Pubblicato il 22/05/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Francesco Guardi | Venice / Rococo style painter




Francesco Guardi, (born 1712, Venice, Italy - died 1793, Venice), one of the outstanding Venetian landscape painters of the Rococo period.
Francesco and his brother Nicolò (1715-86) were trained under their elder brother, Giovanni Antonio Guardi. Their sister Cecilia married Giovanni Battista Tiepolo⏭. By 1731 the brothers are recorded as collaborating in a bottega, half-studio and half-shop.



Pietro Longhi | Portrait of Francesco Guardi



Francesco does not appear to have adopted the practice of veduta view painting, on which his fame rests, before the mid-1750s or later.
Perhaps he was impelled by the approaching death of his brother Giovanni and the absence of competition in this profitable field except from the aging and then unproductive Canaletto⏭. His earliest views are almost always signed or initialed, as though to draw attention to his new artistic aims, and they seem inspired by Canaletto’s⏭ own works of 30 years before.



In 1782 he depicted the official celebrations in honour of the grand duke Paul’s visit to Venice, basing at least one of the compositions on contemporary engravings. Later in the year he was commissioned by the republic to make similar records of Pius VI’s visit, the contract specifically forbidding such copying.


He enjoyed considerable favour with the English and other foreigners and was elected to the Venetian Academy in 1784. He was an exceedingly prolific artist whose scintillating and romantic impressions of the declining city are in marked contrast to Canaletto’s limpid photographic records of its architecture. | © Encyclopædia Britannica, Inc.



































Nato in una famiglia di artisti, Francesco Guardi (5 Ottobre, 1712 - 1 Gennaio, 1793) fu un pittore Veneziano⏭, celebrato per le sue vedute, un genere di paesaggi.
Domenico Guardi (1678-1716) passò il suo estro artistico ai suoi tre figli, Francesco, Niccolò e Gian Antonio. Come artista raggiunse una fama individuale solo nel XX secolo, essendo sempre stato considerato insieme agli altri esponenti della bottega di famiglia.
Si è spesso detto che l'opera di questa famiglia può essere considerata quella degli ultimi pittori della scuola veneziana nella sua forma classica.
Francesco Guardi si formò presso Michele Marieschi a partire dal 1735.
Dipinse la sua prima opera documentata a Vigo di Fassa, nella municipalità di Trento. Durante il periodo nella bottega di Marieschi, lavorò insieme al fratello Gian Antonio, che guidava lo studio di famiglia.
Realizzarono delle opere religiose, tra cui un quadro firmato da Francesco, il Santo adorante l'Eucaristia. Francesco si concentrò sul genere delle vedute solo alla morte del fratello, anche se aveva già realizzato qualche paesaggio.



Egli fu sicuramente influenzato dal più grande vedutista veneziano, Canaletto (1697-1768)⏭, ma anche da Luca Carlevaris (1663-1730), anch'egli veneziano ed esperto di vedute, che potrebbe essere stato uno dei maestri di Canaletto⏭.
Lo stile di Guardi si evolveva avvicinandosi a un approccio più a mano libera per le vedute cittadine, in contrasto con la precisione dei dettagli di Canaletto.
Questo diede a Guardi uno stile più d'atmosfera che catturava lo spirito di Venezia in vedute espressionistiche. Tale stile era noto come pittura di tocco, realizzato attraverso piccoli tocchi luminosi sulla tela, ricavati da piccoli puntini e ariosi colpi di pennello. 
Le opere di Guardi non erano solo paesaggi, ma egli dipinse anche un Miracolo di un santo domenicano, per la chiesa di san Pietro Martire a Murano. Egli era molto noto anche per le dodici tele raffiguranti i festeggiamenti per il doge del 1763, e La Santissima Trinità appare ai santi Pietro e Paolo realizzata per la chiesa di Roncegno nel 1779.




Tra il 1765-1770 eseguì la sua famosa veduta Capriccio con ponte e scorcio lagunare.
Nel 1782 fu incaricato di dipingere delle tele per la visita a Venezia dell'arciduca russo. In molti dei suoi ultimi lavori, Guardi usò la tecnica dello sfumato in maniera molto profonda, come esemplificato in Storie di Tobiolo, realizzate per la chiesa di San Raffaele Arcangelo a Venezia.
Egli dava anche molta enfasi ai colori, come notiamo in opere come Concerto di dame. Pare che negli ultimi anni della sua vita Guardi abbia dipinto le sue opere più personali ed espressive, tra cui le famose vedute della Laguna e i capricci. Agli Uffizi è esposto il Capriccio con arco e pontile.
Guardi venne ammesso all'Accademia di Venezia nel 1782. | © Galleria degli Uffizi, Firenze Italy












Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Fai una donazione con con Paypal

Follow by Email

Archivio