Textual description of firstImageUrl

Tomasz Rut, 1961 | Neo Baroque painter

Named one of the most collectible living artists, Tomasz Rut continues to expand the realm of contemporary figurative painting to the artistic limits reached only by the Great Masters of the past. Often compared to the epic works of the Antiquity, Renaissance and Baroque, his Classical artwork, inducted into The Vatican Collection by Pope Benedict XVI, resurrects the dormant tradition of figurative painting, emulating the style, harmonious elegance and passion in the spirit of Michelangelo, Raphael or Caravaggio, but does it in an eloquent, modern adaptation, accommodating the contemporary viewer.
Inspired by the mythological Greco-roman origins of our western culture, the content of Rut’s work is at once dreamlike and tangible.
Melding the sublime and the real, the artist seeks not to portray mythology as reality, but he transforms his subjects into sensuous, universal themes (...) that emanate from a unique, modern viewpoint, untinged by the all too frequent decadence, cynicism and confusion proliferating the art scene since Courbet's circa 1860 – exhortation: "Show me and angel and I'll paint you one".



While revisiting and honoring the past, Rut fast-forwards through history and points us in the direction of an inwards journey to explore the timeless spiritual realm, which transcends the ebbs and flows of aesthetic penchants and trendy fashions. His generic subjects, usually stripped of identifiable décor, not unlike the immortal mythological heroes, preserved and still proudly alive in Greco-roman statues or Pompeian frescoes – weathering the battle against time, decay and obliteration – remind us not only of our glorious history, but mainly, of the perseverance of the inherent human ability to remain beautiful and noble despite our ageing and losses.
Tomasz Rut’s paintings are filled with inspirational messages, often simple and sentimental, but invariably demonstrating the artist’s persistent faith in humanity.
This is perhaps most apparent in his numerous depictions of winged angels, often in compelling interactions, who - without being judgmental - encourage to evaluate our ethical conduct. Removed from their celestial clouds found in traditional religious art, merciful and tender, rather than admonishing or chastising, they coexist with their fallen human counterparts in the same realm, healing wounds, offering life giving water, restoring faith.
In fact, given tangible human emotions and personalities, they often appear fragile and vulnerable themselves to the weaknesses of their human subjects, implying an ambiguous outcome of their assistance, and translating into our eternal struggle between right and wrong.

Tomasz Rut 1961 | Polish Figurative painter

This powerful theme of good and evil can be found again in the artist’s dynamic renditions of horses and wrestlers, embattled between the earthly and ethereal realm. In their immortal struggle for survival, his heroic subjects become an allegory of courage and revolt against defeat and decay, and illustrate our resilience to the forces seeking our oblivion.
Accentuating the dramatic collision between the creation and destruction is the artificial patina, which resembles the quality of an aged, distressed wall fresco, ubiquitous in all of Rut’s paintings.
Beyond the purely aesthetic considerations, the illusion adds another dimension to the resultant work, whereas in the juxtaposition of beauty versus decay, the artist implies the eternal cycle of survival, controlled only by our acts of faith and determination.
Over and over again, whether in his sensual depictions of romantic couples, epitomizing the passion and compassion borne out of tender embraces and simple human kindness or in the youthful bodies of his beautiful models and musicians synonymous with the sublime source of aesthetics and inspiration, somewhere between the admiration for our abilities and the empathy for our weaknesses, Tomasz Rut’s art continues to cultivate our hope, love and understanding.













