Souls, The Carriage, and The Overcoat; Mikhail Lermontov's The Lay of Tsar Ivan Vasilyevich, His Young Oprichnik and the Stouthearted Merchant Kalashnikov; and Leo Tolstoy's How the Devil Stole the Peasants Hunk of Bread and The Candle.
In 1909, he was elected into Imperial Academy of Arts.
He continued to work intensively, but a grave illness - tuberculosis of the spine - required urgent attention.
On the advice of his doctors he went to Switzerland, where he spent a year undergoing treatment in a private clinic. He pined for his distant homeland, and Russian themes continued to provide the basic material for the works he painted during that year.
In 1918, he painted The Merchant's Wife🎨, which became the most famous of his paintings.
In 1916, he became paraplegic. "Now my whole world is my room", he wrote.
His ability to remain joyful and lively despite his paralysis amazed others. His colourful paintings and joyful genre pieces do not reveal his physical suffering, and on the contrary give the impression of a carefree and cheerful life.




His Pancake Tuesday/Maslenitsa (1916) and Fontanka (1916) are all painted from his memories. He meticulously restores his own childhood in the busy city on the Volga banks.
In the first years after the Russian Revolution of 1917 the artist worked with great inspiration in various fields.
Contemporary themes became the basis for his work, being embodied in drawings for calendars and book covers, and in illustrations and sketches of street decorations, as well as some portraits (Portrait of Countess Grabowska).
His covers for the journals The Red Cornfield and Red Panorama attracted attention because of their vividness and the sharpness of their subject matter. Kustodiev also worked in lithography, illustrating works by Nekrasov.
His illustrations for Leskov's stories The Darner and Lady Macbeth of the Mtsensk District were landmarks in the history of Russian book designing, so well did they correspond to the literary images. | © Wikipedia













Борис Михайлович Кустодиев 1878-1927



Boris Michajlovič Kustodiev / Борис Михайлович Кустодиев (Astrachan', 7 marzo 1878 - Leningrado, 28 maggio 1927) è stato un pittore e scenografo Russo🎨.
Gioventù
Boris Kustodiev nacque ad Astrachan', nella famiglia di un professore di filosofia, storia della letteratura e logica presso il locale seminario teologico. Suo padre morì giovane, ed il peso del mantenimento della famiglia ricadde sulle spalle della madre.
La famiglia Kustodiev affittò una piccola ala della casa di un ricco mercante. È qui che il ragazzo formò le sue prime impressioni sulla vita della classe mercantile nella provincia russa.
L'artista scrisse successivamente: "Il modo di vivere dei ricchi e facoltosi mercanti era proprio lì, sotto il mio naso... Era come se venisse da un'opera di Ostrovskij".
L'artista conservò queste impressioni giovanili per anni, ricreandole successivamente negli oli e negli acquerelli.
Studi artistici
Tra il 1893-1896, Kustodiev studiò presso il seminario teologico ad Astrachan' e prese lezioni private di arte da Pavel Vlasov, allievo di Vasilij Perov. Successivamente, dal 1896-1903, frequentò lo studio di Il'ja Repin🎨 all'Accademia Imperiale delle Arti di San Pietroburgo. Nello stesso periodo, frequentò lezioni di scultura, da Dmitrij Stelletskij, e di incisione, da Vasilij Mate. Espose le sue opere per la prima volta nel 1896.
Repin scrisse: "Ho grandi speranze per Kustodiev. È un artista di talento ed un uomo serio e riflessivo, con un profondo amore per l'arte; sta eseguendo un attento studio della natura...".
Quando a Repin fu commissionata la realizzazione di una grande tela per commemorare il centesimo anniversario del Consiglio di Stato, invitò Kustodiev come suo assistente.
La realizzazione fu estremamente complessa e richiese molto duro lavoro. Insieme al suo insegnante, il giovane artista realizzò gli studi dei ritratti per il dipinto, ed eseguì poi la parte di destra del lavoro finale. Sempre in questo periodo, Kustodiev realizzò una serie di ritratti di personaggi contemporanei che sentiva essere i propri compagni spirituali.
Tra di essi l'artista Ivan Bilibin (1901) e l'incisore Mate (1902). Il lavoro su questi ritratti aiutò considerevolmente l'artista, obbligandolo ad uno studio scrupoloso del proprio modello e a penetrare il mondo complesso dell'animo umano.
Nel 1903 sposò Julia Proshinskaja (1880-1942). Visitò la Francia e la Spagna, grazie ad un sussidio dell'Accademia Imperiale delle Arti, nel 1904. Sempre nel 1904, frequentò lo studio privato di René Menard a Parigi. In seguito viaggiò ancora in Spagna e quindi, nel 1907, in Italia.
Nel 1909 visitò l'Austria e la Germania, e poi nuovamente la Francia e l'Italia. Nel corso di questi anni dipinse molti ritratti ed opere di genere. Comunque, indipendentemente da dove si trovasse, nell'assolata Siviglia o nei parchi di Versailles, Kustodiev sentiva l'irresistibile attrattiva della madre patria.
Dopo cinque mesi in Francia tornò in Russia, scrivendo con evidente gioia al suo amico Mate che tornava ancora una volta "nella nostra benedetta terra russa".



