24/01/21

Textual description of firstImageUrl

Michel-Eugène Chevreul | Color theory, 1839



Michel-Eugène Chevreul, (born Aug. 31, 1786, Angers, France - died April 9, 1889, Paris), French chemist who elucidated the chemical composition of animal fats and whose theories of colour influenced the techniques of French painting.

Background And Education

Chevreul belonged to a family of surgeons. After receiving a private education during the French Revolution, in 1799 Chevreul entered a new scientific school in Angers.
In 1803 he left for Paris, intending to become a chemist. Nicolas Vauquelin, professor of chemistry at the Museum of Natural History, accepted him as his assistant.
Vauquelin wanted to isolate substances from animal and plant materials, and under his direction between 1807-1811 Chevreul isolated several coloured substances from woods, three of which (brazilin, hematoxylin, and quercetin) became commercial dye ingredients.


His discoveries of animal substances included creatine (a substance synthesized mainly in the liver from various amino acids and stored in muscles to provide energy) and cholesterol.

Chemistry of Fats

During his extraordinarily long life, Chevreul saw organic chemistry develop from a rudimentary state to a well-organized science. He made two major contributions to this development.
In 1811 his analysis of a soap made from pig fat led to a 12-year study of a variety of animal fats. Chemists believed that a soap was the product of the entire fat reacting with an alkali. However, Chevreul proved that an alkali split a fat into an alcohol, which he named glycerin, and a soap, which was the salt of an organic acid.
Thus, fats were glycerides of organic acids. He isolated many such acids, and a new series of organic substances entered the chemical literature - the fatty acids, bearing Chevreul’s names, such as oleic acid and stearic acid.
In 1823 he published a classic of chemistry, Recherches chimiques sur les corps gras d’origine animale (“Chemical Research on Animal Fats”), which described how he unraveled the nature of this biologically important class of organic compounds.


Because of the complexity of animal and plant materials, organic analysis had remained underdeveloped. A coherent system of methods of extraction and purification was needed to obtain pure chemical species from the complex mixtures found in nature.
Chevreul accomplished this with his research on fats, showing their constituents to be well-defined chemical compounds. His organic analysis placed the methods of extraction, isolation, and purification on a sound basis.
For his achievements, he was elected to the French Academy of Sciences in 1826. He succeeded Vauquelin as professor of chemistry at the Museum in 1830.

Chevreul’s research led to improvements and greater uniformity of product in the soap industry and to a new kind of candle.
In 1825 he obtained a patent for the preparation of stearic acid candles from fat. Chevreul’s candles, unlike the widely used tallow candles, were hard, odourless, and gave a brilliant light. Commercial stearin candles appeared in Paris in the 1830s, and they quickly became the most popular candle in France.

The Contrast of Colors

After 1824 Chevreul’s career took a new direction.
Soon after his appointment that year as director of dyeing at the tapestry works in Gobelin, he received complaints about the lack of vigour in tapestry colours. He found that the problem was not chemical in nature but optical. His lengthy investigation into the optical mixing of colours led to his finding several types of contrast of colour and tone and a formulation of the law of simultaneous contrast: colours mutually influence one another when juxtaposed, each imposing its own complementary colour on the other.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

The fruit of his colour studies was De la loi du contraste simultané des couleurs (1839; The Laws of Contrast of Colour), his most influential book. He provided many examples of how juxtaposed colours can enhance or diminish each other’s intensity, and he described many ways to produce desired colour effects, such as with massed monochromatic dots. To represent colours by definite standards, he brought together all of the colours of the visible spectrum, relating them to each other in a circular system, and he also produced scales of thousands of tints. He applied his findings to Gobelin tapestries and textiles, wallpaper, horticulture, mapmaking, colour printing, mosaics, and painting. Indeed, he “wrote the book” for artists, designers, and decorators.
His book, with its English and German translations, became the most widely used colour manual of the 19th century.

Chevreul and the French painter Eugène Delacroix were major influences in the development of Impressionism.
Delacroix experimented with broken tones, seeking to obtain vibrant and luminous colours. Inspired by Chevreul’s 1839 treatise, he took copious notes and passed his enthusiasm on to young artists.
The Impressionists, in their search for ways to make light and colour appear more brilliant, found valuable Chevreul’s advice that they should apply separate brushstrokes of pure colour to a canvas and allow the viewer’s eye to combine them optically.

