Textual description of firstImageUrl

Max Leenhardt (1853-1941)



Michel Maximilien Leenhardt was a French painter, known for landscapes, history paintings and genre scenes.

Biography

His father was a bank manager. In 1872, he entered the "École supérieure des beaux-arts de Montpellier", where he studied with the history and genre painter, Ernest Michel. During his time there, he made a study trip to Austria.
In 1877, together with his cousin, Eugène Burnand, he went to Paris, where he studied briefly at the École Nationale Supérieure des Beaux-Arts with Alexandre Cabanel.



Following that, he travelled throughout Normandy, visiting Mont Saint Michel, and Brittany. Upon returning home, he executed portraits of the professors from the Faculty of Medicine at the University of Montpellier.
He began exhibiting at the Salon des Artistes Français in 1879 and would be a regular participant there until 1936.
He continued travelling in 1880-1881; across the continent to the Eastern Mediterranean, spending some time in Istanbul, then passing through Cairo and Piraeus. During his stay in Istanbul, he became friends with the Ottoman painter, Osman Hamdi Bey.
In 1882, he made it to the second tier in the competition for the Prix de Rome.
He eventually settled in Paris, but made frequent trips home. During one visit, in 1888, he created panels for the Opéra national de Montpellier.


Two years later, he married Marie Castan, the daughter of one of the professors he had painted at the Faculty. After that, he returned to Montpellier permanently and opened a studio. His wife died only three years later, while giving birth to their second son.
In 1900, he was one of numerous painters chosen to decorate the restaurant at the Gare de Lyon (now known as Le Train Bleu), creating a panel depicting Montpellier.
Many of his works draw their inspiration from the history of Protestantism in France.
He also did some illustrations, notably for Gens de la Grande Terre by Michel Leiris and, as did most French artists of that period, designed posters.
He died during the German Occupation and was buried at the Protestant Cemetery in Montpellier.
The following year, a major retrospective was held at the Musée Fabre. A plaza and a street near his studio have been named after him. | © Wikipedia




Michel Maximilien Leenhardt (2 aprile 1853, Montpellier - 15 maggio 1941, Clapiers) è stato un pittore Francese, noto per i paesaggi, i dipinti storici e le scene di genere.
Biografia

Michel Maximilien (detto "Max") Leenhardt nacque a Montpellier, nel sud della Francia, in una famiglia benestante. Suo padre era infatti direttore di banca e Max il secondo di otto figli.
A 19 anni si iscrisse all'École des beaux-arts della sua città e studiò nell'atelier di Ernest Michel.
Nel 1873, un anno dopo la scomparsa del padre, fece un viaggio in Austria, dove eseguì diversi disegni e dove divenne grande amico di Marianne Preindelsberger Stokes. Sinceramente affezionato alla pittrice austriaca, quando, dopo qualche anno, ella si recò a Parigi per studio, Leenhardt la accolse, le trovò una sistemazione e la presentò ai suoi amici pittori, inserendola nell'ambiente artistico parigino. Nel 1877, infatti, Leenhardt si trasferì a Parigi per seguire i corsi dell'École nationale supérieure des beaux-arts, avendo come insegnante il pittore Alexandre Cabanel.
Lì ritrovò suo cugino Eugène Burnand e frequentò i pittori svizzeri e i seguaci neoclassicisti di Jean-Léon Gérôme.
All'inizio si sistemò in una pensione familiare al n.3 di rue des Beaux-arts a poca distanza dall'École, poi affittò una stanza-atelier dove poté accogliere i suoi amici.
Leenhardt completò infine la sua formazione scolastica frequentando alcune accademie libere, laddove strinse un sodalizio con Fernand Khnopff. Da quel momento la sua pittura si arricchì di una certa vena simbolista.


Nello stesso anno del suo arrivo a Parigi, il 1877, assieme al pittore Evert van Muyden, Leenhardt fece un viaggio in Normandia e visitò il Mont Saint Michel, proseguendo poi per la Bretagna, dove si fermò qualche tempo a Dinan. Dal 1878, divise il suo tempo fra Parigi e Clapiers, nei pressi di Montpellier.
Nel 1879 Leenhardt debuttò al "Salon des artistes français", dove continuò ad esporre per quasi tutta la vita, sino al 1939.
Negli anni 1880-1881, viaggiò per l'Europa, per poi fermarsi alcuni mesi a Costantinopoli.
Nel viaggio di ritorno toccò Il Cairo e Il Pireo, prima di sbarcare a Marsiglia e quindi rientrare a Montpellier. Durante il soggiorno a Costantinopoli fece amicizia con il pittore ottomano Osman Hamdi Bey.
Si trasferì quindi definitivamente a Parigi, pur tornando spesso per lunghi periodi a Montpellier. Durante uno di questi soggiorni nella sua città natale, Leenhardt, nel 1890, sposò Marie Castan (1867-1893), la figlia di Alfred Castan, professore della facoltà di medicina di Montpellier.
Da questa unione nacquero due bambini: Jean (1891-1967) e Georges (1893-1962). Tre anni dopo, però, la moglie Marie si spense dando alla luce il loro secondo figlio e Leenhardt rimase vedovo. Affidati i due figli a persona di famiglia, egli tornò a Parigi, pur tornando frequentemente nella sua città.


Leenhardt partecipò attivamente ad incarichi ufficiali per la decorazione di edifici pubblici (municipi, teatri, stazioni, etc.), fra cui, in particolare, dei pannelli per il Teatro dell'Opera di Montpellier (1888) ed il ristorante della stazione della Gare de Lyon di Parigi, in seno alle attività promosse in occasione dell'Expo del 1900.
Fra il 1900-1922, dipinse anche una serie di ritratti di professori dell'Università di Montpellier, delle facoltà di medicina, farmacia e diritto.
Un aspetto collaterale della sua opera è costituito da opere d'ispirazione religiosa protestante, con soggetti come: "Un prêche au Désert" (oggi nella collezione del Museo del Deserto), o "Les Prisonnières de la Tour de Constance", che fu esposto nel 2011 ad Alès.
Max Leenhardt mori a 88 anni nel 1941 e fu sepolto nel cimitero protestante di Montpellier.
Una piazza della città porta il suo nome, così come la scalinata Leenhardt nel Museo Fabre.