Nominato uno degli artisti viventi più collezionati, Tomasz Rut continua ad espandere il regno della pittura figurativa contemporanea fino ai limiti artistici raggiunti solo dai Grandi Maestri del passato.
Spesso paragonato alle opere epiche dell'Antichità, del Rinascimento e del Barocco, la sua opera d'arte classica, introdotta nella Collezione Vaticana da Papa Benedetto XVI, resuscita la tradizione assopita della pittura figurativa, emulando lo stile, l'armoniosa eleganza e la passione nello spirito di Michelangelo, Raffaello o Caravaggio, ma lo fa in un eloquente, moderno adattamento, accomodante lo spettatore contemporaneo. Ispirato alle origini mitologiche greco-romane della nostra cultura occidentale, il contenuto dell'opera di Rut è allo stesso tempo onirico e tangibile.
Fondendo il sublime e il reale, l'artista non cerca di ritrarre la mitologia come realtà, ma trasforma i suoi soggetti in temi sensuali ed universali che emanano da un punto di vista unico e moderno, non venato dalla fin troppo frequente decadenza, cinismo e confusione che proliferano sulla scena artistica dall'esortazione di Courbet nel 1860: "Mostrami un angelo e te ne dipingerò uno".


Mentre rivisita e onora il passato, Rut avanza velocemente attraverso la storia e ci indica la direzione di un viaggio interiore per esplorare il regno spirituale senza tempo, che trascende gli alti e bassi delle tendenze estetiche e delle mode alla moda.
I suoi soggetti generici, solitamente spogliati di decorazioni identificabili, non diversamente dagli immortali eroi mitologici, conservati e ancora orgogliosamente vivi nelle statue greco-romane o negli affreschi pompeiani - che hanno resistito alla battaglia contro il tempo, il decadimento e l'oblio - ci ricordano non solo la nostra gloriosa storia, ma soprattutto, della perseveranza della capacità umana intrinseca di rimanere belli e nobili nonostante il nostro invecchiamento e le perdite.
I dipinti di Tomasz Rut sono pieni di messaggi di ispirazione, spesso semplici e sentimentali, ma che dimostrano invariabilmente la fede persistente dell'artista nell'umanità. Questo è forse più evidente nelle sue numerose raffigurazioni di angeli alati, spesso in interazioni avvincenti, che - senza essere giudicanti - incoraggiano a valutare la nostra condotta etica. Rimossi dalle loro nuvole celesti trovate nell'arte religiosa tradizionale, misericordiosi e teneri, piuttosto che ammonire o castigare, convivono con le loro controparti umane cadute nello stesso regno, curando le ferite, offrendo vita dando acqua, restaurando la fede
. Infatti, date le emozioni e le personalità umane tangibili, spesso appaiono fragili e vulnerabili alle debolezze dei loro soggetti umani, implicando un esito ambiguo della loro assistenza e traducendosi nella nostra eterna lotta tra il bene e il male.


Questo potente tema del bene e del male può essere ritrovato nelle interpretazioni dinamiche dell'artista di cavalli e lottatori, in lotta tra il regno terreno ed etereo.
Nella loro lotta immortale per la sopravvivenza, i suoi soggetti eroici diventano un'allegoria del coraggio e della rivolta contro la sconfitta e il decadimento, e illustrano la nostra resistenza alle forze che cercano il nostro oblio.
Ad accentuare la drammatica collisione tra la creazione e la distruzione è la patina artificiale, che ricorda la qualità di un affresco murale invecchiato e angosciato, onnipresente in tutti i dipinti di Rut.
Al di là delle considerazioni puramente estetiche, l'illusione aggiunge un'altra dimensione all'opera risultante, mentre nella giustapposizione di bellezza contro decadimento, l'artista implica il ciclo eterno della sopravvivenza, controllato solo dai nostri atti di fede e determinazione.
Più e più volte, sia nelle sue rappresentazioni sensuali di coppie romantiche, che incarnano la passione e la compassione nate dai teneri abbracci e dalla semplice gentilezza umana, o nei corpi giovanili delle sue bellissime modelle e musicisti sinonimo della sublime fonte di estetica ed ispirazione, da qualche parte tra l'ammirazione per le nostre capacità e l'empatia per le nostre debolezze, l'arte di Tomasz Rut continua a coltivare la nostra speranza, amore e comprensione.