Carriera artistica
La rivoluzione russa del 1905, che scosse le basi della società, stimolò una pronta risposta nell'animo dell'artista. Egli collaborò con le riviste satiriche Župel (Lo spauracchio) e Adskaja Počta (La posta dell'inferno).
All'epoca, incontrò per la prima volta gli artisti del gruppo Mir iskusstva (Il mondo dell'arte), composto da artisti russi innovatori. Si unì alla loro associazione nel 1910 ed in seguito partecipò a tutte le loro esposizioni.
Nel 1905, Kustodiev cominciò a lavorare anche all'illustrazione di libri, un settore a cui lavorò per tutta la vita.
Illustrò molte opere della letteratura classica russa, tra cui Le anime morte, Il calesse ed Il cappotto di Gogol'; Il canto dello Zar Ivan Vasiljevič', del giovane Opričnik e del valoroso mercante Kalašnikov di Lermontov; Come il Diavolo rubò ai contadini un tozzo di pane e La candela di Lev Tolstoj.



Nel 1909 venne eletto all'Accademia Russa di Belle Arti. Continuò a lavorare intensamente, ma una grave malattia, la tubercolosi della spina dorsale, lo costrinse a curarsi. Su suggerimento dei suoi medici si spostò in Svizzera, dove passò un anno sottoponendosi a cure in una clinica privata.
Sentiva però la mancanza della patria lontana, e temi russi continuarono ad essere alla base delle opere dipinte in quegli anni. Nel 1918 dipinse La moglie del mercante, che divenne il più famoso dei suoi quadri.
Nel 1916 divenne paraplegico. Scrisse: "Ora tutto il mio mondo è la mia stanza".
La sua capacità di rimanere contento e vitale, nonostante la paralisi, stupiva tutti. I suoi dipinti colorati e di genere gioioso non rivelano le sue sofferenze fisiche, e forniscono al contrario l'impressione di una vita allegra e spensierata. I suoi Il martedì delle frittelle e Fontanka (1916) prendono spunto dai suoi ricordi. Ricostruiva con precisione la propria giovinezza, in una attiva città sulla riva del Volga.


Nei primi anni successivi alla Rivoluzione del 1917, l'artista lavorò con grande ispirazione in diversi campi. Temi contemporanei divennero la base dei suoi lavori, che erano usati per calendari e copertine di libri, e negli schizzi ed illustrazioni per le decorazioni stradali.
Le sue copertine delle riviste "Il campo di grano rosso" e "Panorama rosso" attirarono l'attenzione grazie ai soggetti vividi e chiari. Kustodiev lavorò anche nella litografia, illustrando i lavori di Nekrasov.
Le sue illustrazioni per le storie di Leskov La rammendatrice e Lady Macbeth di Mtsensk, furono pietre miliari nella storia dell'illustrazione di libri in Russia, tanto bene corrispondevano alle immagini letterarie. | © Wikipedia




Boris Kustodiev | Portrait of Feodor Ivanovich Chaliapin (February 13, 1873 - April 12, 1938)- Russian opera singer