Yvonne Canu | Saint Tropez, voiliers à quai

In the 1880s, the French Postimpressionist painters Georges Seurat and Paul Signac went further. They united Chevreul’s colour schemes with painters’ practices as closely as possible, developing the Pointillist technique of applying a multitude of tints and tones in the form of dots to their canvases.

Georges Seurat | Sunday on La Grande Jatte, 1884
In 1884 they visited Chevreul to pay homage to the man they regarded as the founder of French colourism.

His Later Years

Chevreul married Sophie Davallet, the daughter of a government official, in 1818. After her death in 1862, he resided in the Museum of Natural History. Chevreul continued his scholarly endeavours into the 1880s, his last publication appearing in 1888. He produced a treatise debunking psychic phenomena in 1854 and a psychological study of the changes associated with old age in 1875. Books on the history and philosophy of science appeared in 1860, 1866 and 1878.
His centenary in 1886 was a national event conducted in the presence of more than 2,000 international delegates from societies, schools, and museums. For his centenary, the French government published a beautiful edition of his colour book and erected a full-length statue of him in the gardens of the Museum. As his health declined in 1889, his only child, Henri, came to be with him. However, Chevreul suffered the death of his son 13 days before his own. | © Encyclopædia Britannica, Inc. - Albert B. Costa - Professor Emeritus of History, Duquesne University, Pittsburgh, Pa. Author of Michel Eugène Chevreul, Pioneer of Organic Chemistry.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

Michel-Eugène Chevreul, (nato il 31 agosto 1786, Angers, Francia - è morto il 9 aprile 1889 a Parigi), chimico francese che ha spiegato la composizione chimica dei grassi animali e le cui teorie del colore hanno influenzato le tecniche della pittura francese.

Background ed Istruzione

Chevreul apparteneva ad una famiglia di chirurghi. Dopo aver ricevuto un'istruzione privata durante la rivoluzione francese, nel 1799 Chevreul entrò in una nuova scuola scientifica ad Angers.
Nel 1803 parte per Parigi, con l'intenzione di diventare farmacista. Nicolas Vauquelin, professore di chimica al Museo di Storia Naturale, lo ha accettato come suo assistente. Vauquelin voleva isolare sostanze da materiali animali e vegetali, e sotto la sua direzione tra il 1807-1811 Chevreul isolò diverse sostanze colorate dai legni, tre delle quali (brasile, ematossilina e quercetina) divennero ingredienti coloranti commerciali.
Le sue scoperte di sostanze animali includevano la creatina (una sostanza sintetizzata principalmente nel fegato da vari amminoacidi ed immagazzinata nei muscoli per fornire energia) ecolesterolo.

Chimica dei Grassi

Durante la sua vita straordinariamente lunga, Chevreul lo vide la chimica organica si sviluppa da uno stato rudimentale a una scienza ben organizzata. Ha dato due importanti contributi a questo sviluppo.
Nel 1811 la sua analisi di un sapone a base di grasso di maiale portò a uno studio di 12 anni su una varietà digrassi animali. I chimici credevano che un sapone fosse il prodotto dell'intero grasso che reagiva con un alcali. Tuttavia, Chevreul dimostrò che un alcali divideva un grasso in un alcol, che chiamò glicerina, e un sapone, che era il sale di un acido organico. Pertanto, i grassi erano gliceridi di acidi organici. Isolò molti di questi acidi ed una nuova serie di sostanze organiche entrò nella letteratura chimica: gli acidi grassi, che portano i nomi di Chevreul, come l'acido oleico e l'acido stearico.
Nel 1823 pubblicò un classico della chimica, Recherches chimiques sur les corps gras d'origine animale("Ricerca chimica sui grassi animali"), che ha descritto come ha svelato la natura di questa classe biologicamente importante di composti organici.

A causa della complessità dei materiali animali e vegetali, l'analisi organica era rimasta sottosviluppata. Era necessario un sistema coerente di metodi di estrazione e purificazione per ottenere specie chimiche pure dalle complesse miscele presenti in natura.
Chevreul ha ottenuto questo risultato con la sua ricerca sui grassi, dimostrando che i loro costituenti sono composti chimici ben definiti. La sua analisi organica ha posto i metodi di estrazione, isolamento e purificazione su una base solida. Per i suoi successi, fu eletto all'Accademia francese delle scienze nel 1826. Successe a Vauquelin come professore di chimica al Museo nel 1830.

