Pubblicato il 27/07/18 ed aggiornato il

Textual description of firstImageUrl

Alfred Guillou | Academic painter




Alfred Guillou (12 September 1844, Concarneau - 1926, Concarneau) was a French painter⏩ of Breton heritage.
  • Biography
His father was a fisherman and farmer who served as mayor of Concarneau for fifteen years. He received his first art lessons from the lithographer Théodore Le Monnier (1815-1888), who was visiting Concarneau. On his advice, Guillou moved to Paris in 1862, where he attended the Académie Suisse for a short time, then found a position in the workshop of Alexandre Cabanel⏩. While there, he met Jules Bastien-Lepage⏩, Fernand Cormon and Théophile Deyrolle, who he convinced to give up architecture and join him at Cabanel's.



He debuted at the Salon in 1868 with his Young Breton Fisherman. Three years later, he and his friend Deyrolle left Paris for Concarneau, with nothing more than they could carry on their backs.


The following year, Deyrolle married Guillou's sister Suzanne. Together, they created the Concarneau Art Colony, which benefitted from its proximity to Pont-Aven, where Paul Gauguin⏩ and his followers congregated.
He also exhibited works at both the 1889 and 1900 Universal Exhibitions in Paris where he received silver medals⏩.
After his marriage to the daughter of the engraver Joseph Gabriel Tourny (1817-1880), he maintained a home in Montparnasse, but spent as much time as possible in his hometown. Following his father's death in 1887, he built a home and workshop there, became involved in local politics and joined the board of the Musée des beaux-arts de Quimper.



Over the years, the Colony attracted many artists who were either interested in maritime subjects or wanted to achieve a sort of primitivism; represented for them by the traditions of the Breton people, which had survived mostly intact from an earlier period.
Among the better-known artists who spent time there were Peder Severin Krøyer⏩, Charles Cottet, Jules Bastien-Lepage⏩, Pascal Dagnan-Bouveret⏩, Amélie Lundahl, Cecilia Beaux and T. Alexander Harrison. | © Wikipedia












Alfred Guillou (Concarneau, 12 settembre 1844 - Concarneau, 1926) è stato un pittore Francese⏩.
  • Biografia
Figlio di un pescatore bretone, che fu Sindaco di Concarneau per quindici anni, Alfred Guillou ricevette le sue prime lezioni di disegno dal litografo Théodore Lemonnier (1815-1888) che incontrò a Concarneau nel 1860 mentre era di passaggio. Lemonnier notò le doti del giovane e gli consigliò di proseguire gli studi presso degli atelier parigini. Guillou, pertanto, si trasferì a Parigi due anni dopo, nel 1862, dove frequentò per qualche tempo l’Académie Suisse , quindi continuò la sua formazione presso l'atelier di Alexandre Cabanel⏩. Fu lì che egli conobbe Jules Bastien-Lepage⏩, Fernand Cormon e in particolare Théophile Deyrolle.
Nel 1868 debuttò al "Salon" con la tela “Jeune pêcheur breton”, ma tre anni più tardi, assieme all'amico Deyrolle, lasciò Parigi per tornare al suo paese natale, portandosi dietro solo quello che poteva trasportare.
Con Deyrolle, che sposerà l'anno seguente sua sorella Suzanne, Guillou divenne ben presto un personaggio di riferimento per molti artisti che vennero a Concarneau, finendo per formare una "colonia" artistica molto frequentata, che prese il nome di "Scuola di Concarneau". Al pari di quella creatasi a Pont-Aven per la presenza di Paul Gauguin⏩, essa eserciterà una particolare attrazione ed influenza su numerosi pittori, per i quali i costumi e le secolari tradizioni del popolo bretone apparivano come una forma di primitivismo sociale ed estetico.
Fra gli altri, si ritrovarono in questo gruppo, chi in modo fisso, chi saltuariamente, artisti come Léon Joubert, François-Alfred Delobbe, Antonin Mercié, Jules Bastien-Lepage, Pascal Dagnan-Bouveret⏩, Peder Severin Krøyer, Charles Cottet, Amélie Lundahl, Cecilia Beaux e Alexander Harrison.
Dopo la morte del padre, avvenuta nel 1887, Guillou si costruì una casa e un atelier, inoltre prese parte attivamente ai problemi della politica locale, alla pubblica amministrazione ed entrò persino nella Direzione del Museo di Belle arti di Quimper. Qualche tempo dopo sposò la figlia dell’incisore Joseph Gabriel Tourny (1817-1880), e mantenne una sede a Parigi, a Montparnasse, ma non vi si stabilì, e anzi, trascorse più tempo che poteva nella sua città natale.
Espose dei lavori nel 1889 e nel 1900 all’Expo di Parigi, dove ricevette una medaglia⏩ d’argento.
D'ispirazione chiaramente naturalista, i soggetti preferiti di Guillou erano sempre riferiti alla vita quotidiana del porto di pesca, spesso realizzati a grande formato, come "Les Sardinières de Concarneau" (1896), oggi al Museo di Belle arti di Quimper, o anche il "Débarquement du thon à Concarneau" (1902), conservato al Museo d'arte e storia di Saint-Brieuc.
Guillou visse sempre a Concarneau, e assai probabilmente vi morì, ma ciò non è certo, come del tutto incerta è la data esatta della sua morte. Correva comunque l'anno 1926. Guillou, dunque, morì a 82 anni. | © Wikipedia



Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Fai una donazione con con Paypal

Follow by Email

Archivio