La ricerca di Chevreul ha portato a miglioramenti e una maggiore uniformità del prodotto nel sapone settore e ad un nuovo tipo di candela. Nel 1825 ottenne un brevetto per la preparazione di candele di acido stearico da grasso. Le candele di Chevreul, a differenza delle candele di sego ampiamente utilizzate, erano dure, inodori e davano una luce brillante. Le candele commerciali alla stearina apparvero a Parigi negli anni '30 dell'Ottocento e divennero rapidamente la candela più popolare in Francia.

Il Contrasto dei Colori

Dopo il 1824 la carriera di Chevreul prese una nuova direzione. Subito dopo la sua nomina in quell'anno a direttore della tintoria presso gli arazzi di Gobelin, ricevette lamentele sulla mancanza di vigore nei colori degli arazzi.
Ha scoperto che il problema non era di natura chimica ma ottico. La sua lunga indagine sulla miscelazione ottica dei colori ha portato a trovare diversi tipi di contrasto di colore e tono e una formulazione della legge del contrasto simultaneo: i colori si influenzano reciprocamente quando giustapposti, ciascuno imponendo il proprio colore complementare sull'altro.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

Il frutto dei suoi studi sul colore fu De la loi du contraste simultané des couleurs (1839; The Laws of Contrast of Color), il suo libro più influente. Ha fornito molti esempi di come i colori giustapposti possono aumentare o diminuire l'intensità reciproca e ha descritto molti modi per produrre gli effetti di colore desiderati, come con punti monocromatici in massa. Per rappresentare i colori secondo standard definiti, ha riunito tutti i colori dello spettro visibile, mettendoli in relazione tra loro in un sistema circolare, e ha anche prodotto scale di migliaia di tinte. Ha applicato le sue scoperte ad arazzi e tessuti Gobelin, carta da parati, orticoltura, cartografia, stampa a colori, mosaici e pittura. In effetti, ha "scritto il libro" per artisti, designer e decoratori.
Il suo libro, con le sue traduzioni in inglese e tedesco, è diventato il manuale a colori più utilizzato del XIX secolo.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

Chevreul ed il pittore francese Eugène Delacroix furono le maggiori influenze nello sviluppo dell'impressionismo.
Delacroix ha sperimentato toni spezzati, cercando di ottenere colori vibranti e luminosi. Ispirato dal trattato di Chevreul del 1839, prese numerosi appunti e trasmise il suo entusiasmo ai giovani artisti.
Gli impressionisti, nella loro ricerca di modi per rendere la luce ed il colore più brillanti, hanno trovato il prezioso consiglio di Chevreul di applicare pennellate separate di colore puro su una tela e consentire all'occhio dello spettatore di combinarle otticamente.
Negli anni 1880, i pittori postimpressionisti francesi Georges Seurat e Paul Signac è andato oltre. Hanno unito gli schemi di colori di Chevreul con le pratiche dei pittori il più fedelmente possibile, sviluppando la tecnica puntinista di applicare una moltitudine di tinte e toni sotto forma di punti alle loro tele. Nel 1884 visitarono Chevreul per rendere omaggio all'uomo che consideravano il fondatore del colorismo francese.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

Gli ultimi Anni

Chevreul sposò Sophie Davallet, la figlia di un funzionario del governo, nel 1818. Dopo la sua morte nel 1862, risiedette al Museo di Storia Naturale. Chevreul continuò i suoi sforzi accademici negli anni ottanta dell'Ottocento, la sua ultima pubblicazione apparve nel 1888.
Produsse un trattato che smascherava i fenomeni psichici nel 1854 e uno studio psicologico dei cambiamenti associati alla vecchiaia nel 1875.
Libri di storia e filosofia della scienza apparvero nel 1860, 1866 e 1878.
Il suo centenario nel 1886 fu un evento nazionale condotto alla presenza di oltre 2.000 delegati internazionali di società, scuole e musei.
Per il suo centenario, il governo francese ha pubblicato una bella edizione del suo libro a colori e ha eretto una sua statua a figura intera nei giardini del Museo. Quando la sua salute peggiorò nel 1889, il suo unico figlio, Henri, venne a stare con lui. Tuttavia, Chevreul ha subito la morte di suo figlio 13 giorni prima della sua. | Albert B. Costa © Encyclopædia Britannica, Inc.

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)


Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)

Chevreul | Color Theory book illustrations     (Click Image To View Full Size)